Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Una storia morta e sepolta
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyOggi alle 6:45 am Da SuperGric

» Attentato alla routine di un commercialista
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyOggi alle 12:35 am Da caipiroska

» Maximus
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 7:33 pm Da Molli Redigano

» Un caffè per Tom
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 5:23 pm Da tommybe

» Gli astri non sbagliano mai
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 5:22 pm Da Molli Redigano

» Ombre di luce
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 2:07 pm Da GENOVEFFA FRAU

» L'ultima cena
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 11:16 am Da GENOVEFFA FRAU

» Il viaggio del cavaliere
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyIeri alle 11:06 am Da Mac

» I paletti
Maggio 1805 - Pagina 2 EmptyVen Mag 27, 2022 11:35 pm Da caipiroska

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 7 - L'ANTICAMERA
Il settimo step è partito!
C'è tempo fino al 31 Maggio per commentare tutti i racconti.

Non sei connesso Connettiti o registrati

Maggio 1805

+22
CharAznable
Black Rose
Resdei
Fante Scelto
Arianna 2016
Akimizu
Arunachala
mirella
paluca66
ImaGiraffe
digitoergosum
SuperGric
Byron.RN
Susanna
gemma vitali
Danilo Nucci
Midgardsormr
caipiroska
Petunia
vivonic
Molli Redigano
Different Staff
26 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

26Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Lun Mar 15, 2021 3:52 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Ciao Aut-

Non mi è piaciuto il punto "Lei posò occhi scuri e ironici sul sacerdote." Tieni presente che la donna è appena stata stuprata (almeno così ho capito io) e dubito che gli occhi possano essere ironici in questo caso. Peccato anche per l'eccesso di spiegazioni nel finale e per il titolo che, secondo me, è poco evocativo.
Ti faccio i complimenti per la fantasia. Il colpevole è nientepopodimeno che l'arcivescovo Caprara e, anche se il dubbio si insinua nel momento in cui don Giuseppe e Teresa vengono attaccati dai tre loschi figuri, il movente viene fuori solo alla fine e quindi il mistero si risolve solo nelle ultime scene. Sei riuscit- pure a inserire una sottotrama, quindi complimenti per aver ben articolato il tuo racconto pur con pochi caratteri a disposizione. Il tutto con una capacità narrativa più che soddisfacente.
Le consegne sono soddisfatte: Duomo 1805, prostituta, giallo, portineria e pure il prelato (e che prelato!)

Grazie e alla prossima.

https://linktr.ee/Achillu

27Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Lun Mar 15, 2021 9:30 pm

Asbottino

Asbottino
Padawan
Padawan

Caspita è piaciuto anche a me. Lo dico perché siamo davvero lontani come genere e ambientazione, personaggi e dinamiche da tutto quello che mi piace leggere, però qui è ben scritto e appassionante e senza sbavature e anche se è ambientato nel passato ha un linguaggio molto moderno, che non cede alla tentazione di adattarsi a un'epoca che non c'è più. Insomma tutto a puntino, si legge di un fiato e anche l'intreccio non mi sembra che abbia particolari punti deboli, ma va detto che mi sono proprio fatto trasportare quindi forse dovrei rileggerlo un paio di volte, almeno. Anche solo per il piacere di rileggerlo.
Ottimo lavoro.


______________________________________________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

28Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Mar Mar 16, 2021 10:16 am

miichiiiiiiiiiii

miichiiiiiiiiiii
Younglings
Younglings

Questo è uno dei racconti che appena finisci di leggerlo ti lascia un buon sapore in bocca, è scritto davvero pulito, molto lineare e fluido.
L'unica frase che stona un po', secondo me, è questa: "Di nuovo desiderò non avere visto quello che aveva visto.", diciamo troppo ripetitiva.
Comunque ho notato che usi anche frasi troppo brevi, è vero che lo rendi leggero, ma secondo il mio punto di vista potresti in qualche parte appesantirlo in maniera corretta, giusto per dare più peso al testo e quindi alla storia.
La punteggiatura e i dialoghi sono usati credo perfettamente, parlando invece della trama, la trovo strutturata davvero molto bene, anche se in realtà non mira al 100% il genere giallo, ma ti ci avvicini...


