Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Infermiera a noleggio monouso

+25
Resdei
Hellionor
Arianna 2016
vivonic
SisypheMalheureux
caipiroska
The fallen
Fante Scelto
ImaGiraffe
Asbottino
Arunachala
miichiiiiiiiiiii
Molli Redigano
paluca66
gdiluna
Danilo Nucci
Yoghi69
CharAznable
Byron.RN
Susanna
Antonio Borghesi
mirella
digitoergosum
Petunia
Different Staff
29 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

1Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Infermiera a noleggio monouso Mer Apr 07, 2021 9:17 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Promemoria primo messaggio :

12 giugno 82 - Via dei Gelsi n. 8, ore 12
Una donna, decisamente scarmigliata, uscì sbattendo con forza la porta di una villetta anni ’60.
La vetrata che dava su un ampio giardino tremò e quando la donna chiuse dietro di sé il cancelletto che dava sulla via, dalla colonnina che lo sosteneva si staccò dell’intonaco, mentre la cassetta delle lettere piombò a terra.
Un ciclista che transitava, forse soprappensiero, per lo spavento tamponò un’Apecar.
Se non fosse stato per l’incredibile garbuglio creato da un salice piangente, cespugli di rose, piante di pomodoro, di fagioli, di zucchine e cetrioli che popolavano il giardino, chi si fosse fermato a soccorrere il ciclista avrebbe visto che, sotto al portico su cui si apriva la vetrata, c’era un uomo, in pigiama, un po’ stizzito.
«Ma perché se ne va? E poi così, senza preavviso. Adesso chiamo la sua capa e mi sente! Prima però, pillolina per star calmo.»
Dino, così si chiamava l’uomo, rientrò in casa, ingoiò una pillola e prese il telefono.
«Agenzia Noleggio Infermiere, sono Gioia Felice, dica pure.» Inesperienza di genitori primipari!
«Pure. Sono Dino Cori. Il solito, grazie.»
«Dino, ancora! – sospirò la donna – Ma lei mi fa fuori le infermiere come il pane. Vedrò cosa posso fare, ma non le assicuro niente.»
«Posso resistere al massimo fino a domani, poi… non ci voglio pensare!» Una vocina flebile, con un singulto finale.
La donna consultò un elenco e decise: la Betta. L’aveva tenuta come soluzione estrema per questo cliente, ma con le ferie che incalzavano, alternative zero.
Dino era sanissimo, ma da tempo viveva da recluso volontario nella casa che i suoi gli avevano lasciato. Non erano morti, si erano solo trasferiti: un figlio scapolone – andava per i trentacinque – si sopporta, ma uno scapolo ipocondriaco e con la fissa per l’orto-giardinaggio, no.
E pazienza se intasava la segreteria telefonica con lamenti, allarmi per presunti infarti, per un taglietto da 0,3 millimetri.
Dino era stato normale fino a due anni prima.
Poi sfortuna volle che il ramo su cui si era sistemato per disegnare un nido avesse ceduto ed era finito sul greto roccioso di un torrente. Fratture multiple, immobile a letto per tre mesi, collezionando infezioni urinarie, congiuntiviti, orticarie, gastriti e quant’altro: girò tutti i reparti dell’ospedale ma, fratture a parte, non aveva nulla.
Il risultato per aver rimuginato su chiacchiere ospedaliere era lì: un malato immaginario che necessitava di inutile e costosa assistenza continua.
Una manna per Gioia, meno per i dipendenti, che resistevano con Dino al massimo un mese.
«Betta, mi devi aiutare. Dino Cori.» Gioia le allungò il corposo dossier sul cliente.
«Domani mattina va bene? Peccato, pensavo di godermi i mondiali.»
«Ti piace il calcio? Non l’avrei mai detto.»
«Solo i mondiali. Mi rilassano.»
 
