Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Il nostro 11 settembre

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Il nostro 11 settembre Empty Il nostro 11 settembre Lun Lug 26, 2021 12:46 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
https://www.differentales.org/t827-pensieri-rinchiusi:

 Stralcio dal giornale Padova Oggi
Incendio in un condominio a… , oggi 28 novembre 2015

«Un incendio di enormi dimensioni si è sviluppato nel primo pomeriggio di sabato, pochi minuti dopo le 15, in un condominio...
CONDOMINIO A FUOCO. Massiccio il dispiegamento di forze da parte dei vigili del fuoco, intervenuti con nove squadre (da Padova, Abano Terme, Santa Giustina, Vicenza e Venezia), per un totale di 26 uomini, e con dieci automezzi, tra cui 4 autoscale. L'incendio è divampato in uno spazio interrato del condominio. Il fumo si è quindi esteso ai vani scale e ai corridoi di due palazzine, collegate tra loro da un tunnel, costringendo i condòmini a rinchiudersi nei propri appartamenti o a trovare sollievo dal fumo nelle terrazze private.»

Il nostro undici settembre

Erano le tre di pomeriggio ed eravamo seduti a tavola… Mia moglie preparava il caffè.
Chissà per quale motivo quel giorno ero rimasto vestito dopo essere rincasati, niente solita tuta e ciabatte.
Tutto tranquillo fino a quando un forte odore di gas cominciò a inondare l’appartamento.
Ci volle poco a realizzare che la situazione era grave. Cosa fare?
«Qui scoppia tutto» E nel dirlo presi per mano mia moglie e uscimmo sul pianerottolo.
Piccola premessa, il mio condominio è un labirinto di scale e corridoi…
Il vento fece richiudere la porta di casa e ci ritrovammo prigionieri a ridosso delle scale.
Feci un passo sul primo gradino e in quel momento fummo inondati da un fumo nerissimo e irrespirabile, non si vedeva nulla, sembrava l’inferno, non riuscivo nemmeno a vedere le mie mani infilate nell’occhio.
Cominciammo a scendere e a inoltrarci nei corridoi andando avanti a caso e facendo una fatica enorme a respirare. Io tenevo stretta la mano di mia moglie, sapevo che se avessi perso la presa sarebbe stata la fine.
Arrivati a un punto che sapeva di nulla e di morte prendemmo la direzione sbagliata: salivamo su invece di scendere. Per puro caso misi la mano sul passamano della rampa di scale che scendeva e intuii dall’inclinazione che quella era la strada. Riuscimmo a scendere nel corridoio centrale a piano terra, sempre immersi nell’inferno più cupo e sempre respirando oramai a fatica, anzi il fiato stava per finire e si sentiva il nostro ansimare convulso.
Notai un piccolo squarcio di luce e mi diressi, sempre tenendo per mano mia moglie, in quella direzione, eravamo a ridosso del grande portone che dava all’esterno.
Purtroppo mancava la corrente e quel portone era impossibile da aprire, in un ultimo tentativo disperato tornai indietro e per puro miracolo appoggiai una mano su un muro a un centimetro dalla maniglia della porta d’uscita per il corridoio dei garage, l’aprii con tutta la forza trascinandomi mia moglie, ci tuffammo fuori, facendo un respiro lunghissimo che sapeva di nascita.
Eravamo neri come il carbone e gonfi, tutta la pelle appiccicata da plastica andata in fumo.
Eravamo vivi.
Passammo una notte sulla barella del pronto soccorso e io avevo dei valori clinici degni d’un morto, tant’è che mi guardavano come un morto…
Ci misi un anno per far tornare quei valori a una certa normalità.
Chi o cosa ci aveva permesso di resistere? Impossibile respirare, come da dichiarazione dei vigili del fuoco. E cosa avevo nelle mani da tenere incollata a me mia moglie con tanta forza? E perché feci quei gesti che ci salvarono la vita? E come potevo essere ancora vivo dopo nonostante quei valori?

«Ancora oggi conservo la foto dell'impronta nera della mia mano lasciata sul muro accanto alla porta d'uscita, un po' come la mano della baronessa di Carini, per chi ricorda quel vecchio sceneggiato Rai degli anni settanta...»


Il nostro 11 settembre Foto_i10


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2Il nostro 11 settembre Empty Re: Il nostro 11 settembre Lun Lug 26, 2021 3:01 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao @Giancarlo Gravili. Ero indecisa sé rileggere o meno il tuo racconto. Mi ha colpito tanto la prima volta e continua a colpirmi. Duro. Ma hai fatto bene a pubblicarlo di nuovo. È una testimonianza di vita, di positività. La vita e l’amore che salvano. Certo che un’esperienza simile ti cambia la vita. Istanti indelebili, come quella impronta di mano della quale puoi andare fiero. C’è parte della tua vita, quella “prima” e parte di quella nuova, “dopo”.
Un abbraccio 🤗


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

3Il nostro 11 settembre Empty Re: Il nostro 11 settembre Lun Lug 26, 2021 3:46 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Grazie Pet è sempre difficile pubblicare una storia così. Ma ciò dimostra che oltre ogni immagine scritta si cela un'anima profonda. Ci tenevo a far comprendere come l'aspetto ludico di certe mie scritture sia invece lontano dal mondo profondo che vive dentro di me. Donare un attimo di gioia e sorriso con delle piccole scritture ti ripaga delle tante amarezze che la vita ci riserva.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

A Petunia garba questo messaggio

4Il nostro 11 settembre Empty Re: Il nostro 11 settembre Lun Lug 26, 2021 9:04 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
E hai anche avuto la forza di scriverlo?!  Mini bttuta a parte, non è impossibile, ma molto difficile. Quattro anni fa passai una giornata che non auguro a nessuno. Tutte le persone coinvolte sono vive e stanno bene, ma per qualche ora... l'ho raccontata tante volte, tutti volevano sapere, ma come mi sono sentita in quelle ore è inenarrabile, nonostante abbiamo dizionari zeppi di parole e sinonimi.
Hai fatto bene, a volte è anche liberatorio far uscire o provare a far uscire i ricordi.
Un abbraccio


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

5Il nostro 11 settembre Empty Re: Il nostro 11 settembre Lun Lug 26, 2021 9:51 pm

FraFree

FraFree
Padawan
Padawan
Una vicenda terribile, ma ne siete usciti e questa è la cosa più importante, anche se certi traumi scalfiscono a vita. Comunque, mettere fuori certe cose con la scrittura credo sia terapeutico.


______________________________________________________
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)

A Susanna garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.