Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Fottitene dell'orgoglio

+21
Midgardsormr
Resdei
Akimizu
digitoergosum
paluca66
Antonio Borghesi
Molli Redigano
miichiiiiiiiiiii
Susanna
Danilo Nucci
Arunachala
gipoviani
Arianna 2016
ImaGiraffe
CharAznable
Fante Scelto
Petunia
FedericoChiesa
vivonic
Byron.RN
Different Staff
25 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

1Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Fottitene dell'orgoglio Lun Giu 07, 2021 12:21 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Promemoria primo messaggio :

L’insegna SALOON – Beer * Whisky * Rooms sbatteva ad intervalli irregolari, disturbando il suo riposo.
Aveva riempito la vasca francese fino al bordo, allagando le assi del pavimento quando vi si era immerso, ma amava ascoltare i rumori ovattati con le orecchie sotto il pelo dell’acqua; la bocca emergeva a mala pena, solo per permettergli di respirare: un rito abituale prima degli ‘impegni di lavoro’.
La luce entrava dalla sola finestra della camera da letto, lasciando la stanza da bagno in una fresca penombra.
Il vento, già caldo per essere solo a maggio, soffiava irregolare, anticipando il clima rovente che nei prossimi mesi avrebbe investito Tombstone.
Ancora non aveva avuto il piacere di assaporare l’afa e la polvere dell’estate; era arrivato in Arizona all’inizio dell’inverno e, neanche il tempo di gustarsi le distrazioni della città, era stato chiamato a prestare i suoi servigi … e le sue pistole, alla miniera di Goodenough, per proteggere le spalle a Mr. Schieffelin. Ed Schiaffelin! Aveva fatto un bel gruzzolo quell’uomo, grazie a quella vena d’argento che sembrava non esaurirsi mai: l’aveva scoperta per caso, grazie alla confessione di un soldato in punto di morte, a Camp Huachuca. Ma se all’inizio l’avventuroso minatore si era dovuto guardare solamente dalla minaccia di Apache con archi e frecce, man mano che scavava ed estraeva aveva dovuto difendere i carichi del prezioso metallo da bande di spietati criminali che si spingevano lì fin dal confine messicano. Anche Patrick era stato chiamato ad entrare nella guardia del corpo di Mr. Shiefflin, un vero e proprio manipolo di mercenari, prezzolati per sparare senza farsi troppi scrupoli o troppe domande.
Non era certo un problema per lui, che aveva lasciato la compassione due decenni prima, tra la miseria dei quartieri di Dublino, quando, non ancora ventenne e senza il becco di un quattrino, aveva deciso di abbandonare quello squallore per cercare fortuna in America.
Ma dopo i mesi passati tra cowboys puzzolenti e minatori ubriaconi, ora voleva riabituarsi alle comodità e all’umanità, meglio se femminile.
 
“Servizio in camera!”
La porta si aprì senza aspettare la risposta. La mano di Patrick afferrò fulminea la Schofield calibro 44 appoggiata sul bordo della vasca.
“Desi, hai rischiato grosso!” disse lasciando cadere l’arma a fianco della vasca.
La ragazza non ci fece caso. Slacciò il nastro in vita, fece scivolare ai piedi il vestito rimanendo con un bustino a stecche che ne conteneva a fatica il seno.
Lo guardò con malizia: “C’è posto anche per me? Ti lavo la schiena?”
“Lo sai che non mi piace sprecare energie prima del lavoro”; aveva intuito dove la ragazza voleva andare a parare. “Vammi a prendere un whisky semmai, … doppio magari”.
Desirèe lo guardo imbronciata; le piaceva quell’irlandese con gli occhi color di ghiaccio e i capelli rossicci. Tirò su l’abito e se lo sistemò alla bell’e meglio.
“Tutte scuse! Te lo porto … ma stasera recuperi!”
Era una scusa: lo sapeva. Aveva passato belle serate con lei, anche nottate intere. E gli erano costate un bel mucchio di dollari! Madame Florence, al piano di sotto, non faceva sconti a nessuno che chiedesse la compagnia delle sue ragazze.
Ma ora non aveva occhi che per Jane, anche se la sua era una causa persa. Il duello con suo marito era questione di poche ore. Se l’avesse ucciso, lei l’avrebbe odiato per sempre; se fosse stato lui a morire, beh … nulla avrebbe più avuto importanza.
Chiuse gli occhi e si immaginò la scena. Le ombre dei due uomini si stagliavano contro il sole morente; a separarli, dieci passi e un silenzio assordante. Le mani destre immobili all’altezza del cinturone, gli sguardi taglienti come lame di coltello. Lungo la strada, spettatori inerti che aspettavano il momento in cui le pistole avrebbero parlato. E lei? Sarebbe stata lì?
 
