Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

La testa nel pallone

+25
Hellionor
gemma vitali
Arunachala
The fallen
vivonic
Molli Redigano
Arianna 2016
ImaGiraffe
paluca66
digitoergosum
Yoghi69
gdiluna
Danilo Nucci
mirella
Fante Scelto
caipiroska
Resdei
Susanna
Byron.RN
Akimizu
Antonio Borghesi
miichiiiiiiiiiii
CharAznable
Petunia
Different Staff
29 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

1La testa nel pallone - Pagina 2 Empty La testa nel pallone Mer Apr 07, 2021 9:19 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Promemoria primo messaggio :

“Non funziona.” taglia corto la caposala, lanciandomi uno sguardo bovino.
Grazie, lo vedo anche da me che il televisore della saletta-ristoro non si accende.
“Come mai?'”
“È rotto.”
“Ma va? Pensavo fosse in sciopero.”
 “Non sei spiritoso. Comunque sarà ormai più di un mese che non si accende.”
“Farlo riparare, no?”
“Non è compito mio”.
E come ti sbagli...
“Non ne avete un altro che funzioni in reparto?”
“No.”
“Ma domani c'è la partita…”
“Non è un problema mio.”
“Posso almeno scendere giù in cardiologia? Stamattina mi ci hanno portato a fare l'ecocardio e ho visto che hanno un 55 pollici nuovo di pacca.”
“Ho detto di no.”
“Perché?”
“Perché i minorenni non possono uscire dal reparto se non sono accompagnati.”
“Per favore, tra due giorni mi operano e potrebbe essere l'ultima partita di calcio della mia vita. Non ho diritto a un ultimo desiderio? La prego! “
“Ma smettila, che qui non muore nessuno. E adesso fila, torna in camera che ho da fare.”
Sciabatto, riluttante, in direzione ultima-stanza-in-fondo-a-destra, che poi sarebbe la mia.
A metà del corridoio incrocio Italo.
“Ohi, grandissimo!”
“Ohi, Cosimo!” mi saluta battendo il cinque.
“Senti un po', ma come ti sei organizzato per domani, per la partita?”
“Me la guardo sul traghetto.”
“Quale traghetto, scusa?”
“Quello Genova-Palermo. Io tra due ore stacco e vi saluto. Due settimane di ferie, capito? Due!” mi fa, sottolineando la cifra con le dita.
Male. Italo è l'unico infermiere uomo del reparto e contavo su di lui.
Se fosse stato di turno domani sera, avrebbe fatto di tutto pur di non perdersi la partita. Sarebbe riuscito di sicuro a recuperare una TV, anche scassata. Anche a costo di portarsi la propria da casa.
Ma se lui va in ferie bisogna che io trovi un'altra soluzione.
Mi trascino fino alla mia stanza e mi sdraio a letto, l'umore sotto ai piedi.
Andrà a finire che domani, alle venti spaccate tutta Italia sarà davanti alla TV per assistere alla finale dei Mondiali contro la Germania.
Tutti. Ragazzi, bambini, uomini adulti e anziani.
Tutti tranne me.
Tra due mesi compirò diciassette anni e sono nato sfigato. Sono così sfigato che, invece di andare al mare con gli amici o fare le penne con la vespa per rimorchiare le ragazze, me ne devo stare sdraiato su un letto d'ospedale troppo piccolo per me.
Misuro duecentoundici centimetri d'altezza per 105 kg di peso. Le radiografie del metacarpo dicono che ancora non ho completato lo sviluppo, ma le mie ossa si stanno già deformando.
Sono nato con un adenoma ipofisario e tra due giorni, se tutto va bene, me lo levano, così è la volta buona che smetto di crescere.
Anche se, al momento, non me ne frega niente dell'intervento. La mia priorità, adesso, è riuscire a vedere la partita di domani sera.
