Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» Storie vagabonde
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 10:38 pm Da Resdei

» Un caffè e… la riflessione del giorno
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 9:57 pm Da Giancarlo Gravili

» La poltrona disabitata
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 8:06 pm Da Petunia

» La poltrona disabitata
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 7:44 pm Da Petunia

» Profumo di sandalo
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 5:12 pm Da Mac

» IL DONO
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 5:03 pm Da Mac

» 7 in condotta
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 4:31 pm Da Susanna

» Il sentiero delle memorie perdute
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 1:16 pm Da Giancarlo Gravili

» Natale Bifronte - Info e chiarimenti
SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) EmptyIeri alle 10:16 am Da Susanna


Non sei connesso Connettiti o registrati

SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo)

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Mar Mag 18, 2021 12:03 am

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan



SUPERPREDATORI
- Un inno di libertà e vessazione -






***********************








Volume 1
-
Descant





SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Superpredators_2




***********************










Prologo
 
Dio crea i dinosauri.
Dio distrugge i dinosauri.
Dio crea l’uomo.
L’uomo distrugge Dio.
L’uomo crea i dinosauri.
I dinosauri divorano l’uomo.
La donna eredita la Terra.
 
 
L’isola ha una voce.
Una voce che ora sussurra ora mormora, talvolta echeggia e si rifrange come il tuono.
Alcune la sentono come una nenia sempre eguale, altre come un battito, una pulsazione, un ritmo altalenante.
Qualcuna dice che è un canto.
Io, io penso sia più un discanto.
Non una voce ma molte, di cui solo una segue la melodia.
 
Le altre improvvisano.
 
