Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Peccati capitali

+21
Arunachala
Arianna 2016
Black Rose
mirella
vivonic
Molli Redigano
paluca66
Danilo Nucci
Susanna
miichiiiiiiiiiii
Resdei
Byron.RN
Midgardsormr
CharAznable
Fante Scelto
Antonio Borghesi
gemma vitali
ImaGiraffe
Akimizu
Petunia
Different Staff
25 partecipanti

Vai alla pagina : 1, 2  Successivo

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 2]

1Peccati capitali Empty Peccati capitali Sab Feb 27, 2021 5:36 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Una camera male illuminata. Un letto matrimoniale mezzo disfatto. Un armadio a due ante, un telefono nero in bachelite appoggiato su un comodino, una libreria con qualche libro polveroso, quadri stinti appesi alle pareti, un paio di sedie e una vecchia credenza completavano l’arredo. Su una sedia era appoggiata una tunica da prelato, sull’altra un vestito da donna. Da una porta si intravedeva un altro locale.
Sul letto, in parte coperto dalle lenzuola, c’era un uomo nudo, Alfred Bishopper, sui cinquant’anni, molto in carne, capelli radi e occhi grigi e piccoli. Aveva la carnagione bianca, quasi lattea, punteggiata da nei di varie forme e dimensioni. Le guance erano attraversate da sottili capillari rotti.
Semisdraiata a fianco ad Alfred c’era Johanna Rosendoll, sui 25 anni, procace, molto truccata, molto bionda. Indossava solo della lingerie bianca ricamata di rosso.
- Non v'illudete, - leggeva concentrata la ragazza da un foglio che teneva in mano. - Né fornicatori, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriachi, né oltraggiatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio. Dalla prima lettera ai Corinzi.
- No, no, no! – Disse Alfred, - Lascia stare i Corinzi. E leggi bene! Deve essere un monito, una terribile minaccia. Devi far sentire il peccato! La colpa! La dannazione!
- Ma, monsignore, io non so leggere bene – rispose Johanna.
- Imparalo a memoria allora. Devo tremare quando lo sento.
- Ok. Riprovo.
- Brava. Intanto accarezzami qui.
Johanna iniziò a muovere ritmicamente la mano sotto il lenzuolo. Rilesse brevemente il foglio, si schiarì la gola, assunse un’espressione arrabbiata e ricominciò: - Non v'illudete; fornicatori schifosi, idioti bavosi, puttanieri, ubriaconi e froci vari. Non andrete mai in paradiso zozzoni. Brucerete all’inferno per sempre cazzo.
- No, no, no! – Sbraitò ancora Alfred - Non devi cambiare le parole, altrimenti perde di forza. Continua ad accarezzarmi e intanto prova con un altro versetto, più breve magari. Mi raccomando, sii convincente. Devi farmi tremare. Tremare!
- Va bene, proviamo con questo. – Disse la ragazza. - Gli empi se ne andranno al soggiorno dei morti.
- Più forte! Più convinta! Immagina di essere il Savonarola. E continua a muovere così la mano.
- Gli empi se ne andranno al soggiorno dei morti!
- Ancora…
- Gli empi se ne andranno al soggiorno dei morti!
- …
- Gli empi!
- …
- Al soggiorno dei morti…
- Niente, qui non succede niente. – scosse la testa sconsolato Alfred. - Colpa tua, non sai trasmettermi il sacro terrore del peccato.
- Reverendo, io non ho ancora ben capito il perché di tutta questa pantomima. Non possiamo farlo normalmente? In quel campo sono molto più brava, giuro.
- Te l’ho detto. Senza il peso del peccato non mi eccito. Devo essere terrorizzato dalle fiamme dell’inferno. Devo sentire le punte del forcone di Satana sul sedere altrimenti non riesco a concludere niente.
- Glielo assicuro, sua santità: ne ho viste di cose strane in tanti anni di professione, ma questa le batte tutte.
- Riproviamo con un altro versetto, scegline uno a caso tra quelli che ti ho scritto lì.
- Ecco, questo mi piace. Spero funzioni. Pronto, eccellenza?
- Pronto. Mi raccomando la mano: a ritmo con le parole.