Mi tiro un po' su e appoggio la schiena alla spalliera del letto.
Osservo i miei compagni di stanza, nel tentativo di individuare qualche alleato.
Solo che, per la solita sfiga che mi accompagna da quando sono nato, in questo reparto di endocrinologia pediatrica gli altri pazienti sono tutti molto più piccoli di me. Sia d'età che, ovviamente, d'altezza.
Di fianco a me c'è Viola. È diabetica e, se tanto mi dà tanto, diventerà una gran figa. Tra sei o sette anni, però. Adesso gioca ancora con le Barbie  e non credo proprio che gliene freghi qualcosa dei Mondiali.
Di fronte ho Biagio, affetto da acondroplasia. Insomma, io sono un gigante e lui è un nano. Bella accoppiata, no? Peccato che abbia solo quattro anni, non posso certo contare su di lui per richiedere un televisore funzionante alla caposala.
Il letto di fianco a quello di Biagio è occupato da una che non so come si chiami. Sta sulla sedia a rotelle, fatica a tenere il capo dritto e non fa altro che sbavare e farsi i bisogni addosso. Le hanno dato il posto più vicino al bagno mica per caso. Sua madre deve occuparsi di lei in continuazione, povera donna.
I genitori, già. Avere tre compagni di stanza significa avere a che fare anche con tre madri ansiose e iperprotettive. Come se non bastasse già la mia.
Purtroppo per me, non possono essermi di nessun aiuto. A loro del calcio non gliene frega un bel niente, hanno ben altro a cui pensare.
Ma un modo per vederla la partita lo devo trovare. Non posso proprio perdermela dopo il clamoroso 2-0 con cui abbiamo silurato i polacchi in semifinale.
“Ti ho portato un altro cambio, nel caso dovessi averne bisogno. Lo metto qui,nell'armadietto insieme agli altri.”
Faccio sì con la testa
“Ti ho lasciato anche un paio di Dylan Dog sul comodino, così passi un po' il tempo.”
“La radio me l'hai portata?”
“La radio? Oddio Cosimo, scusa, mi è passato di mente!”
“No, mamma cazzo! Ti ho telefonato apposta ieri per dirti di portarmela! Cazzo, mi porti la biancheria, che ne avrò già cinque o sei cambi, e lasci a casa la radio?”
“Me ne sono dimenticata, va bene? Scusa! Ma non c'è bisogno che mi tratti così. Cosa credi, che sia facile per me saperti qui in ospedale?”
Magnifico. Ci mancava solo l'attacco di vittimismo.
“E poi scusa, la nostra radio è proprio ridotta male. Non prende quasi nulla lo sai anche tu. Papà voleva buttarla via il mese scorso.”
“Vabbè dai, è andata così. Lascia perdere…”
Do un'occhiata all'orologio.
“Sono le diciotto, l'orario di visita è finito. Forse è meglio che vai.”
“Sì adesso vado. Ti hanno detto a che ora è l'intervento domani?”
Sbuffo.
“Non lo so. Dicono in mattinata, ma magari entro in sala operatoria solo verso mezzogiorno. Lo sai come funziona.”
“Va bene. Comunque domattina alle otto io e papà siamo qui. Vedrai che andrà tutto bene, mi raccomando stai tranquillo.”
No che non sono tranquillo. Tra due ore inizia la partita e ancora non so come fare per vederla. Non me la posso perdere, cazzo!
Solo a pensarci mi sale il nervoso, e quando sono nervoso mi scappa da pisciare. Oltretutto devo ancora smaltire il liquido di contrasto della TAC di tre ore fa. Ce l’ho ancora tutto lì che mi preme sulla vescica.
Saluto mamma con un abbraccio, e vado in bagno.