13 giugno 82 – Via dei Gelsi n. 8, ore 9
La mattina dopo Betta di presentò in via dei Gelsi: dopo aver aggirato un roseto, insalate, rosmarino e salvia, trovò un cartello con istruzioni e relativi disegni: soprascarpe da ospedale o scarpe dalla suola pu-li-tis-si-ma.
Impassibile, Betta obbedì: era attrezzata.
Dino l’aspettava in corridoio: magrolino, capelli corti, un filo di barba, in pigiama e con una mascherina da ospedale, anzi due, sovrapposte. Occhialini da intellettuale e orecchie a sventola.
«Sana? Pulita?»
«Sanissima, pulitissima, vaccinata per tutto il vaccinabile.»
Bassina, sui cinquanta e un po’, tracagnotta e con braccia da palestra, Betta era in divisa, come la più classica delle infermiere: cuffietta d’ordinanza, camicetta bianca che scricchiolava tanto era inamidata, gonna al ginocchio anti-tentazioni, calze spesse e scarpe silenziose.
Al collo, una catenella cui erano appesi occhiali dalla montatura rossa.
Con cipiglio deciso, squadrò Dino da capo a piedi, poi incrociò le braccia, aspettando la prima mossa.
«Faccia vedere la suola delle scarpe? Bene.»
«Mi mostri la casa. Poi la visito.» Betta detestava perdere tempo. Dino adorava le visite mediche.
«Questa è la mia camera, io sto sempre qui dentro, pasti compresi. Qui o in veranda, o in giardino. C’è anche il mio bagno, che pulisco io. Per le altre stanze faccia da sola, c’è scritto sulla porta cosa sono.»
La camera dava direttamente sul giardino, era molto spaziosa e luminosa: forse in origine era stata un piccolo salone.
Il letto a due piazze ricordava molto un letto d’ospedale, con a fianco comodini con tavolino per i pasti incorporato e asta porta flebo. Su uno dei comodini, la lettura serale di Dino: un quaderno con gli anelli per la collezione di bugiardini.
Un armadio a due ante ospitava il suo guardaroba: solo pigiami. Tutti uguali: azzurri a righine blu, ben stirati, uno per ogni giorno della settimana.
Accanto, un mobile con cassetti tipici delle farmacie, ognuno con un cartellino: muscoli, digestione, neurologia, cuore, primo soccorso. Farmaci in stretto ordine alfabetico e le scadenze ben evidenziate.
Parte di un’ultima parete era occupata da un tavolo da disegno professionale e da scaffali con un assortimento di cancelleria degno della più fornita cartoleria.
Una nicchia era occupata da una libreria: solo tomi di medicina, con un’aria vissuta che indicava frequenti consultazioni, e lì accanto una poltrona relax.
Un mondo piccolo, o un piccolo mondo.
Betta, impassibile, prendeva appunti stenografici, che Dino tentò inutilmente di decifrare: forse ci voleva una visita oculistica.
Si accordarono sui compiti di Betta: somministrare le medicine, ovviamente soccorrerlo, e fare qualche piccola commissione: lui usciva solo in giardino, per via di microbi e virus in agguato nei negozi, in posta... Cucinare era il meno: il menu era da ospedale.
Per Betta, mezzo pomeriggio libero, salvo complicazioni.
Poi Dino le presentò le piante: su alcuni carrelli posizionati appena dentro la stanza, accanto alla vetrata, c’erano piante da appartamento, ciascuna con appeso un foglietto: nome in latino, il disegno della foglia e il nome che Dino aveva dato loro: Bruno, Zoe, Lisa...
«Mi danno tanto buon ossigeno! Senta, senta, però non me ne respiri troppo.»
«E di notte? In camera da letto le piante di notte non vanno bene.»
«Ah, le metto fuori, in veranda. Vede, rotelline. Anche in inverno: la veranda si chiude e l’ossigeno non scappa.» Convinto lui, convinti tutti.
«Io lavoro qui, sono un disegnatore: raviolatrici, mobili, disegni per libri di botanica, manifesti, roba così. Quando lavoro non voglio essere disturbato, per via dell’ansia. Metterò fuori un cartello dalla porta.»
Alla fine, Betta lo visitò, indifferente alle proteste di Dino che non voleva spogliarsi, per via che poteva buscarsi una bronchite per il freddo… 25 gradi all’ombra, e sorda all’elenco dei disturbi che via via venivano sciorinati: condì la visita con ahah, mmm, però, no no, non ci siamo. Altri appunti e diagnosi silenziosa, ansia per Dino.
Da ultimo Dino le diede un foglio: l’elenco dei farmaci che assumeva, a che ora e modalità di somministrazione, anche per le supposte.
Più tardi il medico confermò, telegrafico: malato immaginario, problema recente, curabilissimo, ma occorreva polso fermo, meglio una terapia d’urto. Auguri.
La giornata passò in fretta, tra vitamine, minestrina di verdure, frullato e una promessa, o forse una minaccia:
«Tre mesi e lei guarisce, parola di Betta. Ultima cosa: le partite del mondiale in cui gioca l’Italia le voglio vedere tutte, senza essere disturbata.»
«E se io sto male in quel momento?»
«Ci sono 581 Dino Cori in Italia: 580 e facciamo cifra tonda. Oppure guarda le partite con me.»
«Ma il calcio non mi piace!»
«Neanche a me, ma il tifo per la nazionale dovrebbe essere obbligatorio per legge.»
«E se veniamo eliminati?»
«Si adotta un’altra squadra. Prendere o me ne vado.»
 