L’aveva vista solo una settimana prima e ne era rimasto stregato. Usciva sottobraccio con un uomo dal teatro dell’opera, lo Schieffelin Hall, come la miniera, proprietà anch’esso del suo ricco magnate. Spettacoli per gente raffinata là! E lui? Insieme a minatori e cowboy al massimo assisteva a dozzinali spettacolini nel Bird Cage Theatre con dubbie ballerine che più tardi avrebbero arrotondato dispensando prestazioni nell’attiguo bordello.
L’aveva rivista il giorno dopo; sulla soglia della scuola aspettava che i mocciosi uscissero per chiudere le porte dell’edificio. La cuffietta in testa ed il vestito castigato non potevano nasconderne l’innata eleganza. L’aveva seguita senza farsi notare, protetto alla vista dall’ombrellino che la donna aveva aperto per ripararsi dai raggi del sole. Poi era entrata nella Pima County Bank; si era avvicinata allo sportello e Patrick aveva riconosciuto l’uomo con lei la sera prima, il marito sicuramente.
 
“Posso offrirle un gelato? Patrick, Patrick O’Connor” disse accennando un inchino col capo e sfilandosi il cappello.
Il terzo giorno che la teneva d’occhio fuori dalla scuola aveva deciso di passare all’attacco.
“Mi scusi, mi attendono!” fu la secca risposta.
“Posso almeno sapere il suo nome?”
“Jane Cromwell, ma non dovrebbe interessarle” e con passo nervoso si diresse verso la banca.
Patrick attese che uscisse, nascosto dietro il campanile, ma la donna si ripresentò con il marito, impettito e guardingo, camicia bianca, cravatta e sovramaniche nere.
Tornò al saloon; non sapeva il perché, ma era convinto di intravvedere uno spiraglio dietro a tanta altezzosità.
 
“Posso offrirle un gelato? Mi sono permesso di portarglielo io, così non dovrà perdere tempo nel caso fosse attesa anche oggi”
Il giorno successivo Patrick si era presentato all’uscita con una coppetta.
“Lo mangi pure lei. Mi sembra debba raffreddare qualche bollore!” ma l’impertinente risposta non poteva nascondere un leggero sorriso.
“Posso almeno accompagnarla fino alla banca?”
“Altra proposta troppo impertinente… per una donna sposata!”, ed affrettò il passo senza permettergli di replicare.
 
I ragazzi erano usciti tutti dalla scuola, ma la maestra ancora non si era vista.
Patrick entrò di nascosto facendo attenzione a non fare rumore; la vide in fondo alla classe, voltata di schiena, intenta a cancellare la lavagna, immersa in una nuvola di gesso.
Fece per voltarsi ed uscire prima che lei potesse vederlo, ma urtò una seggiola con lo sperone, facendone tintinnare la stella.
Lei si voltò. “Non può stare qua: se ne vada!” urlo precipitandosi verso di lui.
Sorpreso da un attacco così deciso, Patrick reagì come neanche lui si sarebbe aspettato; appena la donna gli fu appresso, la afferrò per le braccia, la spinse al muro e la baciò, con forza, premendola con il suo corpo per non dare via di scampo alla poveretta.
Dopo un attimo di smarrimento che le sembrò durare una vita, Jane riuscì a divincolarsi, correndo sconvolta verso l’uscita e poi verso la banca. Un dubbio le nasceva dentro: lo aveva respinto con sufficiente veemenza? O aveva atteso troppo prima di allontanare quell’uomo dagli occhi trasparenti?
 