Tiro giù i pantaloni e comincio a liberarmi. Una tortora osserva l'operazione incuriosita.
Ha fatto il nido su grosso elce che dà proprio di fronte alla finestra del bagno. È un finestrone alto quasi un metro e mezzo, posizionato proprio sopra al WC. Se non fosse per le fronde dell’albero, che coprono tutta la visuale, si potrebbe pisciare godendo di una bella vista panoramica sul giardino dell'ospedale.
E sarebbe anche ora che lo potassero sto cazzo di elce. Un altro po' e ci ritroviamo i rami dentro al bagno.
Certo che avrei proprio voglia di scendere giù in giardino a fare una partita di pallone. Chissà per quanto tempo non potrò farlo, dopo l’operazione. Che palle, in pratica mi farò il resto dell’estate in convalescenza, a letto. E stasera niente finale dei mondiali. A meno che… guardo di nuovo il grosso elce che mi copre la visuale e ho un’idea.
“Porto via?”
“Sì, grazie.”
L’addetta ai pasti passa, puntuale come ogni sera, a ritirare i vassoi vuoti.
Stasera mi hanno lasciato leggero, digiuno preoperatorio. Mi hanno portato solo un po' di brodino di verdura e un pacchetto di crackers con la crescenza. Ma alla fine va bene così, sono talmente in ansia  che ho lo stomaco chiuso, anche se mi avessero portato qualcosa di appetibile, e non avrei mangiato quasi nulla. Guardo l'orologio. Le diciannove e quarantacinque. Ci siamo quasi.
Aspetto che l’inserviente abbia ritirato tutti i vassoi degli altri pazienti e sia uscita dalla stanza, poi mi alzo dal letto e raggiungo il bagno. Spalanco il finestrone, prendo un bel respiro e mi isso sul davanzale.
Mi sporgo, riuscendo ad aggrapparmi a uno dei grossi rami che raggiungono il bagno.
Avanzo quasi strisciando, aggrappato saldamente ai rami superiori dell’elce. Prego che riescano a reggere il mio quintale abbondante di peso.
Procedo a rilento, goffo e scoordinato. Un bradipo con problemi di deambulazione, ecco cosa sembro. Non sono mai stato agile e il gigantismo non mi aiuta.
Però, in qualche modo, dopo vari minuti che mi sembrano un’eternità e molta paura di cadere, riesco a scendere dal terzo piano, dove si trova il mio reparto fino al piano di sotto. Che reparto è questo? Non lo so.
Mi siedo a cavalcioni su uno dei due rami principali e cerco di riposarmi un attimo. Mentre riprendo fiato penso al magnifico televisore 55 pollici che mi aspetta giù in cardiologia  Sempre che io riesca ad arrivarci. Anche se, a onor del vero, l’ombra dell’elce è molto piacevole, con questo caldo. E poi da quassù c’è una splendida vista. Mi sembra di vedere tutte le cose più piccole e al contempo più chiare. Un po’ di distacco potrebbe farmi bene. A ripensarci, potrei anche restarmene un po’ di tempo qua su. Non ho tutta questa voglia di scendere.
“Un angelo, un angelo! guarda come è bello!”
Un vecchio ultraottantenne col pigiama a scacchi mi guarda stupefatto dalla finestra della sua stanza.
Sono così vicino che posso guardare dentro e… oh porca puttana, questi hanno addirittura il televisore in camera!
“Cosa dici Carrega, ti sei rincoglionito del tutto?” lo apostrofa una voce baritonale, seguita da due colpi di tosse cavernosa.
Sì affaccia un altro vecchio. Più o meno della stessa età del primo, con due occhialini d'oro che gli scendono sul naso.
“E tu chi sei? Cosa ci fai lì?”
“Io…”