Occuparsi di Dino risultò molto impegnativo, il suo secondo lavoro era quello di “malato molto malato”, ma Betta non era una che si lasciasse intimorire: chi l’aveva sperimentata sapeva quanto fosse tosta. Per le iniezioni correva addirittura voce che fosse una campionessa di lancio della siringa: chiappa centrata a tre metri con paziente in fuga.
Dino pareva soffrire anche di sdoppiamento della personalità: finché era al tavolo da disegno, nessun problema, anzi. Ogni tanto le mostrava orgoglioso i disegni: erano molto belli, accuratissimi, soprattutto quando si trattava di fiori, piante, piccoli animali. Per i tecnici, una precisione certosina.
Ma per il resto era una lagna unica: e caldo, e freddo, e stitichezza e diarrea, batticuore e ronzii. Pillole, sciroppi, pomate: per sopravvivere a tutti quei medicinali una persona normale avrebbe dovuto avere un fisico bestiale.
Per fortuna l’orto-giardino lo impegnava per un paio d’ore al giorno, anche se col sole non andava per niente d’accordo per via di eritemi e scottature.
Tempo dopo, al termine dell’incarico, Betta riprese il diario di quel periodo e si accorse che le giornate in cui Dino aveva dato il meglio di sé erano quelle in cui l’Italia aveva giocato. E che le sue note, di solito sintetiche come una cartella clinica, raccontavano tanto di quei giorni.
 
14 giugno 1982 – Italia Polonia 0 a 0
“Paziente tranquillo. Pressione ok. Leggero attacco di ansia. Tolte vitamine. Secchezza oculare davanti alla tv: collirio speciale: acqua distillata. Un’ora in giardino, solo all’ombra. Un chilo di zucchine.”
A metà mattina, post pillole, Dino le aveva chiesto a bruciapelo:
«A proposito, cosa usa per lavarsi i capelli?»
«Shampoo neutro.»
«Provi questo, lo preparo io. Di quelli industriali non mi fido.»
Betta invece non si fidava degli intrugli altrui: testò lo shampoo sull’odioso cagnetto della vicina. Il giorno dopo la bestiola aveva il pelo a chiazze.
All’ennesima richiesta di provare la pressione, Betta cominciò la sua terapia.
«Circolazione a fisarmonica: troppe vitamine intasano il ganglio mediano. Potrebbe essere fatale. Sospendiamo.»
 
