Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Domus scribae

+25
Achillu
Resdei
SisypheMalheureux
gdiluna
ImaGiraffe
digitoergosum
mirella
Arunachala
CharAznable
gemma vitali
Yoghi69
Arianna 2016
vivonic
miichiiiiiiiiiii
Byron.RN
Danilo Nucci
Susanna
paluca66
Antonio Borghesi
Midgardsormr
Petunia
The fallen
Molli Redigano
Fante Scelto
Different Staff
29 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

1Domus scribae - Pagina 2 Empty Domus scribae Mer Apr 07, 2021 9:08 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Promemoria primo messaggio :

“Mentula, stavolta non accenna proprio a passare!
Il medico dice che ne ho per almeno un paio di settimane.
Che fare?
Restare qui adagiato o levarmi con grandi dolenze?
Dormire? Sognare?
Porrei forse fine ai dolori della carne ma quali sogni farei se non incubi atroci.
Ad Alessandria D’Egitto stavo benissimo.
Che fosse per la bella Tabassum e le sue morbide sapienti mani sul mio corpo, stanchissimo a fine giornata? Non solo le mani, anche la sua vellutata bocca e…
Sì ma, anche se tali tumultuosi ricordi m’assalgono, non è che il dolore rilasci i suoi artigli ben fondi nella mia carne.
Nemmeno l’unguento di portulaca, olio d’oliva e mesticanza varia, applicatomi dall’ausiliare, non sembra essere d’utilità alcuna.
Rientrato da poco, sono ridotto a starmene sdraiato, senza muovermi dalla camera da letto, col solo conforto di quel pezzetto di cielo azzurro, inquadrato dalla finestra che dà sul giardino interno della mia bella casa di Pompei.
L’essere il miglior scriba dei miei tempi non facilita di certo la mia condizione fisica.
Tutte le giornate piegato in due a scrivere sui papiri o sulle tavolette di cera.
Sarebbe stato meglio il non esserlo ma si è avverato un nuovo incendio alla Biblioteca di Alessandria e chi hanno chiamato? Me naturalmente: Lucio Civito Scribano.
Come sempre mi ha convocato Gaio Plinio Secondo, il Prefetto in carico della flotta misenense che, per la sua precoce calvizie e il camminare un po’ curvo della sua quasi raggiunta cinquantina, i suoi marinai l’hanno soprannominato “Il Vecchio”.
Un gran brav’uomo che è pure il mio medico ma soprattutto un prolifico scrittore.
Gli piace prendere nota di tutto e chiama sempre me per dettarmi le sue note.
Mi ha fatto lavorare come un matto per la sua “Naturalis Historia”.
Mentula! Trentasette volumi con dentro di tutto: botanica, antropologia, zoologia, geografia, storia dell’arte, mineralogia e pure medicina.
Lo scritto che più mi ha lasciato sorpreso però è stato quel suo “De iaculatione equestri”. Una menata (si fa per dire) di quasi cinquanta tavolette su come si lancia il giavellotto da cavallo.
Certo che con quel titolo lì ci si può anche sbagliare!
Meno male che la “mulièr” gliele ha fatte sparire.
“Mulièr”: un ambiguo sostantivo che vale sia per moglie che per donna.
In effetti non li ho mai visti farsi qualche effusione.
Potrebbe anche sorgere un dubbio: essendo della stessa famiglia, che sia lui come Gaio Giulio Cesare?
Non credo però importi a nessuno.
Men che meno a me.
Basta che mi sistemi la schiena.
Comunque Domitilla gli fa da mangiare, gli lava le tuniche, fa riparare i suo calzari usurati e gli tiene in ordine la casa.
Dà da pensare che la loro relazione finisca lì.
D’altronde non hanno nessun figlio.
Plinio “Il Giovane”, che passa per suo figlio, in effetti è un suo nipote, adottato quando il padre, un fratello de “Il Vecchio”, è morto.
Avrebbe potuto scegliere me come figlio ma pacis!
È pure molto ricco. Ha rifiutato ben quattrocentomila sesterzi, quattrocentomila mica quattrocento, che gli ha offerto Larcio Licinio quando la sua Enciclopedia era ancora su rotoli di appunti.
Una parte scritti anche da me, perlappunto.
Mentula! Con quel diavolo appeso alla schiena, faccio pure i giochi di parole!
Non è la prima volta che Plinio ed io andiamo insieme ad Alessandria D’Egitto.