“Sarai mica un tedesco? Guarda che io sono uno dei ragazzi del 99 e di tugnini ne ho ammazzati… Da ragazzino sul Piave, e poi da partigiano nel ‘44. Ci metto niente a fare fuori anche te. Anche se sei grande e grosso.”
“No aspetta...” alzo le mani “non sono un tedesco. Sono ligure, lo giuro.”
Il vecchio mi guarda, poco convinto. Meglio non dirgli che mia madre è austriaca. Sia mai che ce l’abbia anche con loro.
Dalla sua stanza posso sentire l'inizio dell'Inno di Mameli. Ormai ci siamo, la partita sta iniziando!
Mi metto la mano destra sul cuore e comincio a cantare. “Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte, siam pronti alla morte l’Italia chiamò!”
“Gesù, sei così stonato che lo cantassi durante un’adunata ti arresterebbero per vilipendio alla bandiera. Com’è che ti chiami?”
“Cosimo. E lei?”
“Giovanni. Giovanni Brughi, detto Gian. E quel vecchio rimbambito là, invece, è l'avvocato Carrega.” mi fa, indicando il suo compagno di stanza.
“Cavalier avvocato, prego!” ribatte l’altro.
“Senti, ragazzo, cos'è che ci fai su quell'albero?” mi chiede Giovanni. Tossisce ancora una volta, faticando poi a riprendere fiato.
“Io… ecco, volevo scendere. Sono ricoverato proprio qua sopra, in endocrinologia pediatrica. Noi abbiamo solo una TV nella sala comune ed è rotta. Non volevo perdermi la partita e ho pensato di uscire dalla finestra del bagno.”
“Volevi scappare?”
“Sì... Cioè non proprio. Volevo scendere giù a cardiologia, ma visto che sono qui… non è che mi farebbe entrare?
Il vecchio mi scruta di nuovo, attraverso i suoi occhalini d'oro.
“Per favore…”
“Dipende. Se ti faccio vedere la partita con noi, tu mi devi qualcosa in cambio.”
“Cosa?”
“Sigarette ne hai?”. Altri due potenti colpi di tosse gli scuotono il torace.
“No. Non fumo, mi dispiace. E forse non dovrebbe farlo neanche lei…”
“Allora niente…”. Il vecchio fa per tornare a coricarsi a letto.
“No, aspetti!”.
Frugo nelle tasche del mio pigiama e ne tiro fuori un pacchettino di caramelle non ancora iniziato.
“Vanno bene queste?”
“A che gusto sono?” Giovanni torna ad affacciarsi alla finestra.
“Menta”.
“Sono quelle con il buco?”
Sorrido.
“Esatto.”
Va bene. Entra.
Avanzo carponi, con cautela, verso l'estremità del ramo che mi sostiene.
Più mi avvicino alla finestra e più si fa sottile. Ma ormai ci sono quasi, mi manca davvero poco...
“Attento!”
Sento il ramo piegarsi sotto il mio peso e poi un crac, secco.
“Mi senti?”
Apro faticosamente le palpebre. Una luce me le fa socchiudere di nuovo.Qualcuno mi sta puntando una pila negli occhi.
“Pupille reattive.”
“Mi senti?”
Ho male dappertutto ma la testa, la testa sembra che mi stia per esplodere da un momento all'altro. Sopra di me vedo solo le fronde dell’elce, sotto le mie mani il prato fresco del giardino dell’ospedale,
“Come ti chiami? Te lo ricordi?”
Un dottore giovane con il pizzetto e un'infermiera mi stanno guardando preoccupati.
“Cosimo… Cosimo Piovasco.”
“Per fortuna è ancora vivo!” sento dire all'infermiera.
Il dottore mi sorride, più disteso.
“I rami dell'albero hanno frenato la caduta.”
“Cosimo, sai dirmi in che anno siamo?”
“1982. 11 luglio.”
“Ottimo.”
“Chiama traumatologia e dì che ci mandino subito una spinale. Paziente vigile e orientato, fratture multiple, sospetto trauma cranico.”
“Dottore…”
“Sì?”
“Sa per caso se c'è la TV in camera, a traumatologia?”


