Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Il reticolo del pensiero e L'universo

3 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Il reticolo del pensiero e L'universo Empty Il reticolo del pensiero e L'universo Lun Apr 12, 2021 8:59 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
https://www.differentales.org/t482-palazzo-davanzati#5821

Il reticolo del pensiero e l’universo


L'universo nella sua struttura è un reticolo di pensieri puro.
Esso è come una grande ragnatela formata da interconnessioni neuroniche è la regione delle sinapsi elettriche e chimiche e noi siamo tutto ciò.
L’universo è infinito tessuto che si espande in un “respiro cosmico pulsante” che viene da ogni forma che compone l'universo stesso e che di esso è copia nell’infinitesimo elemento ultimo e fondante della struttura della materia.
In questa struttura si è e diversamente non è concepibile.
Pertanto se ne percepiscono le sue vibrazioni che si espandono uniformemente dal centro del grande pensare cosmico ad ogni singola derivante neuronica attraverso le sinapsi.
Immaginiamo un vortice formato da infiniti reticoli che partono da un centro che rappresenta il tutto e il nulla nella stesso istante, attribuiremo poi a queste congiunzioni reticolate un’aura blu che il magnetismo naturale emette.
l’universo quindi è un infinito e finito in espansione soggetto alle fine stessa del concetto d’infinito.
Se potessimo osservare con un occhio particolare vedremmo questa struttura che compone ogni cosa in una magnifica aura blu che configura l’anima ancestrale dell’universo stesso e che ne regola il pensiero.
Essendo doppioni d’ogni infinitesimo e contigui ad esso nella struttura della materia avremo per così dire un imprinting genetico che ci passa l’informazione dell’esistenza nell’istante immediato che si replica all’infinito.
In ogni derivazione arriva e termina l’informazione partita dal centro dell’universo e ciò avviene nell’istante e senza soluzione di continuità.
Noi “sapremo” sempre di ogni movimento perché siamo “replica” e “parte” di questo reticolo e in esso il pensiero cosmico viaggia con una velocità che è inversamente proporzionale al concetto stesso di velocità: nel “reticolo pensiero” non esiste null'altro che coscienza pura replicata del pensiero e la sua esistenza è essa stessa istante e nulla dettato dal punto centrale della creazione stessa e che nella sua forma è vuoto e colmo sempre in un’istante che dura quanto il nulla.
Definiamo l’imput dell’universo come motore del tutto e quel tutto è… semplicemente è  ed esiste senza necessità di percezione in quanto esso stesso è percezione pura replica dell’inizio che non esiste e esiste in un elemento non definibile chiamato “Purezza dell’universo”.



Ultima modifica di Giancarlo Gravili il Lun Apr 12, 2021 11:41 am - modificato 1 volta.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Questi sono pensieri che ci accomunano, Gian. Nel mio profilo fb ho scritto: “Non ho confini, solo un cuore che pulsa perfettamente amalgamato a Questo Universo. 
Perché, secondo me, di Universi ce ne sono una infinità.


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

3Il reticolo del pensiero e L'universo Empty Re: Il reticolo del pensiero e L'universo Lun Apr 12, 2021 11:46 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Grazie Pet ho provato a visualizzare mentalmente l'universo e devo dirti che questo reticolo di filamenti e sinapsi in un colore blu che pulsa è vive nel pensiero cosmico è meraviglioso...


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Padawan
Padawan
Il tuo reticolo è veramente meraviglioso e prescinde da qualsiasi forma identitaria creativa. C'è e basta. Io però mi pongo un'altra domanda su questo universo in cui viviamo: dato che scientificamente è dato come finito (big bang, espansione, contrazione, big crush e vai così all'infinito) cosa avrà attorno? Ovvio: altri universi. Si ma... e questi cosa avranno attorno: niente sono infiniti. Si ma... infiniti che si estendono in che cosa? In attesa di una gradita risposta rimango...senza Very Happy Very Happy Very Happy

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Quesiti fondamentali i tuoi carissimo Antonio, il mistero fondamentale dell'universo resta la sua natura e la famosa "materia oscura e l'energia oscura" di cui esso è composto per il novantacinque percento e che ci impedisce di capire veramente ogni scenario esplicativo. Noi conosciamo solo il 5% di materia ordinaria, cioè quella che compone noi e le stelle L'universo è soggetto all'espansione di tale materia e con essa si espande allargando i suoi confini. L'espansione dell'universo per esempio porterà un giorno lontanissimo a non poter vedere più a occhio nudo dalla Terre le stelle così come ora facciamo e questo a causa della sua espansione. In realtà non sappiamo nulla dello spazio tempo e la curvatura dello spazio stesso lo dimostra. Un esperimento dimostrò come due orologi posizionati in una determinata posizione, uno in basso e uno in alto alla fine dell'esperimento avevano orari diversi seppur di infinitesime parti. 
La non conoscenza di quel 95% di materia e energia sconosciuta ci portano in ogni caso verso una finestra che s'affaccia su un "universo sconosciuto" per l'umanità.
Possibile l'esistenza di spazi e universi infiniti molto diversi dalle nostre concezioni, in ogni caso il reticolo universale che lega ogni cosa resta esplicativo d'ogni altra forma di "esistenza" e riporta alla creazione del tutto che potrebbe essere individuata in un imput iniziale che contenga ogni informazione generale per ogni cosa della quale le stelle e noi stessi siamo latori.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.