- Il Signore sa liberare i pii dalla prova e serbare gli empi per il castigo nel giorno del giudizio, soprattutto coloro che nelle loro impure passioni vanno dietro alla carne e disprezzano il Signore.
- Niente. Riprova.
- No, sua eminenza, io non ce la faccio. E sono anche cattolica, lo sa? Non dovrei leggere le Sacre Scritture così. Secondo me è blasfemo.
- Non ti preoccupare, poi vieni da me in Chiesa che ti assolvo.
- Ma perché mai ho accettato questo lavoro?
- Comunque ti pago, eh.
- E ci mancherebbe, monsignore! È che è uno smacco per la mia professionalità. In ogni modo, per me è colpa di questo posto orribile se ancora non le è successo nulla. Sembra il soggiorno dei morti, sembra.
- Anche la scelta del luogo è importante per i miei sensi.
- Sì, ma me lo spiega perché dovevamo venire a farlo proprio qui, nel retro di questa portineria schifosa di questo palazzo decadente in questa zona di Londra così malfamata? Nessuno si può eccitare in un posto del genere.
- Questa casa ha un significato particolare. – disse Alfred. - In questa camera la colpa è più forte. Il peccato trasuda dai muri.
- Ok reverendo, ma proprio i docks? Qui i muri trasudano puzza di pesce marcio.
- Proviamo un’ultima volta?
- Va bene. Ma non è che può arrivare qualcuno?
- Ho chiuso la porta della portineria a chiave e messo un cartello non disturbare. Poi oggi tutta Londra è al funerale di Churchill.
- Ma il portinaio? – Chiese Johanna.
- Lui non c’è, di questo sono sicuro.
- Senta eminenza, mi è venuto freddo. Prima di riprovarci mi metto qualcosina addosso, ok?
Johanna si alzò per frugare tra le sue cose appoggiate a una sedia, intanto canticchiava: - It's been a hard day's night, and I've been working like a dog. It's been a hard day's night, I should be sleeping like a log.
- Cosa canti? – Chiese Alfred.
- Una canzoncina dei Beatles, le piace?
- Non ascolta quella robaccia empia e immorale.
- Da che pulpito… Comunque non ho niente di adatto e pesante da mettermi. Guardo cosa c’è in questo armadio. Chissà che ci trovi un vestito da Savonarola.
- No, l’armadio no! – Gridò lui.
Johanna mentre apriva l’armadio si girò per domandare: - Perché l’armadio no?
Il cadavere di un uomo anziano con chiari i segni di colpi sul cranio scivolò dall’anta aperta e cadde addosso alla ragazza.
- Aaah. – Gridò lei facendo un balzo indietro.
- Aaah. – Rispose Alfred.
- Aaah aiuto! – Continuò Johanna.
- Vieni qui! – La esortò lui. - Sembra un cadavere.
Johanna tornò nel letto e si nascose sotto le lenzuola. - Sembra? – Disse. - È un cadavere! E cosa ci faceva un cadavere nell’armadio?
- Come faccio a saperlo io?
- Come come fa a saperlo? Mi ha detto lei di non aprire l’anta.
- Ma io non sapevo cosa ci fosse lì dentro.
- Monsignore, lei mi prende in giro. Io chiamo la polizia. – Disse Johanna e si allungò verso il telefono appoggiato al comodino.
- No, non lo fare!
- Lei mi sta dicendo di non fare troppe cose. Perché non dovrei chiamare Scotland yard? Le piace stare qui con questo cadavere?
- Ma sai lo scandalo che ne verrebbe fuori? – Disse Alfred. - I titoli dei giornali, le indagini della polizia e della curia, gli interrogatori. Lasciamo perdere. Ti pago il triplo se non dici niente a nessuno. Ricominciamo?
- Ma ricominciamo cosa? Lei sta scherzando reverendo. Con l’occhio vitreo di quel vecchio puntato addosso? E poi qui puzza tutto.
- Ancora ‘sto odore di pesce?
- No, tutta questa situazione puzza.
- Puzza? – Chiese lui.
- Io sono una gran lettrice di Sir Conan Doyle, sa. E qui ci sono tanti indizi interessanti.
- Interessanti?
- Che fa eccellenza, ripete quello che dico? Mi lasci finire.
- Scusa. Finisci poi facciamo un altro tentativo.