Lui è interessato all’antichissima biblioteca. Vi passa i suoi giorni, a volte le sue notti, a leggere e studiare qualsiasi argomento lo interessi.
Soprattutto la medicina di Erasistrato di Ceo e Erofilo di Calcedone.
Mi ha fatto copiare vari volumi di questi due antichi medici e il mio talento di disegnatore è stato ancora più apprezzato con la copia delle loro macabre tavole illustrative.
C’è anche questa storia del “come disegni i geroglifici tu non lo fa nessuno!”.
Vero. Sono proprio bravo ma, un conto è se li disegnassi su un papiro e un conto è farlo su di una tavoletta in legno cosparsa di cera, dove non sono nemmeno dei disegni ma delle incisioni, nelle quali ci si deve mettere più forza.
Stavolta sono tutte tavolette che debbo ricopiare in bella cera. Erano già pronte all’esportazione ma sono andate bruciate e quindi ho dovuto ricopiarle nuovamente dalle originali.
Uno crede che sia un lavoro facile e magari nemmeno così affaticante.
Che ci provi lui a disegnare sempre uguale, curvo su di una mensola dalla mattina alla sera, un leone accucciato, sarebbe una “L”, o magari un uccello che, se ha le piume lunghe significa “A”, oppure corte e significa “U”, o con la testa girata che si pronuncia “M” e così via con tutti i glifi moderni che almeno rappresentano un alfabeto simile al nostro.
Quelli antichi, anche se ce ne sono pochi nella Biblioteca perché normalmente li applicano solo sui monumenti, debbono essere interpretati e non sono molto facili da comprendere.
Plinio ed io però non abbiamo problemi.
Conosciamo, oltre alla nostra lingua, anche l’ispanico, il gallico e il germanico.
Un residuo letterario dei suoi mandati ufficiali in quei Paesi con me al seguito.
Certo che la copiatura dei geroglifici è comunque un lavoraccio di merda.
Pagato molto bene, però.
Come tutti i lavoracci di merda, d’altronde.
Così è stato nei tempi precedenti, così sarà in quelli futuri.
Sicuro!
Il viaggio per mare fino ad Alessandria è sempre un’avventura.
Usiamo la lussuosa quadriremi di Plinio, sulla quale due capanni ben riparati dagli spruzzi delle onde, situati nell’area di poppa, sono messi a disposizione per solo noi due.
Su di un lungo palo centrale è armata una grande vela quadrata manovrata da quindici marinai mentre duecentoquaranta rematori, disposti due per remo, su due diversi ponti, spingono a forza di braccia la grande nave.
Per difenderci da eventuali attacchi nemici, oltre a centoventi militi, ci sono varie catapulte e anche parecchie balliste.
E c’è spazio per tutti.
La “Partenope” di Plinio è lunga quasi 120 cubiti e larga una ventina alla pancia.
Partiamo sempre dal porto di Miseno, nel golfo di Napoli.  È quello d’attracco della flotta militare sotto il suo comando.
Se c’è bel tempo, vento favorevole e la spinta di tutti rematori, in una decina di giorni siamo attraccati nel porto di Alessandria che è sormontato da un enorme faro dedicato a Zeus, la cui cospicuità, di giorno si può notare sin da quasi quattro ore prima dell’arrivo, mentre di notte, la sua luce, da quasi otte ore.
Sarebbe meglio non far soffrire la mia mente coi ricordi dei colpi di mare e dell’oltraggioso vento.
È allora che il mal di mare m’attanaglia il ventre e fino all’arrivo non oso uscire dal mio capanno di poppa. Sdraiato sul legno del pavimento m’aggrappo a qualsiasi cosa per non rotolare in giro a ogni colpo d’onda.
Non so come facciano gli altri a star fuori e manovrare il grande timone e la vela.
Senza pensare a quei disgraziati ai remi!
È il Direttore della Biblioteca: Tiberio Claudio Balbillo, grande amico di Plinio, essendo i due appartenenti al rango equestre, una specie di Procuratori, a ospitarci ad Alessandria.
Tiberio è soprannominato “Il Saggio” a ragione della sua grande conoscenza che però non è nemmeno comparabile a quella di Plinio.
Non è certo per vendetta che lo giudico inferiore al mio amico anche se non mi piace proprio, quando, tornando Tiberio con noi a Roma con la quadriremi, io debba scendere sottocoperta a dormire nelle puzzolenti amache dei marinai?