18 giugno 1982 – Italia Perù 1 a 1
Giornata campale: non so se lo ha fatto apposta, ma proprio oggi che c’era la partita si è scatenato. Stamani disturbi visivi, mal di testa, perdita di capelli (tre), dolori muscolari.
Pranzo leggero. Pomeriggio: gomito del tennista, storta alla caviglia, da seduto, frullato troppo dolce. Misurata glicemia: bassa. Reintrodotto zucchero.”
Quel giorno per Betta, semipartita ma senza audio, per via delle continue chiamate, nonostante l’accordo. Il gol dell’Italia era stato segnato proprio mentre Dino era convinto di morire per diabete fulminante. La replica al TG non fu la stessa cosa.
 
23-6.1982 – Italia Camerun 1 a 1
“Stamattina giardino, due ore. Potatura rose: stranamente possibili allergie ai pollini non lo impensieriscono. Comunque, mi sono inventata una pomata che spalmata sotto al naso impedisce ai pollini di passare: Glysolid allungata con camomilla e curcuma. Punto da un’ape: adrenalina per scongiurare shock anafilattico. Venti metri di corsa urlando all’infarto.”
Betta riuscì a vedere solo il primo tempo. L’indomani avrebbe controllato se in casa ci fossero dei sonniferi.
La terapia intanto continuava.
«Oggi si inizia l’elioterapia: sole per due ore. Sbrigati col lavoro - ora si davano del tu - che sei pallido come un morto.» Morto, parola magica.
«Ma se mi scotto?»
«Ti vengo a girare, come l’arrosto. Cortesemente, raccogli frutta e verdura, che siamo senza.»
«E se mi viene il mal di schiena?»
«Sono i muscoli che si lamentano perché non li fai lavorare. Tre giorni e passano.»
 
29 giugno 1982 – Italia Argentina 2 a 1
Lo fa apposta: oggi c’è la partita e lui è intrattabile. Prima era troppo caldo, ma niente aria condizionata o ventilatore, per via di bronchiti, polmoniti e cervicale. Poi era troppo freddo, ma il plaid lo fa sudare e prudere. Per fortuna domani sarà impegnato con del lavoro urgente. Insalata anche per i vicini.”
A Betta i sonniferi non garbavano, ma forse, adesso, avrebbe dovuti prenderli lei: di notte si svegliava un sacco di volte, sentendosi chiamare da Dino, che invece russava alla grossa, nonostante affermasse di soffrire di insonnia cronica.
Betta di accorse di avere qualche capello bianco in più e un occhio che tremolava.
Quel giorno, in attesa della partita, Betta aveva messo al lavoro Dino: via tutti i libri di medicina, sostituiti con i romanzi di Dino ragazzo, recuperati in soffitta.
«E che non ci siano storie! Più leggi e più ti ammali, testone.»
«Ma questi sono pieni di polvere!»
«Massimo dieci grammi, mentre per quegli altri ne ho calcolata un etto e mezzo.»
«E se ho bisogno di consultarli?»
«Chiedi a me, sai no che le infermiere ne sanno più dei dottori? Forza, che devi finire la raviolatrice superveloce.»
 
5 luglio 1982 Italia Brasile 3 a 2
Oggi Dino sembra un’anima in pena: fiacco, letto/poltrona, poltrona/letto, ha carezzato le piante come fosse l’ultimo giorno di vita. Ho dovuto temperargli le matite, male al polso. Pressione normalissima, ma fa caldo quindi è normale la fiacchezza. Per me chilometri e una storta. Però la partita ce la siamo goduta: spuntino proibito compreso.”
«E voilà Dino, pop corn e coca cola, se vuoi ci sono anche le patatine.»
«Il mais mi fa venire i gonfiori di pancia, flatulenza.»
«Strombettar de culo, sanità de corpo.»
«E la coca cola mi gonfia lo stomaco.»
«Poi facciamo la gara di rutti, fanno bene anche all’ugola.»
Di prima mattina si era anche lamentato di strani ronzii neurologici notturni. Una zanzara che aveva superato la zanzariera che pendeva sopra il letto.
 