***
 
Non sono pronta.
Posso dirlo, affermarlo, e so di averlo fatto, ma non lo sono. Per niente.
Non puoi dirti pronta o preparata per questo posto; ti mostrano delle foto, dei video, paesaggi assurdi, ma non puoi capirli, comprenderli davvero, finché non li vedi.
Ti puoi addestrare, e l’ho fatto, ma non c’è addestramento che t’insegni a controllare le pulsioni, le reazioni istintive, a saper gestire te stessa, la tua anima, quando ne hai più bisogno.
Illumina: è il nome di questo luogo, questo arcipelago, ammesso che esista, che non sia tutto un’illusione, un gioco della psiche.
Illumina, come ciò che in qualche modo fa alla tua mente: apre una porta su un livello di comprensione delle cose che prima non possedevi. Ti cambia, ti segna: in bene, in male, è relativo.
Illumina, come una tenda tirata via dalla finestra di primissimo mattino, la luce che irrompe e ti toglie la vista. Le pupille che diventano minuscole.
Illumina.
Dal finestrino dell’elicottero ho guardato scorrere il mare e poi il mare è diventato terra, e con la terra è arrivata la giungla, il fiume, la laguna, le spiagge. Le cascate sul fianco della montagna.
Non fidarti, la bellezza qui uccide.
Tutto uccide.
Illumina è il mondo, il mondo uccide. Sono stata in Afghanistan, in Cirenaica, in Iraq due volte: anche lì tutto è letale, ma non in questo modo. Non così.
Illumina è lo spettacolo, l’apparenza, la nostra vita che scorre su uno schermo, su milioni di schermi. Nessuno mi ha obbligata, o forse è stato Dio, dandomi una sorella radical-chic e una madre ludopatica; dandomi il congedo con disonore perché ho sparato a una donna, a Kandahar.
Era armata.
Non mi hanno creduto.
Illumina è la sola possibilità, l’extrema ratio, l’appiglio nella caduta; è l’ultima mano quando l’ora è tarda e non hai più fiches dalla tua parte del tavolo.
Dal portellone dell’elicottero ho guardato di sotto e ho visto quegli stessi paesaggi delle foto, dei video, e la mia mente si è rifiutata di credere che laggiù, tra quelle gemme d’azzurro e di verde, vivesse il male. C’era un vecchio film di guerra che a un certo punto sussurrava una parola, e quella parola era l’orrore.
Illumina è l’orrore.
Illumina è la casa degli incubi, quelli peggiori, poiché vivono alla luce del sole e non hanno bisogno di nascondersi nei meandri bui della notte.
Ho scelto io questa soluzione, questo salto nel buio. Ho scelto io, in completa libertà, di partecipare al circo macabro dello show, al sogno di ricchezza e fama che questa terra illogica porta con sé.
Sopravvivi, è ciò che ti dicono dal primo all’ultimo istante dell’addestramento, sopravvivi, è ciò che ho continuato a ripetermi da quando sono salita sull’elicottero, per ogni mille metri percorsi sopra il mare.
Ciò che hanno scritto centinaia di nuovi fan sul mio profilo, il mio identikit personale, che campeggia tra quelli di decine di altre concorrenti sulla pagina Superpredatori.
Sopravvivi, a volte con un cuoricino, più spesso con un sorriso, una risata, ma cosa avrete mai da ridere, a casa, dietro un pc, uno smartphone, mentre discendo nell’inferno lussureggiante di Illumina, nell’orrore. Sopravvivi, con la casella dei messaggi intasata di insulti sessisti, di suppliche di non morire, di richieste d’appuntamento in webcam e di foto dei miei piedi.
Sopravvivi, resisti fino alla fine del gioco.
Vinci il premio.
Trova un riscatto sulla vita.
Sopravvivi oppure muori, ma muori in modo spettacolare.
Immolati per il piacere della diretta, per la gloria del network.
Cos’hai da perdere?
Non ho niente da perdere, non dopo il congedo, non dopo che mia madre s’è giocata i risparmi. I miei risparmi. Per lei sono una stronza coraggiosa, per mia sorella una troia fascista impenitente. Per la rete un oggetto da adulare, insultare e corteggiare nei modi più assurdi. Sono un pezzo di carne che viaggia in elicottero prima d’essere scaricata all’inferno con un fucile d’assalto e un buona fortuna.
Non ho niente da perdere.
Quando l’Agusta-Westland è sceso sulla spiaggia, quando io e altre nove che non avevano nulla da perdere siamo saltate giù, accecate dal sole e dalla sabbia alzata, ho realizzato la grandezza del mio personale errore. Ho compreso quanto illogico fosse cercare redenzione in un luogo di puro male, confidando in una fortuna che non avevo avuto per tutta la vita, riponendo fiducia nelle mie esperienze, il bagaglio di nozioni acquisite in posti dove c’è la guerra, dove l’uomo uccide l’altro uomo, dove la vita vale poco, il prezzo d’un proiettile o d’un innesco.
Ci era stato detto che Illumina è anarchia, è terra di nessuno, che eravamo sole anche se il mondo ci guardava, e che per sopravvivere nell’anarchia bisognava organizzarsi, trovare la quadra. Eravamo l’Ondata 9, e dunque otto batterie di altre improvvisate guerriere erano già da mesi in quella giungla, su quelle spiagge, vive e nascoste o ridotte a ossa spolpate, e noi, le ultime arrivate, saremmo dovute sopravvivere a loro e al resto d’un ecosistema improbabile.
Ricordo qualche nome scambiato prima della partenza, perché non puoi vedere nessuno fino al giorno dell’inizio, non puoi socializzare, non devi avere rapporto umano: una Sigrid, Rita, una Camilla e una Vanessa.
Eravamo dieci disperate che in due ore di discussione non sono riuscite a decidere chi dovesse comandare, perché lei non ha esperienza, lei non ha carisma, lei crede in Dio e qui non c’è Dio, Illumina è anarchia e nell’anarchia nessuno comanda.
Ci siamo infilate nella macchia costiera pensando di spaccare il mondo e fucilare qualche reietta sbavante, resa pazza dall’orrore, ma quando l’abbiamo trovata, una donna che era poco più di pelle e ossa, legata a un albero, nessuna di noi ha avuto il coraggio di spararle davvero. Era l’orrore che s’insinuava nella mente, che logorava la ragione, sfidava i preconcetti.
C’era una suora tra noi, una ex suora, una fanatica religiosa, una ragazza giovanissima che a guardarla non penseresti mai che è ancora vergine, con due pistole al cinturone e una faccia che la vedresti bene solo nel più crudele dei porno: è stata l’unica a dirci di non toccare quella larva umana, di non aiutarla, e bella carità cristiana, Cristo d’un Dio, lasciarla morire di fame legata a un albero.
L’abbiamo liberata, quella donna, con le telecamere, ovunque fossero, che ci guardavano, davanti a milioni di occhi che volevano veder scorrere il sangue, noi l’abbiamo liberata. Era dell’Ondata 2, come le assatanate che l’avevano lasciata lì a far da esca, le stesse assatanate che ci sono piovute addosso dagli alberi. Che ci hanno liquidate in mezzo minuto di colluttazione, ficcato un’arma in bocca e trascinate via per gli stracci.
Che hanno posto fine alla nostra breve, bollente, illogica speranza di sopravvivere davvero a Illumina, al cuore dell’oscurità.
Le chiamano Erinni o così hanno scelto di chiamarsi loro.
Hanno una fottuta uniforme da guerriglia color oliva e un simbolo con le ali di pipistrello.
Le comanda una creatura mitologica che risponde al nome di Bloody Atreja, Atreja la Sanguinaria.
Vorrei avercelo anch’io un soprannome figo.
Vorrei averceli anch’io un’uniforme, un simbolo e più di tutto una cazzo di squadra decente alle spalle.
Io sono solo Silvia Irace, nome di battaglia Mercury, ex soldato, bionda, figa, fisico allenato: per mia madre sono una stronza coraggiosa, per mia sorella una troia fascista impenitente. Per la rete un oggetto da adulare, insultare e corteggiare nei modi più assurdi.
Sono un pezzo di carne alla mercé di Illumina e sto per morire in mondovisione.
Un vecchio film di guerra diceva così.
L’orrore.
 

