Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

X

+12
SisypheMalheureux
Molli Redigano
Resdei
Akimizu
Achillu
Danilo Nucci
Byron.RN
Susanna
Giancarlo Gravili
Petunia
paluca66
Different Staff
16 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1X Empty X Lun Giu 07, 2021 11:37 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
«Solo uno» li ammonisce ancora, alzando verso quegli occhi spalancati un dito scheletrico.
Poi si ritira in un angolo della cabina, fissandoli con occhi di brace.
La figura è apparsa dal nulla pochi istanti prima: un vortice gelido l’ha annunciata seguito dalla sua folle richiesta.
Le persone sono tutte raggruppate nel lato opposto del piccolo abitacolo. I bambini piangono in collo alle mamme, i fidanzati si abbracciano. Tutti hanno stampato sui visi l’orrore di ciò che accade.
I due vecchi hanno le mani intrecciate insieme e ognuno scava negli occhi dell’altro i ricordi di una vita. L’uomo si allontana un po', la moglie lo trattiene per un attimo, poi lo lascia andare.
«Vengo io» sussurra alla forma scura che li scruta dall’angolo opposto della cabina.
«Tu no, sei vecchio. Voglio uno di loro» e punta ancora una volta il dito verso i tre bambini che si stringono ancora più forte ai genitori.
Tutti sussultano e si guardano smarriti: fuori il paesaggio da cartolina che offre la salita in funivia scompare dietro tutto quell’orrore. La sua richiesta è lapidaria: vuole uno di loro, un bambino.
La figura scura fluttua nell’aria e si avvicina al gruppo di persone spaventato.
«Forse non mi sono spiegata bene» e la sua voce è una cascata di ghiaccio che congela i loro cuori «Tra poco questo viaggio per voi sarà finito» e indica il guardiano della stazione che è già uscito per accoglierli al cancello «Ma uno di loro deve venire con me. Adesso.»
«Non posso» bisbiglia una delle mamme stringendo a sé il figlio: ha più di quarant’anni, sa che non potrà averne altri.
Tutti si voltano verso la giovane madre curva sui due bambini, gli occhi folli rimbalzano da l’uno all’altro.
«Uno di loro viene con me» la incalza la figura nera.
«Perché?...» sussurra la madre senza staccare lo sguardo dai bambini.
«Perché deve essere così» e le parole gelide circondano la giovane donna senza lasciarle via di scampo.
Il custode della stazione è là fuori, sorride e alza una mano per salutarli. Con la mano spalanca il cancelletto.
«Adesso!» sibila la figura.
«No!» urla la madre, ma il padre dei bambini prende il più grande dall’abbraccio materno, lo fissa negli occhi. Le sue mani tremano e il bambino si aggrappa a lui.
«Papà…»
Ma l’uomo ha scorto qualcosa nel luccichio di ghiaccio di quegli occhi brillanti. Prende il bambino più grande e lo spinge dall’altra parte della cabina.
La giovane madre cerca di riprenderlo, ma l’oscura figura lo tiene con sé.
«Adesso potete continuare il vostro viaggio» e la sua voce ha una nota triste.
«Sei crudele!» urla la madre.
«La vita lo è» sentenzia la figura un attimo prima di sparire con il bambino.
 
Il piccolo ha gli occhi chiusi e sogna.
Sogna un viaggio tra le vette dei monti, in una bella giornata di primavera. Vola alto in alto: se allunga la mano può sfiorare le cime degli abeti. Sente l’aria frizzante della montagna, sente la vita che scorre dentro di lui in un’inarrestabile corsa.
La figura scura lo guarda ancora per un po' e spia il suo sogno tranquillo: le piace ciò che vede, è qualcosa di molto simile alla speranza.
Il bambino apre gli occhi e la vede: il suo pallore è simile al bianco del cuscino che accoglie la sua testa fasciata.
«Andrà tutto bene» gli sussurra.
E forse sarà davvero così.

2X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 7:38 am

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan
Bello il ribaltamento di prospettiva anche se, purtroppo, essendo troppo fresco di cronaca nera, fin dalle prime battute avevo intuito che l'"uno" era quello che doveva salvarsi.
In poche righe ci hai fatto entrare in quella cabina e nel freddo che ha riempito cuori e menti dei turisti pur in una giornata calda di inizio estate.
Emozionante quasi fino agli occhi lucidi la frase:

ha più di quarant’anni, sa che non potrà averne altri
Ottima prova, grazie.