Stava entrando nel saloon quando una mano sulla spalla lo fermò bruscamente.
Il marito di Jane lo aveva raggiunto, concitato ed ansimante.
“La … la… lasci stare mia… mia… mia moglie!” balbettò, come gli capitava sempre quando si lasciava sopraffare dall’agitazione.
“Altrimenti?”
“A… a… altrimenti mi tro… mi tro… mi troverei costretto a… a… a chiedere soddisfazione!”
“E sia! Domani, al tramonto!”
“Non… non… non mi faccia a… a… aspettare” replicò il bancario simulando la spavalderia che non aveva. Le gambe in realtà gli tremavano più della lingua, ma non poteva, non doveva darlo a vedere.
 
“Charles, devi rinunciare! Ti farai uccidere!”
La discussione tra i coniugi stava diventando concitata.
“Non posso accettare che venga calpestato il tuo onore e mortificato il mio orgoglio!”
“Lascia stare l’orgoglio; ne ha rovinati più lui che il petrolio!” sentenziò la donna.
“Ti dimentichi che la banca ci ha insegnato ad usare le pistole, oltre che a darcele in dotazione, nella speranza di difendere la nostra vita e i loro interessi nel caso qualche delinquente avesse intenzione di effettuare qualche prelievo non autorizzato” cercò di scherzare Charles.
“Non fare lo stupido! Stiamo parlando della tua vita, … della nostra vita”
“Non ti preoccupare. Ho preso qualche informazione su quell’uomo e ho un piano. Se tutto va bene può darsi che non debba arrivare fino in fondo”.
Cos’aveva voluto dire? Jane non osava chiederlo ma il dubbio del pomeriggio continuava a roderle dentro.
 
Patrick sentì la porta della camera aprirsi di nuovo. Pregustandosi il bicchiere di liquore, riemerse con il viso dalla vasca quel tanto per vedere l’ombra del bancario avvicinarsi con la pistola in mano.
Lanciò uno sguardo al bordo della vasca per realizzare con terrore che aveva abbandonato la pistola sul pavimento; impossibile raggiungerla! Chiuse gli occhi impotente. Si era immaginato un duello differente!
“Le… le… le avevo detto di… di… di lasciare stare mia… mia… mia moglie!”
Bang! Un colpo solo risuonò nella stanza.
Non aveva nemmeno sentito dolore. Un tonfo! La stanza tremò. Riaprì gli occhi: il corpo dell’uomo giaceva sul pavimento, riverso faccia a terra. Sulla schiena, una macchia di sangue colorava di rosso la camicia.
In piedi, all’ingresso della stanza da bagno, si stagliava controluce la figura di Desirèe, con il bicchiere di whisky in una mano e una minuscola Derringer nell’altra, arma che teneva sempre nascosta nel reggicalze per placare i clienti troppo esuberanti.
Bang!
Il bicchiere cadde, spargendo mille schegge di vetro su tutto il pavimento, seguito dal corpo della ragazza.
Una donna si avvicinò; imbracciava ancora il Winchester a canne mozze con cui aveva sparato il colpo.
‘Quando una donna con la pistola incontra una donna con in fucile, la donna con la pistola è una donna morta!’ pensò Patrick.
“Puttana! Era mio marito!”
Jane riarmò l’arma facendo espellere il bossolo ancora fumante.
Patrick si sentì nuovamente perso. Niente avrebbe potuto salvarlo ora. Si lasciò sprofondare nella vasca come a voler attutire il dolore… insieme al rumore.
Jane scavalcò il corpo della ragazza… scavalcò il corpo del marito: “Stai attento a dove metti i piedi! È pieno di vetri qui” disse tendendo la mano a Patrick, per aiutarlo ad alzarsi.
La donna, la maestrina con la matita rossa, aveva fatto la sua scelta!


26Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Gio Lug 01, 2021 6:55 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
Allora, partiamo dai punti forti.
Il finale è davvero godibilissimo, e devo dire che ha rialzato di molto il piacere di leggere il tuo racconto.
Racconto che scorre bene, piacevole e con scene divertenti e accattivanti.
Resta però sempre in superficie e non riesco ad approfondire le personalità dei personaggi.
Una settimana per distogliere l'attenzione dal marito e focalizzarla sul protagonista mi sembra davvero troppo repentino, avrei dilatato i tempi per rendere tutto più credibile.
Ora, il finale è abbastanza incredibile e credo che adeguare il resto del racconto al finale potrebbe rivelarsi una scelta vincente per la narrazione.

Diciamo che a mio avviso dovresti scegliere se mantenere il registro narrativo della prima parte, approfondendo e allungando un po' la narrazione oppure puntare sul registro narrativo del finale, dando più verve e surrealismo alla prima parte (in questo caso non comprendere appieno i personaggi   aggiungerebbe quel tocco di mistero buffo).
Tanto potenziale.
Lavoraci,dai
Ele

27Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 1:55 pm

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Younglings
Younglings
Grazie a tutti per i vostri commenti.
Devo dire che li ho generalmente trovati appropriati e quindi utili. A una rilettura da parte mia, con il senno del poi, non posso che concordare con molte delle critiche. Sono sicuramene stato troppo superficiale ([Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e altri) nella descrizione dei personaggi e la trama è un po’ piena di stereotipi ([Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e altri).
Era il primo concorso: forse non ero abbastanza preparato.
I pochi racconti che ho scritto in passato sono a capitoli, ben più lunghi, e qui ho cercato di sintetizzare, ma è mancato qualcosa.
Rivedrò anche i tempi dei verbi, che andando avanti e indietro non gestisco con padronanza.
Un grazie speciale ad Arianna 2016 che ha apprezzato il finale, su cui volevo comunque puntare, anche se ad altri (digitorgosum) è la parte che è piaciuta meno: il mondo è bello perché e vario.
Puntualizzo qualche cosa:
- Tombstone è stata fondata davvero da Mr. Schieffelin.
- Ovviamente la gelateria ed il teatro dell’opera c’erano, come ho maldestramente tentato di difendere nel mio commento nel tentativo di raddrizzare una situazione che stava prendendo una piega inaspettata. Asbottino, potevi scrivere un po’ prima e fugare i dubbi dei lettori!
- Nei racconti, di citazioni non ne farò mai più (@Byron e tanti altri), per non essere crocifisso in sala mensa: pensavo solo di fare sorridere il lettore.
Grazie ancora
Federico
P.S. Caipiroscka o qualcuno altro mi può chiarire (anche in privato) cos’è il narratore omnisciente e come non funziona nel racconto?

28Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 2:17 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan
P.S. Caipiroscka o qualcuno altro mi può chiarire (anche in privato) cos’è il narratore omnisciente e come non funziona nel racconto?

Ci provo io in maniera molto banale.

Il narratore onniscente è la voce narrante che fornisce informazioni al lettore senza "mostrargliele", ma spiattellandole nero su bianco.

Ti faccio un esempio banalissimo.
- "Uscì dalla cattedrale e vide il mendicante seduto a terra: gli lasciò un paio di euro perché Gigi era un uomo molto generoso col prossimo."
(il narratore ti dice dall'alto della sua onniscenza che Gigi è generoso col prossimo)
- "Uscì dalla cattedrale e vide il mendicante seduto a terra: sentì il solito impulso di far qualcosa per lui e gli lasciò un paio di euro."
(il narratore ti mostra che Gigi è generoso col prossimo, non te lo dice apertamente.)