***


NOTA - il titolo Descant è quantomai provvisorio.
Se ne discuterà.

2SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty Re: SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Mar Mag 18, 2021 10:08 pm

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan

Ho letto tutto d'un fiato questo prologo che ti porta, anche senza elicottero, direttamente al centro della scena.
Più che un prologo è già un bel pezzo di storia ricco di informazioni e di avvenimenti.
Mi è piaciuto, sia dal punto di vista delle tua scrittura, scorrevole, senza fronzoli, essenziale mi viene da dire, senza un parola superflua.
Mi è piaciuto il ritmo intenso che gli hai dato fin dalle prime battute, sembra di essere sull'elicottero e sentire il rumore delle pale che girano, ogni frase un giro.
Non mi sembra di aver incontrato refusi ma per questo mi riprometto di leggere con più attenzione, in questa prima lettura mi sono voluto godere ritmo e storia.
Ottimo inizio!

A Fante Scelto garba questo messaggio

3SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty Re: SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Mar Giu 15, 2021 5:09 pm

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Younglings
Younglings

Beh, l'inizio non è affatto male: Illumina.
Non ho appunti da fare, spero non ti dispiaccia.
Leggerò il resto per capire di che romanzo si tratta, se è nelle mie corde... magari dopo avere finito i racconti del terzo step, ma ora ero incuriosito da questo primo romanzo della Resistenza.

A Fante Scelto garba questo messaggio

4SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty Re: SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Mar Giu 15, 2021 7:22 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan

@FedericoChiesa ha scritto:Beh, l'inizio non è affatto male: Illumina.
Non ho appunti da fare, spero non ti dispiaccia.
Leggerò il resto per capire di che romanzo si tratta, se è nelle mie corde... magari dopo avere finito i racconti del terzo step, ma ora ero incuriosito da questo primo romanzo della Resistenza.

Ti ringrazio del passaggio.
Se può aiutare, qui c'è una sinossi.

https://www.differentales.org/t598-superpredatori-esiste#7238

5SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty Re: SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Ven Ago 13, 2021 11:54 am

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin

Caro Fante!
Non ho dimenticato Superpredatori, me lo sto tenendo da parte per quando avrò davvero una settimana da dedicarci senza distrazioni, per cercare di esserti minimamente utile!
A prestissimo, ti tengo d'occhio!
Ele

A Fante Scelto garba questo messaggio

6SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Empty Re: SUPERPREDATORI - parte 0 (Prologo) Dom Ago 15, 2021 2:31 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan

Grazie Ele.
Sono stato un po' fermo in questo periodo di mare, ma ora che torno a casa ho bisogno di chiudere i lavori e avere tutto pronto per cercare casa editrice.

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.