3X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 8:10 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Cos’è il talento? Hai detto di aver scritto questa storia in pochissimo tempo. Ma il tempo, quando si padroneggiano gli strumenti del mestiere come sai farlo tu  [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] è davvero una componente relativa.
Il tuo horribile mondo si confronta con la orribile realtà. Ombre sinistre che emergono dal buio. Ma sei riuscita a mettere una luce. Quell’uno bambino che si è salvato. Fantasia e realtà fuse in una piccola perla letteraria. Bravissima, non dico altro.


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

4X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 9:12 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Grande racconto che inquadra la visione sul dantesco inferno e in effetti quella funivia è un inferno e il senso dell'unico superstite sta nella sua giovane età. Ma chi è che sceglie per noi e quali sono i moti che muovono le regole della vita, chi decide vita e morte?
Questi gli interrogativi che ci lasciano sospesi come la cabina e noi dondoliamo insieme al racconto che ci terrorizza, ci spara in faccia il terrore di quelle persone e ogni gesto ripercorre la volontà d'aggrapparsi alla vita. Intenso il finale in cui si percepisce lo sdoppiamento dell'esistenza che per tutti finisce e inizia in un'altra dimensione e per un bambino finisce sulla terra per come l'aveva vissuta sino ad allora e continua in un modo totalmente diverso.
Tecnica perfetta per un bel talento d'autrice.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

5X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 10:02 am

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Questo racconto mi ha messo i brividi, ora ho un nodo in gola che mi sta togliendo il fiato e un velo di lacrime proprio non riesco ad evitarlo.
E' impressionante come hai saputo trasmettere quelli che potrebbero essere stati gli ultimi pensieri di persone che sanno di vivere gli ultimi istanti di vita, una vita piena e appagante, una vita che si sta appena appena palesando...
Difficile narrazione, ma anche facile perchè ci è stata data la possibilità di avere tanto tempo per scrivere di pochi attimi.
Tutti ci diciamo che dovremmo apprezzare di più le fortune che abbiamo confrontandole con dolori così devastanti, ma poi si andrà oltre, guidati da un potente meccanismo di difesa: la vita che continua.
Bravissima.



Ultima modifica di Susanna il Mar Giu 08, 2021 10:46 am - modificato 1 volta.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

6X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 10:46 am

Ospite


Ospite
Hai interpretato la tragedia recente a modo tuo, come solo tu sai fare.
Rumori, pianti, brividi fanno da cornice a quel che accade.
Quel che sembra crudeltà è nella realtà un gesto generoso.
La somma dei vari stati d'animo, delle situazioni, del terrore, fa del tuo racconto
un'opera d'arte. 
Quello che più mi colpisce è la velocità superiore ai ritmi degli altri autori che tu riesci a far
tenere alle tue immagini. Come ex atleta ti vorrei come compagna di allenamento.
Un abbraccio.
Bravissima autrice.

7X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 2:42 pm

Byron.RN

Byron.RN
Padawan
Padawan
Mi hai fatto ricordare un'opera di King, una sceneggiatura per l'esattezza: "Datemi quel che voglio e io me ne andrò."
Chissà se un pò ti ha ispirato.
Un bel pezzo, angosciante, raggelante.
Ti dirò che il pezzo sembra chiaro, però la figura scura dal dito scheletrico fa pensare alla nera signora che raccoglie vite. Allora perché ha reclamato quel bambino? Solo quel bambino? Non è che hai voluto ribaltare la situazione? Non è che gli altri si sono salvati e quel solo bambino è l'anima reclamata per la salvezza di tutti gli altri? Non sono un padre e non capisco le dinamiche, ma forse dovendo scegliere uno istintivamente salverebbe il bambino più piccolo, il cucciolo, non il figlio più grande. Ma queste sono tutte supposizione che lasciano il tempo che trovano.
Ti segnalo questo pezzo: vola alto in alto(forse manca una virgola).
Bel pezzo, come sai fare tu.

