Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» i giorni speciali si condividono con persone speciali
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyOggi alle 12:31 pm Da Petunia

» L'ombra insensibile
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyOggi alle 11:42 am Da Susanna

» SDAT
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyOggi alle 11:25 am Da Akimizu

» La stella di Babbo Natale
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyOggi alle 1:26 am Da caipiroska

» Carso
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyIeri alle 8:07 pm Da tommybe

» polvere grigia
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyIeri alle 7:19 pm Da FraFree

» Natale Bifronte - Apertura Area di Voto
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyIeri alle 6:54 pm Da vivonic

» Natale Bifronte
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyIeri alle 12:04 pm Da The Raven

» L'uomo che abitava alla fine del bosco
Ancora una volta pupazzi di latta EmptyIeri alle 12:21 am Da caipiroska


Non sei connesso Connettiti o registrati

Ancora una volta pupazzi di latta

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Ancora una volta pupazzi di latta Empty Ancora una volta pupazzi di latta Mer Mag 19, 2021 10:53 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

https:

 Ancora una volta pupazzi di latta

«Esisteva un viaggio
percorso in luoghi e modi sconosciuti
Lungo fu il cammino
e tanti gli universi sparsi per i sentieri»

Era freddo nel fuoco di cristallo
e giada copriva le statue di cera
e la tela del ragno
muoveva i burattini dell’universo
Puntini di sospensione vollero mazzi di ginestre
Gialle e bianche
furono le sette lune

Conobbi le onde di sabbia
e sgretolai le consuetudini dell’uomo.
Lasciai smeraldi incastonati nelle grotte di ghiaccio
e vissi accanto a Iscandar.

Chiesi dove ero
e dov’erano le brezze mattutine.
Trovai i sentieri dell’oblio
e solchi pulsanti intinti di rosse emozioni
mi indicarono la via.

Morii nell’istante dello sguardo
nacqui nel morire
e mai più compresi regole.

Suonai il violino al passato
e passai per valli defunte
parlando alle anime sole.

Colsi le lacrime di rugiada
nella retorica del verso
e scrissi di loro
versando il mio sangue.

Non compresi
né chiesi mai di capire il mio cammino
Trovai odio
Colsi qualche stelo d’amore
in attesa del tempo
dei pupazzi di latta

Esso venne all’alba dei tramonti
portando con se vascelli e vele
e occhi che non conoscevo

Partii allora nella mia fine
solcando pensieri senza fine
che scrissero di me
orizzonti mai immaginati
vite mai vissute
e aprii le mie pupille
di pupazzo di latta.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2Ancora una volta pupazzi di latta Empty Re: Ancora una volta pupazzi di latta Mer Mag 19, 2021 11:51 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Questi versi  @Giancarlo Gravili sono di un’armonia sorprendente. 
Non mi voglio soffermare sull’interpretazione perché qualsiasi analisi toglierebbe magia all’atmosfera carezzevole delle parole.
Mi sono immaginata di essere a bordo,di una feluca e solcare il Nilo col vento a favore. Mi sono passati davanti presente e futuro, altri mondi e forse altre forme di vita.
Non ero io, ma al contempo lo ero. L’anima viaggia senza limiti e senza la barriera del corpo può riempire mondi e universi. 
Vedi tu cosa possono scatenare le parole... 😘


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

3Ancora una volta pupazzi di latta Empty Re: Ancora una volta pupazzi di latta Mer Mag 19, 2021 1:16 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Grazie Pet questi versi sono il sunto della mia vita di "scrittore" e di viaggiatore dell'universo che vuol raccontare e far vivere il senso profondo di se stessi anche agli altri e questo attraverso il raccontare i luoghi dell'anima che sono emanazioni bellissime da percepire e condividere.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.