Nonostante ciò, complimenti davvero!  Smile

29Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Mar Mar 16, 2021 2:11 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Padawan
Padawan

Quasi uno di quei thriller storici che tanto vanno di moda oggi. Non mi è dispiaciuto. Questo non vuol dire che non mi sia piaciuto. Se lo vedo sotto la forma di cappa e spada mi piace moltissimo. Se lo vedo come giallo molto meno. Comunque una bella storia di fantasia con una frase che mi ha colpito con forza e che finora non ho incontrato in nessuno dei componimenti che ho letto fino a ora (me ne mancano solo quattro): "cosa le costa farci divertire un po'". Terribile! No non è sgrammaticata è un'idea maschilista orribile. Mi ha posto il problema su chi scrive: penna maschile o femminile? Mi viene spontaneo credere nella seconda ma se fosse la prima... vero che la dice il personaggio ma la penso lo scrittore. Nessuna critica alla grammatica e alla scorrevolezza anche se nella parte centrale mi è sembrato che a volte inciampasse un poco in qualche granello. Brav@

30Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Gio Mar 18, 2021 12:57 am

Arianna 2016

Arianna 2016
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Inizio ringraziando lo staff: io sono una dei tre che ha sforato di qualche ora la consegna, tanto che, dopo la mezzanotte, come fa la proverbiale volpe con l’uva, continuavo a ripetermi che poi, tanto, l’importante era stato cimentarmi con qualcosa di inedito per me, scrivere comunque il racconto, che poi tanto avrei partecipato al prossimo step. Insomma, tante belle storielle perché invece mi scocciava tantissimo esserci quasi arrivata e avere mancato l’obiettivo per poche ore.
Ho dovuto comprimere in fretta e furia un racconto, che alla fine è di 15.000 battute, in 12.000; da qui tanti dei problemi che giustamente mi sono stati fatti notare, ad esempio lo stile “sincopato”, come lo ha chiamato Akimizu, che è un po’ una mia caratteristica ma che, in questo caso, è certamente stato esasperato dalla necessità di tagliare caratteri.
Per tagliare battute ho anche eliminato poi dimenticato di inserire di nuovo (perché alla fine avevo ancora a disposizione 7 o 8 battute) un “già” in questa frase: “si affrettarono a riallacciarsi i calzoni mezzo calati” che era nata come “si affrettarono a riallacciarsi i calzoni già mezzo calati”; farlo, avrebbe eliminato l’ambiguità, se Teresa fosse o no stata violentata; no, non lo è stata, don Giuseppe arriva in tempo.
Mi allaccio qui al commento di Antonio Borghesi:
"cosa le costa farci divertire un po'". Terribile! No non è sgrammaticata è un'idea maschilista orribile. Mi ha posto il problema su chi scrive: penna maschile o femminile? Mi viene spontaneo credere nella seconda ma se fosse la prima... vero che la dice il personaggio ma la penso lo scrittore”.
Questo è uno di quei casi in cui ci si sente davvero travisati: è proprio questo che colpisce Teresa e la spinge poi a rivolgersi a don Giuseppe; lei ha vissuto una vita in cui gli uomini non hanno fatto altro che pensarla come qualcuno a cui potere fare ciò che si vuole, è abituata a maschi che non vedono in lei una persona, ma qualcosa con cui togliersi una voglia. Don Giuseppe la tratta e la fa sentire come una persona, per questo la colpisce. Era questo che volevo emergesse: che don Giuseppe vede in lei un essere umano e come tale la tratta. La via Emilia tra Faenza e Imola è piena, la notte, di ragazzine sul bordo della strada, e io, quando passo in macchina, non posso non chiedermi cosa pensi o non pensi un uomo che si ferma, con tutto quello che oggi sappiamo sul traffico di schiave.
Ed ecco, SuperGric, la ragion d’essere di questo passaggio: Teresa capisce che don Giuseppe è un uomo a cui potere chiedere aiuto; quando si trova in difficoltà, pensa a lui.
Grazie per avermi fatto notare questo: “Quel "‒ Era vivo, quando l’avete lasciato?" che Don Giuseppe chiede a Teresa è una domanda che messa lì non ha molto senso e spiazza il lettore.” Nella mia testa il passaggio era chiarissimo invece, rileggendolo, in effetti mi sono resa conto che non lo è per chi legge, così, nella versione definitiva, ho modificato la battuta.
Sono d’accordo con tutti quelli che hanno rilevato qualche mancanza di spiegazioni: ho dovuto veramente ridurre all’osso.
E, sì, il titolo è davvero piatto e anonimo, ma dovevo consegnare e non mi veniva altro, quindi ho pensato che fosse meglio consegnare con un brutto titolo piuttosto che non mandarlo.
Fante, a tirare fuori la spada è solo don Giuseppe, non vengono nominate le armi degli assalitori.
Paluca66, per quanto riguarda le virgole:
“Visto che scrivi così bene, ti invito a controllare meglio l'uso della punteggiatura, soprattutto delle virgole: ad esempio in questo passaggio
‒ Nulla di che. Sa, per passare il tempo… stiamo aspettando di sapere cosa farne, di lei… ‒ sghignazzò uno.
‒ La signorina è libera. Riferirò all’arcivescovo quanto è successo.
Il ghigno dell’uomo si incupì: ‒ Vediamo di non farla grave: lo sapete, lei cos’è. Cosa le costa, farci divertire un po’?
Dopo "cosa farne" la virgola non va; "lo sapete lei cos'è" senza virgola; "Cosa le costa farci divertire un po'" senza virgola.”
Prova a leggere il testo ad alta voce, con le pause date dalle virgole, poi rileggi il testo senza le virgole: ti accorgerai che le intonazioni cambiano. Poi, certo, io sono della generazione cresciuta con un mucchio di virgole, mentre oggi si tende a eliminarle, per rendere più lineare il discorso (ad esempio, anche la virgola che ho appena messo dopo “eliminarle” oggi non viene più percepita).
Nessuno – non so se perché non sono stati visti o per gentilezza – ha rilevato i due veri errori formali che ci sono: “Siete un brava persona”, rimasto da un precedente “siete un brav’uomo” e “Anche a me alcuni uomini disgustano”: “disgustare” regge il complemento oggetto, non il complemento di termine, ma la frase suonava comunque così bene che non ho notato l’errore fino all’ennesima rilettura, un paio di giorni fa. L’ho corretta nella versione definitiva.
 