8X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 4:27 pm

Danilo Nucci

Danilo Nucci
Padawan
Padawan
Cerco di immaginare il significato del titolo (o della sua assenza), mi faccio qualche idea ma non sono certo di niente.
A fronte di questa incertezza iniziale, per il resto ho solo certezze.
Credo che questo sia il tuo genere più congeniale.
Hai saputo spiazzarmi con quella descrizione iniziale che mi ha ricordato il Caron dimonio dantesco o l’immagine della Morte a caccia di vittime e poi si scopre che invece è forse un angelo che strappa alla morte quel bambino, proprio come è successo nella realtà. 
Lo stile sempre pulito e preciso.
Non mi impegno nemmeno a cercare difetti di forma e refusi.

9X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 10:21 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Caipiroska.

Vogliamo trovare un difetto? Ok, facciamo che è il titolo. Ho provato a leggere il racconto dimenticando la cronaca e non è chiaro che cosa la nera figura femminile fa col bambino rapito e i personaggi nella funivia semplicemente spariscono dal racconto. In questa prospettiva il finale non mi soddisfa né mi angoscia ciò che il racconto non spiega.

Grazie e alla prossima.


______________________________________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
https://linktr.ee/Achillu

10X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 11:00 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Be', certo che come sai trasmettere angoscia tu... Vabbè, è tutto perfetto, non ne dubitavo, ho solo un dubbio. Hai voluto raccontare a modo tuo il Mottarone. Noi lo abbiamo intuito subito perché è la notizia che ha ispirato il concorso. Fuori dal concorso, se vorrai proporlo altrove, ti consiglio di contestualizzarlo, anche solo con un titolo che lo identifichi. Ho poi un consiglio, ma è una pignoleria. Perché la madre quarantenne non vuole lasciar andare il suo bambino? Magari pensa, come hai indotto il lettore a pensare, che quella sia una figura maligna e non benigna. Questo pensiero appartiene quindi anche al padre, per forza, invece sceglie di sacrificare il figlio in base a un luccichio, una sensazione (una metafora del fatto che l'abbia salvato abbracciandolo si capisce) troppo repentina e immotivata. C'è poca chiarezza sul perché il padre lasci andare il bambino. Bastavano due righe in più, in un testo così breve avrebbero pesato molto. Comunque è un testo notevolissimo, brava davvero.

11X Empty Re: X Mar Giu 08, 2021 11:18 pm

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan
ciao Caipi

racconto scritto quasi di getto?
benedetta figliola, e quando ti ci metti un pezzettino di più, che succede?

Il custode della stazione è là fuori, sorride e alza una mano per salutarli. Con la mano spalanca il cancelletto.


questa è stata, per me, la frase più agghiacciante.
complimenti Caipi. sei veramente molto brava!

il titolo no so, potrebbe essere l'ora X?
oppure un semplice segno rosso, una croce su chi si salva?

12X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 10:48 am

Molli Redigano

Molli Redigano
Padawan
Padawan
Sulla scrittura nulla da eccepire. Sul genere scelto neppure, senza nessun paletto è giusto che un autore si cimenti in ciò che gli è più congeniale. 

La recente tragedia della funivia Stresa - Mottarone vista da un'altra prospettiva. Personalmente la figura nera l'ho percepita come "il male", "la morte" o comunque qualcosa di negativo. Un imprinting su cui tu hai ben calcato la mano, utilizzando descrizioni giuste e dialoghi perfettamente adattati al tipo di personaggio. Insomma, hai caratterizzato qualcuno in un modo così forte che non sono riuscito, nonostante il finale, a percepirlo in altro modo se non come "male assoluto". Eppure l'epilogo è chiaro. Ma ci sono rimasto male.

Ti segnalo che il titolo non è degno dello spessore del testo. Secondo me, s'intende.


______________________________________________________
Branzagot senz'onma.

Gaute da suta [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]!