La loro sì che è una vita di merda!
Ma più della loro lo è quella dei militi e poi giù per la scala degradante, c’è quella dei rematori che però non conta niente in quanto sono degli schiavi.
Mentula! Se uno di questi appena appena sta poco bene, è facile che lo sbattano fuori bordo ad annegare con la sua infermità. Mangiano, solo alla sera, schifose gallette ammorbidite con l’acqua salata e pesce sotto sale condito col garum, una fetida salsa d’interiora di pesce lasciata macerare per mesi.  Dormono sempre legati ai propri remi. Fanno i loro bisogni corporali sul posto e la sentina viene ripulita la sera, a turno da uno di loro, con secchiate d’acqua di mare.
L’orribile effluvio comunque resta lì. Una stagnante composizione di escrementi, urina, sudore, sporcizia, vomito e pesce marcio, il cui solo pensiero mi dà il voltastomaco.
Là sotto non si respira!
Fortuna che col bel tempo si possono aprire gli osteriggi per arieggiare i due ponti di sottocoperta.
Col mare grosso… nemmeno a parlarne!
I marinai invece fanno dei turni, sia per stare in coperta a regolare la vela, sia per dormire dentro quelle amache appese al soffitto della sottocoperta. Loro mangiano lo stesso cibo degli schiavi ma solo quando possono.
I militi devono sempre stare allerta e se spunta una qualche vela all’orizzonte vengono chiamati in coperta mentre tutti quelli non necessari all’eventuale combattimento, scendono sottobordo a rifugiarsi.  Al cibo comune aggiungono dei formaggi stagionati e carne secca.
Per noi c’erano anche vari alimenti conservati sott’olio, del pesce sotto sale, del prosciutto affumicato e a volte delle ostriche conservate in scatole contenenti neve pressata.
E anfore e anfore di ottimo vino.
Le battaglie in mare consistono sempre in speronamenti e in abbordaggi e si risolvono coi corpo a corpo, fino a quando uno dei due equipaggi non si impossessa della nave dell’altro.
La mia fortuna, fino a ora, mi ha evitato la cattura ma a bordo le storie circolano e sono sempre molto cruenti.
Un marinaio mi raccontò che il suo trierarca aveva catturato una triremi e, dopo averla svuotata di tutto il carico, essendo la stessa sul punto di naufragare, l’aveva abbandonata senza preoccuparsi di liberare gli schiavi di bordo che erano così annegati, legati ai propri remi.
Credere di più in un Ade benigna che in una vita sofferta in schiavitù, per marinai o militi, consapevoli di quello che potrebbe loro arrivare una volta prigionieri, fa sì che si tolgano la vita con uno stiletto che portano sempre seco.
Solo il trierarca o qualche ospite eccellente, è fatto salvo per ottenere un eventuale riscatto.
Che Plinio avrebbe pagato anche per me, se non mi avessero prima ucciso i vincitori, ne son certo.
Ma che mentula sta succedendo?
Perso nel mio silenzioso monologo, non mi sono accorto che alla finestra della mia stanza da letto, quel lembo di cielo azzurro di prima, si è trasformato in una nube grigiastra e poi ci sono quei rombi di tuono in lontananza.
Con la schiena che, a ogni mio movimento, pare ricevere delle pugnalate non ce la faccio proprio a scendere dal letto, se no sarei andato a vedere il temporale.
Mi piace l’acqua che spruzzata dalle nuvole scende in argentee gocce rinfrescanti.
Non sembra sia proprio così.
Fa molto caldo.
Quei tuoni non augurano nulla di buono.
Macchè tuoni!
Questo è il Vesuvio che lancia fortissimi boati.
La terra trema!
Mentula! Un’eruzione!
E che eruzione!
Odo gente che grida dalla paura.
Dalla paura?
Allora stanno fuggendo!
Non riesco a muovermi!
Che sta succedendo!
È calato il buio ma non è quello avviluppante della notte!
Il rumore, sembran cupi tamburi, è sempre più forte e il calore insopportabile.
Dalla finestra entra come della neve ma no!
Son fiocchi di cenere!
Pesanti, grigi, son grandi e bruciano!
Adesso mi butto giù dal letto e gli striscio sotto.
Mi tirerà fuori l’ausiliare appena torna.
Mentula! Mentula! Ment                                 “.