8 luglio 1982 – Polonia Italia 0 a 2
Dramma: Zoe, il photos, ha perso due foglie: considerando quanto è rigogliosa, ci può stare. Attacco di asma, ha passato la giornata in poltrona, circondato dalle piante. Inappetenza, solo un po’ di latte (speriamo non mi venga la diarrea) e poi del tè (che stringe). Per fortuna gli hanno sollecitato dei disegni dall’orto botanico e mi sono goduta la partita.”
Quella mattina citofonò Alba, la mamma di Dino: «Non vengo in casa, non ho voglia del riassunto delle malattie settimanali. Dopodomani è il compleanno di Dino e come al solito festeggiamo assieme. Cena dalle sette di sera in poi, l’ora in cui più o meno stava nascendo. Lei ci deve essere.»
«E la finale dei mondiali?»
«Perché, c’è la finale? Ma toh, che coincidenza!»
Per i sani, arrosto e cappelletti, che anche se fa caldo si godono.
Per il malato, pasta in bianco e scaloppina al limone, senza burro e coi fagiolini nostrani.
La torta l’avrebbe preparata Betta, pasticcera per hobby. Poco zucchero.
 
11 luglio 1982 – Italia Germania 3 a 1
 Alba, al posto dei fiori, aveva portato una composizione di ortaggi, molto salutare.
«Ah, già che ce ne sono nell’orto! Pazienza, li riporto a casa. Spesa fatta.»
Elegante, aveva anche una nuova pettinatura: un bel caschetto che copriva bene le orecchie.
Betta era nervosa: niente divisa e si era fatta pure lei un nuovo taglio di capelli. Uguale a quello della mamma di Dino. Inaudito.
Inaudito anche che si cenasse in soggiorno e non in camera di Dino.
«Betta, ma come ha fatto?»
«Ingessatura promessa: o mangi ‘sta minestra o salti dalla finestra, quella della soffitta.»
La cena sembrava essere uscita da un film di Buñuel: Betta era tutto un andare e tornare dalla cucina, spesso passando non si sa perché dal giardino, con strani tempi morti e ancora più strani tramestii dietro la porta. Rifiutò decisamente ogni aiuto.
Alba era silenziosissima: disse di avere un principio di mal di testa e un po’ di cervicale, per giustificare la sciarpina di seta attorno al collo che aveva impensierito Dino. Faringite contagiosa?
«Scusate se non faccio conversazione: vado un attimo in giardino, ho bisogno di aria.»
La conversazione a tavola languiva, a tratti surreale, imbarazzante.
Dino continuava ad occhieggiare la porta della sua camera.
Finalmente arrivò il momento del dolce, poi ci sarebbe stato il caffè (decaffeinato), un liquorino e finalmente, se Dio vuole, la parola fine a quella tortura cinese.
Doveva essere una torta difficile da allestire per l'entrata in scena, ma finalmente la porta della cucina si aprì: Betta era molto tesa, rossa in viso e con uno strano tremito alle mani.
All'improvviso, un urlo, anzi due: “GOOOOL!” e la torta finì appiccicata al soffitto, dove rimase indecisa per un paio di secondi prima di finire in testa a un esterrefatto Dino, che svenne di botto.
Betta e Alba cominciarono a saltare per il soggiorno, incuranti dello svenuto, ridendo e urlando: due tifose scatenate. Da sotto le nuove pettinature spuntarono gli auricolari di minuscole radioline.
Premurosamente fecero rinvenire Dino e poi vai di telecomando per rivedere i gol che si erano perse causa capelletti e arrosto.
 