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

13X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 11:06 am

SisypheMalheureux

SisypheMalheureux
Padawan
Padawan
Ho deciso di commentare il tuo racconto per ultimo, perché suscita molte emozioni immediati, come un'onda che ti travolge, e ho voluto provare a dare la mia opinione a mente fredda. Nonostante questo l'emozione è ancora viva e presente all'ennesima rilettura. 
L'unica pecca di questo scritto sono tutti i riferimenti non espliciti alla tragedia del Mottarone. Noi lo abbiamo capito subito perché è ancora fresca nella memoria, ma tra qualche anno magari non tutti riusciranno a capire il senso del tuo bellissimo racconto. Ti consiglio, magari, di editarlo in quest'ottica. Ma davvero sei riuscita a toccare il cuore di tutti, penso di poterlo dire senza timore di sbagliare. Complimenti.
PS, ho avuto come l'impressione, da quello che hai scritto, che tutti i passeggeri della funivia avessero compreso male l'intenzione della Signora con la Falce. Mi è sembrato che pensassero che lei volesse prendere uno di loro (per quello il vecchio dice "prendi me") quando invece era il contrario, uno solo si sarebbe salvato. Chissà se ho interpretato bene...


______________________________________________________
"Stirpe miserabile ed effimera, figlio del caso e della pena, perché mi costringi a dirti ciò che per te è vantaggiosissimo non sentire? 
Il meglio è per te assolutamente irraggiungibile: non essere nato, non essere, essere niente. Ma la cosa in secondo luogo migliore per te è morire presto."

14X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 12:46 pm

ImaGiraffe

ImaGiraffe
Padawan
Padawan
Un punto di vista che dice moltissimo di te. Di quanto ti piaccia sovvertire le cose e stupire. Sono rimasto folgorato. Mentre si legge si capisce già tutto ma non interessa perché te sei catapultato lì e anche se sai come finirà non smetterai di sperare in un finale diverso. 
Ricordo che tra le altre cose avevi detto di averlo scritto in poco tempo. Beh che dire... un pochino ti odio per questo. (Ovviamente scherzo) ti apprezzo molto.
Bravissima un pezzo forte.

15X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 4:24 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan
Sono molto combattuto tra la qualità dello scritto e il tema trattato. Troppo fresche le ferite aperte dalla vicenda per scriverne un racconto. Molto efficace invece il cambio di prospettiva che ribalta il punto di focus tradizionale. La nera figura salva e non condanna. Mi chiedo quale sarebbe stata la reazione a un racconto del genere se il collegamento alla realtà non ci avesse preparati al finale.
Un ottimo racconto.
Complimenti.
Grazie.


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

16X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 7:30 pm

vivonic

vivonic
Admin
Admin
Troppo fresca la cronaca per non capire subito il ribaltamento di prospettiva, ed è per questo che mi sono sorpreso a sentire una lacrima scendermi più o meno a metà lettura. Lo sai che io non esprimo quasi mai i sentimenti, ma quando ho proposto allo staff il tema avevo paura di leggere molti racconti simili ispirati alla recente tragedia. Gli utenti non mi hanno deluso e sono stati fantastici nelle loro interpretazioni; tu, però, hai fatto di più: mi hai raccontato l'episodio in un modo così personale da riuscire a commuovermi. Credimi, mi conosci da così tanto tempo ormai che saprai benissimo che è difficile catturarmi quando si tratta di racconti che rielaborano scene a noi vicine dal forte impatto sociale. L'ho detto tante volte che ormai lo sanno anche i muri, raramente la soggettiva reinterpretazione di un fatto di cronaca mi colpisce.
In questo concorso ho trovato te e Sisifo che mi avete realmente destabilizzato con i vostri racconti. Vorrei dare 15 punti a entrambe.
Grazie!
E, ovviamente, complimenti!


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

17X Empty Re: X Mer Giu 09, 2021 7:31 pm

vivonic

vivonic
Admin
Admin
Però il titolo non mi piace, proprio per niente.


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

18X Empty Re: X Gio Giu 10, 2021 2:19 pm

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan
Adesso che abbiamo votato tutti vi svelo un segreto: ho scritto tutto di corsa nell'ultima mezz'ora e niente, non ho avuto tempo di pensare a un bel titolo...
Quindi ho lasciato perdere e ho affidato tutto a quella tristissima X (che poi, magari, ha anche il suo significato, chissà...).

19X Empty Re: X Gio Giu 10, 2021 2:30 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Ero certa che fosse andata così e anche io ho pensato che quella X non era poi così male... 💓


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

20X Empty Re: X

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.