Ringrazio veramente tutti per i commenti: tutti mi sono stati utili per dare una ritoccata al racconto, nella sua versione da 15.000 battute.
Grazie CharAznable: non conoscevo il capitan Alatriste, ma mi sembra un personaggio interessante, dalla sbirciatina che ho dato su Amazon.
Ringrazio per le belle parole, i complimenti e il gradimento generale con cui avete accolto questo racconto, forse quello che più mi ha fatto penare e soffrire: ero sicura che non sarei riuscita a scrivere niente, di sicuro niente di buono; un giallo… mai scritto un giallo in vita mia (e credo che un po’ si veda)… poi con tutti quei paletti… Già mi ha stupito arrivare a scrivere qualcosa, che poi sia anche piaciuto…
Confesso che, questa volta, ho anche sentito molto la pressione da confronto: in questo forum circolano dei pezzi da novanta, che sapevo avrebbero tirato fuori magici conigli dal cappello, dato anche il taglio storico dei racconti; ho girato per giorni per casa mormorando a mio marito “no, no, questa volta proprio non ce la faccio… lascio perdere… che ci provo a fare, tanto…”.
Invece i paletti alla fine mi hanno fatto produrre e sono davvero contenta di avere avuto la possibilità di partecipare a questo step, mi sono divertita.
Grazie a tutti e grazie in particolare allo staff, anche e soprattutto per il lavoro “aggratis” che si sobbarca.

31Maggio 1805 - Pagina 2 Empty Re: Maggio 1805 Ven Mar 19, 2021 12:41 am

Arianna 2016

Arianna 2016
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Se qualcuno ha voglia di leggerla, ho caricato la versione estesa da 15.000 caratteri.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.