26La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Mer Apr 28, 2021 8:53 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
I difettucci legati all'anno te li hanno già fatti ampiamenti notare ( che saranno poi difettucci? magari li hai inseriti volontariamente questi elementi fuori dal tempo, per farci aguzzare l'ingegno).
Quindi passiamo al resto.
Cosimo è un personaggio memorabile, un personaggio leggero, il leggero di Calvino "Prendete la vita con leggerezza. Che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall'alto, non avere macigni sul cuore. "  . 
E infatti i nomi dei tuoi protagonisti arrivano da Il Barone Rampante. Coincidenze? Io  non credo.
Che bel racconto hai scritto, brav. Non lo definirei umoristico ma velato di ironia e di quel giusto mix tra surreale e reale che mi fa entrare subito in sintonia con i personaggi.
Se il tuo intento era portarci nella leggerezza descritta da Calvino io dico che hai fatto centro e mi hai convinta, tanto.
Brav.
Ele

27La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Dom Mag 02, 2021 12:23 pm

Midgardsormr

Midgardsormr
Younglings
Younglings
Ciao autor*

Questo è l'ultimo racconto, quello che mi porta alla conclusione dei commenti. E, per quanto mi riguarda, mi ha aiutato a chiudere degnamente questa corsa tra le parole.
Abbiamo letto di tutto in questo step, e forse finire con il tuo era la scelta giusta (sapendolo ovviamente).
Ci sono errori cronistorici è vero, te lo hanno segnalato. Eppure il tutto fila via liscio, come in un mondo a specchio dove le cose sono andate diversamente.
I paletti ci sono, i personaggi sono super e di refusi io non ne ho trovati.

È un buon lavoro, visto per quello che è.
Complimenti e a rileggerci.


______________________________________________________
Valar Morghulis. Valar Dohaeris.

Tutti devono morire. Tutti devono servire.

28La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Dom Mag 02, 2021 4:24 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Nella prima lettura mi era sfuggito che anche i bambini compagni di stanza di Cosimo hanno nomi tratti da "Il barone rampante".

29La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Dom Mag 02, 2021 5:28 pm

Asbottino

Asbottino
Padawan
Padawan
Le sviste non credo siano volute, così come i vari errori di battitura, ma questo non toglie nulla o quasi a un racconto che ha la sua forza nei personaggi, nella loro leggerezza, una leggerezza che nel caso di Cosimo non può che trarre energia e creatività dal contrasto con il suo quintale di peso. Questo ragazzo gigante ha una sola idea in testa, più che giustificata data la sua età. Non credo che sottovaluti la sua condizione, ma l'operazione può aspettare, tutto ciò che non va nel suo corpo fuori misura può essere rimandato al giorno dopo. Per una sera c'è soltanto la partita, quindi chi se ne frega del resto. immedesimazione a mille. Quanti di noi non hanno avuto una serata simile nella vita?
Bellissima la scena dell'albero con i due vecchietti. Voce narrante azzeccatissima e finale che ti lascia il sorriso addosso. Molto bene.

30La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Lun Mag 03, 2021 6:05 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Aut-

Più di metà del racconto è la preparazione per il finale. La parte surreale arriva quando Cosimo raggiunge il reparto di geriatria, peccato che il tutto duri poco ma quel poco è di sicuro piacevole. Soprattutto è un colpo di scena che giunge inaspettato a rompere il filo naturale degli eventi. Bene anche il finale in cui Cosimo chiede del televisore in traumatologia.
Il punto negativo è proprio questo: serve più di metà del racconto per preparare il finale. Alla fine il risultato è raggiunto, mi permetto di dire senza infamia e senza lode.
Bene l'italiano, non mi sono praticamente mai inceppato nella lettura.
I paletti: genere umoristico diciamo di sì; il giardino c'è; l'estate 1982 c'è; la camera da letto diciamo di sì, anche se è una stanza d'ospedale; l'infermiere c'è.