Questo in estrema sintesi.
Il narratore onniscente è spesso inevitabile, e ci sono storie nelle quali è anzi fondamentale (chessò, un diario, un resoconto in prima persona, ecc.), ma al di fuori di questi la sua presenza troppo invadente è generalmente considerata un errore di inesperienza. Ci sono tanti accorgimenti per limitarlo al minimo.
Una volta fissato questo concetto diventa poi semplice riconoscerlo anche nei racconti altrui. In qualunque momento, leggendo, ti trovi a percepire la voce narrante che ti spiega cose senza fartele vedere, ti verrà da dire: Ah! Narratore onniscente! Vade retro!

29Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 3:55 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Comunque, in questo step Akimizu, non so perché, ce l'aveva con il narratore onnisciente: l'ha messo al muro in ogni racconto in cui l'ha trovato!
Non è che il narratore onnisciente sia per forza la peste, si trova in tanti autori. Dipende naturalmente dall'uso che se ne fa, ma non è di per sé niente di vietato o sbagliato.

30Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 4:55 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Comunque, in questo step Akimizu, non so perché, ce l'aveva con il narratore onnisciente: l'ha messo al muro in ogni racconto in cui l'ha trovato!
Non è che il narratore onnisciente sia per forza la peste, si trova in tanti autori. Dipende naturalmente dall'uso che se ne fa, ma non è di per sé niente di vietato o sbagliato.
Be' no e sì, nel senso, ce l'avevo col narratore onnisciente invadente, e purtroppo l'ho riscontrato in molti western. Non è per forza la peste, ma lo è, a parer mio naturalmente, quando viene usato come scorciatoia per raccontare il passato del protagonista o descrivere l'ambito cui siamo senza nessun personaggio che lo vive. Di solito è un vizio del fantasy, soprattutto quello classico, ma evidentemente lo è anche del western.

31Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 6:53 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Comunque, in questo step Akimizu, non so perché, ce l'aveva con il narratore onnisciente: l'ha messo al muro in ogni racconto in cui l'ha trovato!
Non è che il narratore onnisciente sia per forza la peste, si trova in tanti autori. Dipende naturalmente dall'uso che se ne fa, ma non è di per sé niente di vietato o sbagliato.
Be' no e sì, nel senso, ce l'avevo col narratore onnisciente invadente, e purtroppo l'ho riscontrato in molti western. Non è per forza la peste, ma lo è, a parer mio naturalmente, quando viene usato come scorciatoia per raccontare il passato del protagonista o descrivere l'ambito cui siamo senza nessun personaggio che lo vive. Di solito è un vizio del fantasy, soprattutto quello classico, ma evidentemente lo è anche del western.
Secondo me sì, lo è un po' anche del western. Prima dello step mi ero letta alcune dei racconti di Elmore Leonard (che tu mi avevi dato ma dei quali avevo letto solo, fino a quel momento, "Quel treno per Yuma" e un altro). Durante lo step mi sono letta tutti gli altri, e in parecchi punti ho trovato questo utilizzo del narratore. Un esempio che mi è rimasto in mente è "L'uomo sbagliato", perché poi Leonard ha riutilizzato questo suo racconto del 1953, modificandolo leggermente per farlo diventare un romanzo nel 1970, "Arriva Valdez", romanzo che io ho casualmente trovato proprio in quei giorni, mentre leggevo i racconti, in un mercatino di libri usati. Il romanzo è poi diventato il film "Io sono Valdez".

32Fottitene dell'orgoglio - Pagina 2 Empty Re: Fottitene dell'orgoglio Dom Lug 04, 2021 6:54 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Negli stessi giorni, nello stesso mercatino, ho trovato "Il cavaliere della valle solitaria", e lì il narratore è altro che onnisciente... Sì, direi che nel western si trova.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.