26Domus scribae - Pagina 2 Empty Re: Domus scribae Mer Apr 28, 2021 6:26 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Aut-

Più che un monologo sembra un'enciclopedia; probabilmente ti sei immedesimat- nel personaggio che, evidentemente, si è immedesimato nel suo mentore Plinio il Vecchio. Troppe spiegazioni che servono a noi che viviamo nel 2021, ma all'epoca erano cose che non andavano spiegate (per esempio oggi nessuno direbbe "la maionese, una salsa fatta con rosso d'uovo, un goccio di aceto e olio aggiunto progressivamente"; allo stesso modo nessuno avrebbe spiegato il garum nel 79 d.C.).
Le parole in latino potrebbero aver senso se il protagonista fosse di madrelingua greca, ma non mi sembra questo il caso. Inoltre in latino si pronunciava "mùlier". "ballista" con due "l" il vocabolario Treccani lo segna "antico" e preferisce con una sola "l".
"un Ade benigna": Ade è un dio maschile allora è "un Ade benigno"; se ti riferisci all'aldilà, quindi femminile, allora ci va l'apostrofo: "un'Ade benigna".

Si vede che hai studiato tanto per scrivere il racconto e te ne sono grato. Alla fine, oltre al fine enciclopedico, purtroppo mi manca una trama.
Per quanto riguarda i paletti: il genere secondo me non c'è; ci sono però Alessandria d'Egitto, il 79 d.C., la camera da letto e il disegnatore.

Grazie e alla prossima.


______________________________________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
https://linktr.ee/Achillu

27Domus scribae - Pagina 2 Empty Re: Domus scribae Mer Apr 28, 2021 7:09 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Ti sembrerà assurdo, autore, ma il garum non puzzava, aveva un odore deciso, certo, ma non cattivo. Oggi, per restare in Italia, lo possiamo paragonare alla colatura di alici, costosa e prelibata, ma in diverse parti del mondo troviamo dei suoi parenti, in Thailandia fanno una salsa di pesce che non si discosta molto ad esempio, anche come preparazione. A parte questo dettaglio culinario dovuto alla deformazione professionale, il resto del racconto l'ho trovato molto convincente, sia nelle intenzioni che nella voce. Qualcosa tra l'altro mi dice che in certo modo obliquo questo non sia solo un monologo, ma abbia anche intenti umoristici. Ci sono degli intenti parodistici, come quel Dormire? Sognare? E l'incalzare del mentulam, qualche battuta, l'ironia urticante, insomma, secondo me il racconto vuole raccogliere entrambi i generi proposti dallo step. Quello che manca è una vera e propria trama, sembra più un resoconto, una raccolta di riflessioni en passant, che altro. Non nego comunque che nonostante ciò l'ho trovata una lettura davvero piacevole. Qualche refuso c'è, anche qualche svista con la punteggiatura, ma non sono tali da inficiare la lettura.

28Domus scribae - Pagina 2 Empty Re: Domus scribae Dom Mag 02, 2021 6:19 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
Racconto brioso, che si fa leggere con piacere fino alla fine. 
Un (quasi) monologo storico umoristico, dove forse ma forse avrei alleggerito la parte centrale che smorza un po' il ritmo (anche se piena di cose interessanti). 
Trovo che il registro narrativo, condito da una certa ironia, regga benissimo per tutto il testo; il tuo personaggio arriva bene a me lettore e il suo (tuo) modo di raccontare è frizzante al punto giusto.
Una bella prova, brav.
Ele

29Domus scribae - Pagina 2 Empty Re: Domus scribae Dom Mag 02, 2021 7:48 pm

Asbottino

Asbottino
Padawan
Padawan
Alla fine credo che l'intento fosse più comico che altro. Oppure parodistico, visto quel "dormire, sognare" che ricorda Amleto? L'aspetto è quello di un monologo, però. Ma l'effetto della voce narrante, sicuramente cercato e ricercato, è straniante. Accosti espressioni come "Una menata di quasi cinquanta tavolette" o "lavoraccio di merda" a parole in latino a nozioni enciclopediche (forse troppe) e il tutto crea una specie di pastiche godibile ma un po' faticoso da leggere per quello che mi riguarda. Il finale con tutti quegli a capo non mi disturba. Un lavoro curato e originale, ma che non mi ha preso più di tanto.

30Domus scribae - Pagina 2 Empty Re: Domus scribae Lun Mag 03, 2021 8:24 pm

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan
Ma, io esco un pò dal coro e dico la mia: siccome il testo inizia con le virgolette e siccome nella discussione d'apertura Vivonic dice che una lettera è un monologo, io ho letto questo racconto convinta che il protagonista scrivesse una lettera al suo amico Mentula (che era anche un nome...) e gli raccontasse per filo e per segno le sue avventure nella maniera un pò pressata come si fa, appunto nelle lettere...
Quindi il racconto mi è piaciuto davvero tanto, con la sua dialettica confidenziale, con i suoi "merda" ripetuti come solo con un amico si può fare e tutte le varie battute annesse e connesse, con un bel registro moderno che davvero apprezzato(la merda è merda, ora come allora!)
E gustandomi il brano in questa modalità sono rimasta colpita di quante cose ho appreso (probabilmente non le conosceva nemmeno Mentula), inserite nel testo senza la volontà d'indottrinare ma con quella di far fare una risata al destinatario.
Insomma, davvero un testo originale (l'unica lettera), ben scritto, scorrevole e davvero ganzo.

Poi ho letto gli altri commenti... Letto come un monologo perde molto, anzi tantissimo.
Ma io continuo a percepirlo come una lettera scritta a Mentula.
Bellissimo!
Poi...Bho?!

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.