Grazie e alla prossima.

https://linktr.ee/Achillu

31La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Gio Mag 06, 2021 1:19 pm

SisypheMalheureux

SisypheMalheureux
Padawan
Padawan
Ok... provo un po' a rispondere alle principali osservazioni che mi avete fatto nei commenti, peraltro tutte giustissime e puntuali. 
Innanzitutto la questione dei fumetti e del televisore. 
Ammetto che, per questioni anagrafiche, ignoravo che nel 1982 Dylan Dog ancora non esistesse e non ho pensato di verificare, mea culpa. 
Per il televisore, invece, non ho nessuna scusante se non il fatto che quando scrivevo evidentemente avevo la testa da un'altra parte. 

Veniamo alla questione del genere "umoristico". Ero consapevole, quando ho scritto il racconto, che si trattasse di un umorismo un po' "sui generis", che non sarebbe stato apprezzato da tutti, e ringrazio gli amministratori per aver deciso di ammettere lo stesso il mio racconto.
Anzi, mi ha colpito molto positivamente il fatto che la gran parte di voi abbia apprezzato la leggerezza e l'umorismo del mio scritto, pur affrontando tematiche così poco allegre e forse non proprio "politicamente corrette". Mi ridà un po' di fiducia nel mondo, perché mi sembra che ormai oggi non si possa più scherzare su certi temi, quando invece ce ne sarebbe un gran bisogno. 

In molti vi siete chiesti perché avessi deciso di descrivere un reparto di bambini con malattie così gravi, visto il genere del racconto.

I motivi sono essenzialmente due:
1- Cosimo, con la sua testardaggine e il suo carattere un po' spigoloso, è liberamente ispirato a un ragazzo che fu mio compagno di stanza moltissimi anni fa durante un ricovero, così come lo sono tutti gli altri bambini che ho descritto con le loro malattie poco allegre. Tutta la storia dei mondiali, della fuga e dei vecchietti è inventata, ma non me la sono sentita di dare a "Cosimo" una patologia che non fosse quella reale.

2- Inoltre avevo bisogno di un personaggio che, pur essendo ricoverato in ospedale, non stesse male e fosse pienamente in forze per affrontare la scalata dell'albero e un ragazzo con un adenoma ipofisiario mi sembrava ideale da questo punto di vista. Certo, avrei potuto "affibbiargli" una malattia più banale, un'appendicite o una gamba rotta come mi ha gentilmente fatto notare [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]. Però una persona con un attacco di appendicite, o con una gamba rotta, è sofferente, prova dolore ed è impedita nei movimenti, non sarebbe stato molto credibile farla salire su un albero a mio parere. 

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] hai perfettamente ragione, mi sono resa conto solo dopo che il racconto fosse decisamente sbilanciato, con l'umorismo solo nel finale, come mi hai giustamente fatto notare. 

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] no, per fortuna non sono un medico, solo paziente di tanto in tanto. [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] 

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] in realtà se rileggi vedrai che il racconto si svolge in due giorni diversi. Il primo in cui Cosimo rompe le balle alla caposala per la TV che non funziona e poi se ne torna mesto in camera pensando a come fare per vedere la partita dell'indomani, e poi il giorno successivo, quello della partita, quando la madre lo va a trovare e gli porta i fumetti. Nel mio scritto originale questo cambiamento temporale era segnalato da un'interruzione di pagina, e forse si capiva meglio, ma purtroppo questa cosa pubblicando nel forum è saltata. Le prossime volte ne terrò conto e vedrò di evidenziare meglio i cambi di scena e i salti temporali.

Grazie a tutti e a rileggerci, forse, al prossimo step!


______________________________________________________
"Stirpe miserabile ed effimera, figlio del caso e della pena, perché mi costringi a dirti ciò che per te è vantaggiosissimo non sentire? 
Il meglio è per te assolutamente irraggiungibile: non essere nato, non essere, essere niente. Ma la cosa in secondo luogo migliore per te è morire presto."

32La testa nel pallone - Pagina 2 Empty Re: La testa nel pallone Gio Mag 06, 2021 4:22 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Sisyphe.

Alla fine ho votato il tuo racconto, nonostante tutto: è il secondo miglior umoristico secondo i miei parametri.


______________________________________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
https://linktr.ee/Achillu

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.