12 luglio 1982 – senza voce per via dei festeggiamenti
Non è dato di sapere se per la caparbietà di Betta, per lo svenimento che aveva smosso qualcosa o per intercessione dei gol segnati, ma il giorno dopo nella villetta ci fu gran movimento di mobili e scatoloni.
Dino venne obbligato da due megere senza voce ma con un linguaggio universale, a smantellare la camera da letto: quello era il soggiorno e soggiorno doveva tornare.
Mal di schiena? Zigulì alla banana. Taglietto? Cerottino con Topolino. Vista annebbiata per il caldo? Canottierina di puro cotone e acqua fresca di rubinetto.
Calo di zuccheri? Pane e mortadella, un bicchierotto di lambrusco e zitto e mosca.
Fu costretto a bruciare i bugiardini e a inscatolare le medicine, donate a Don Mario per i veri malati poveri.
Tempo due giorni e sarebbe toccato al giardino e poi all’orto: settori ben divisi, lavoro ce n’era a iosa e per il mal di schiena, massaggino e una bella dormita.
La meno felice fu Gioia: aveva perso un cliente di quelli altro che buoni!, ma aveva sempre la Betta: un po’ provata, come ammise lei stessa qualche giorno dopo, ma con vitamine e ricostituenti tutto si sarebbe sistemato. Certo, quella punta di ernia, l’occhio che tremava… Però che mondiali!
«Adesso ti prendi una settimana… scusa. Noleggio Infer… signor Cori? Ancor… ora vedo. Betta? Betta!»
Niente Betta, solo una sedia vuota e un cappellino da infermiera che ancora non si era posato per terra.


26Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Gio Apr 22, 2021 7:08 pm

Ospite


Ospite
Per i marcatori del tempo sono d'accordo con Viv, li trovo inutili.
Forse potrebbero funzionare per descrivere avvenimenti eccezionali, un periodo storico, ma qui non hanno senso, chi si ricorda più di quelle partite? Conta l'insieme della storia e lo sviluppo finale.
L'unica critica che si può fare è quella, il racconto è godibile e divertente.
Non ha bisogno di riletture, arriva subito. 
Un abbraccione.

27Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Ven Apr 23, 2021 11:39 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Ho letto con piacere questo racconto, simpatico e ironico, quasi un po’ surreale.
Ben scritto, ha ritmo, vivacità.
Con qualche minima aggiustatina, non sfigurerebbe in una antologia scolastica, di fianco ad autori umoristici affermati.

28Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Lun Apr 26, 2021 10:26 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
Una storia a tratti esilarante, i personaggi di Dino e  Betta sono delle macchiette irresistibili che hai saputo caratterizzare davvero bene.
Nella lettura "alcuni" dettagli di troppo mi hanno infastidito altri invece li ho trovati assolutamente funzionali all'intento umoristico che il testo fa percepire dell'inizio (esempi: mi ha infastidito quel "Inesperienza di genitori primipari!"  quando risponde Gioia Felice, l'ho trovata davvero di troppo. ).
Ma sono davvero quisquilie. Il pezzo è godibilissimo, scivola via che è un piacere, ritmo ottimo. Non ho apprezzato molto neanche io i marcatori temporali in questa veste, anche se l'escamotage del diario mi fa digerire un po' meglio la questione Smile.
Un ottimo racconto umoristico, brav!
Il titolo è esilarante ma anche un'arma a doppio taglio perché dice molto, forse lo modificherei ma forse no, non lo so, ci penso neh Smile.
Brav.
Ele

29Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Mer Apr 28, 2021 11:17 am

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan
ciao
dei racconti umoristici, a mio parere, è quello meglio riuscito.
mi sono proprio divertita a leggerlo.
divertente, con i tempi giusti, scritto alla perfezione.
insomma, non era facile strappare un sorriso, tu mi hai fatto ridere di gusto.
paletti tutti centrati alla perfezione.
Dino è una macchietta, Betta una potenza della natura.
molto convincenti tutti i personaggi.
lo scandire delle ore non ha disturbato la lettura, anzi.
solo tantissimi complimenti
davvero bravissim*

30Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Ven Apr 30, 2021 10:06 pm

gemma vitali

gemma vitali
Padawan
Padawan
travolgente ,scatenato, simpatico.
Non era facile mantenere il ritmo iniziale , tu sei riscito a farlo fino alla fine, con situazioni divertenti, paradossali.
 Povera Betta quante ne ha subite , un malato immaginario come quello che descrivi è un pericolo pubblico.
Bella la scena della torta che si spiaccica al soffitto e ricade su Dino.
Brava la Betta che per fortuna scappa via.
Paletti rispettati anche in questa soria.
Letta con piacere.

31Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Sab Mag 01, 2021 11:15 am

Midgardsormr

Midgardsormr
Younglings
Younglings
Ciao autor*

Un bel monologo umoristico, scritto bene e che scorre senza intoppi.
I personaggi sono ben caratterizzati e ci sono alcune scene (tra cui quella della torta) che spiccano bene.
Anche i marcatori temporali non mi hanno disturbato, come di norma potrebbe succedere.
A livello tecnico, non ho refusi da segnalarti e in ultimo, ma non meno importante, i paletti imposti sono stati rispettati nelle scelte che hai effettuato per impostare il tuo racconto.

Una buona prova, riesce ad arrivare senza troppi problemi.

Complimenti e a rileggerti.


______________________________________________________
Valar Morghulis. Valar Dohaeris.

Tutti devono morire. Tutti devono servire.

32Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Lun Mag 03, 2021 11:39 am

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
La figura del malato immaginario, qui portata all'estremo, ha sempre intrinseca una miriade di possibilità comiche. Gli si accosta un personaggio vincente, Betta, e il gioco è fatto. Non voglio dire che il racconto si sia scritto da solo, c'è molto lavoro dietro e si vede, ma tutto è figlio dell'idea embrionale. Ho poco da aggiungere ai commenti che già sono stati fatti in realtà, perché il racconto è brioso e si legge in scioltezza. Pecca un po' dal punto di vista emozionale, ma è un problema figlio del genere, quindi c'è poco da disquisire. Sì, un appunto sui marcatori, che ho letto hanno suscitato qualche perplessità, a ne sono sembrati utili invece. Perché fanno parte del meccanismo comico, introducono non solo la data, ma soprattutto la partita e sono comunque figlio degli appunti di Betta, hanno cioè un ruolo, non sono spuntati fuori dal nulla.

33Infermiera a noleggio monouso - Pagina 2 Empty Re: Infermiera a noleggio monouso Lun Mag 03, 2021 8:25 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Aut-

Ti segnalo "Betta di accorse di avere" al posto di "Betta si accorse di avere".
Il titolo mi ha incuriosito anche perché dichiarava già in modo esplicito il genere di questo racconto.
Non amo molto i titoletti in grassetto, spezzano troppo il racconto soprattutto quando è breve. E mi dispiace dirlo ma non mi piacciono nemmeno in questo racconto, per quanto sia originale il modo in cui li hai inventati. Alla fine non sono pertinenti con il susseguirsi degli eventi e la frase "si accorse che le giornate in cui Dino aveva dato il meglio di sé erano quelle in cui l’Italia aveva giocato" non mi sembra una giustificazione sufficiente. Ogni capitoletto è troppo breve per essere goduto appieno. Viene giustificato come "un diario". Ma il risultato secondo me non è soddisfacente.
Il malato immaginario è una situazione reale ma la situazione al limite del surreale è proprio l'infermiera a noleggio, l'idea secondo me vincente di questo racconto. Betta però non si comporta solo come infermiera ma pure come governante, oggi forse la chiameremmo badante.
La malattia è portata alle estreme conseguenze per scatenare per lo meno il sorriso di fronte a scene che sono lontanissime dall'esperienza comune e quinti potenzialmente surreali.
Buono l'italiano, non mi sono mai inceppato.
I paletti ci sono: genere umoristico; orto e giardino ci sono; estate 1982 c'è; camera da letto un po' tirata (in realtà è un soggiorno); infermiera e disegnatore ci sono.

Grazie e alla prossima.


______________________________________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
https://linktr.ee/Achillu

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.