- Dicevo, gli indizi. – Continuò Johanna. - Primo: ho visto entrando in portineria la foto di questo vecchio vestito da cacciatore con una quaglia enorme in mano. Per me il nostro nuovo amico qui è il portinaio. Secondo indizio…
- Uff.
- Secondo indizio: lei reverendo diceva che questo posto ha un significato particolare per lei dunque deve conoscere bene queste stanze e chi ci abita, o ci abitava. Terzo indizio: sempre lei era sicuro che il portinaio non ci avrebbe disturbato.
- E allora? – Domandò spazientito Alfred.
- Quarto indizio: ancora lei mi intima di non aprire l’armadio. Quinto indizio: ora sta facendo finta di non capire quello che le dico.
- Non capisco dove vuoi arrivare. Ma fai in fretto che voglio ricominciare.
- Elementare Watson. – Dichiarò solenne Johanna. - Lei eccellenza sapeva che il corpo del portinaio era qui con noi nel guardaroba!
- Non sapevo niente io. – Rispose Alfred scuotendo la testa.
- Confessi! O chiamo la polizia.
- Non ci penso proprio.
- Confessi!
- Ma neanche…
Johanna abbassò la voce e insistette, più suadente: - Dai, se sua santità ammette in fretta di conoscere questo morto, poi possiamo ricominciare. Mi dia questa soddisfazione. Non dico nulla a nessuno.
- E va bene, sì, è il portinaio.
- Bravo! E come faceva a sapere che era nell’armadio con la testa fracassata?
- Uff.
- Ma come uff? Mi ha detto lei di non aprire l’armadio.
- E va bene, sì, sì, sì! – Quasi grida Alfred. - L’ho messo io nell’armadio. Non volevo che lo vedessi.
- Grazie per la cortesia, reverendo. L’ha trovato già così? Sembra morto da poco.
- ….
- Allora?
Alfred rispose con un sussurro - No, l’ho ucciso io.
- Come? Parli più forte, non bofonchi.
- L’ho ucciso io! L’ho ucciso io quel bastardo! Quel vizioso dissoluto maledetto corrotto immorale bastardo. Era ciò che si meritava dopo tutto quello che aveva fatto a me e a chissà quanti altri bambini.
- È stato lei?
- Io, io, io! Sono venuto qui questa mattina per affittare la camera per il nostro incontro. Poi però ho rivisto questo empio degenerato e mi è tornato su tutto l’orrore di quarant’anni fa! Da bambino vivevo in questo palazzo. Mia mamma andava a lavorare e a volte mi lasciava in portineria. E quando eravamo soli ‘sto dissoluto mi portava qui nel retro e… Se l’è meritato.
- Lei… Lei…
- Punizione severa per chi abbandona il retto sentiero. – Ammonì severo Alfred. - Chi odia la correzione morirà. 
- Assassino! Il peccatore è lei! – Esplose la ragazza. - Empio e assassino! Mi fa schifo! È un omicida schifoso. Dov’è il perdono? Lei è un prelato! Dov’è la misericordia e la comprensione? Il perdono, il perdono cazzo! È solo un verme! Assassino! Ora la sua colpa è troppo grande per qualsiasi assoluzione. La sua condanna sarà eterna! Il castigo terribile! Per lei sarà riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. E se lo merita tutto! Tutto! Dio non sopporta gli omicidi.
- Ancora, ancora!
- Lei è un maledetto assassino pervertito incapace di perdonare. La fornace eterna l’attende. Lurido empio omicida corrotto.
- Ancora ti prego. Sta funzionando.
- Cosa?
- Questa condanna. Sei bravissima.
- Sta funzionando?
- Sì, sei eccezionale.
- E lei è uno schifoso assassino, ma mi faccia vedere. Urca, è vero!
- Sei la migliore con cui sia mai stato. Sento finalmente tutta la colpa, tutto il peccato. Che eccitazione! Che eccitazione! Ricomincia.
- Ok, spero di ritrovare l’ispirazione. Una curiosità, con cosa l’ha ucciso?
- Un martello, è sotto il letto. Vai avanti, ti prego.
- Le dispiace se intanto guardo il cadavere così mi risale la furia?
- Va bene, basta che muovi la mano con un certo ritmo. Che brava che sei.
- Il mio peccato è l’orgoglio. Se mi dice che sono brava non capisco più nulla.
- Brava brava brava.
- Schifoso porco assassino. Soffrirai le pene infernali per l’eternità.
- Aahh.

2Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 9:58 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Come si fa a commentare un racconto così? Basta una sola parola: stupendo!
Trovo brillante sia l’idea che la realizzazione. Tutto si dipana gustosamente sotto gli occhi. La trama ė semplice come si addice una storia gialla da realizzare in poche battute. 
Ottima la caratterizzazione di entrambi i personaggi. La troverei perfetta per una realizzazione teatrale.
Non ho ancora letto molti racconti, ma devo dire che questo sarà difficile da battere. Un grande lavoro.
Super complimenti.


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

3Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 10:25 am

Ospite


Ospite
Johanna legge libri gialli, oltre a esercitare la 'professione', e si trasforma in investigatrice. Il monsignore ciccione ha problemi di erezione, solo un omicidio rende accettabile la sua prestazione sessuale.
Riconosco che il tema imposto è difficile, ma in questo racconto si percorrono strade troppo complicate e poco credibili per raggiungerlo. 
Non basta calciare forte la palla per andare a rete. 
Se la palla è di spugna.

4Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 11:50 am

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Non me ne vorrà il simpaticissimo autore se questo racconto mi ha lasciato perplesso, anche perché sono sicuro (vedi il commento di Pet), che troverà tanti estimatori. Sono perplesso perché è chiaramente una storpiatura, una parodia, non un racconto giallo vero e proprio. I due personaggi si scambiano battute al limite del cabaret e gli "indizi" non sono certo tali per impegnare il lettore in congetture. Non c'è mistero, non c'è suspence, si ride, ecco, io ho riso. Ci sono diverse imprecisioni formali, alcune stramberie, di certo talaltre sono volute, come i titoli sempre diversi dati ad Alfred, diversi e sbagliati, come Santità, Eminenza ect per renderlo una macchietta divertente. Riuscendoci benissimo, tra l'altro. Chiaro indizio (questo sì) che si tratti di un racconto comico è la presa in giro di Conan Doyle, con addirittura un bel "Elementare Watson" sparato davanti a un cadavere, una situazione paradossale, si capisce.
Ecco, mettiamola così, è un racconto riuscito, ma fuori scala, è la parodia di un giallo, non un giallo.

5Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 1:10 pm

ImaGiraffe

ImaGiraffe
Padawan
Padawan
Un testo sicuramente d’impatto, molto veloce e ritmico peccato che per il genere scelto sia troppo affrettato. Il punto di partenza è sicuramente ottimo crea una certa atmosfera che poi però sfugge diventando quasi una parodia. 
Mi è piaciuta la figura del prelato ma quella di Johanna no. All’inizio sembra annoiata, analfabeta e un pochino tonta, ma poi in un lampo diventa molto intelligente. Snocciola, frettolosamente, tutti gli indizi senza dare il tempo al lettore di assimilarli. In un clima che si fa sempre più surreale. Manca proprio il mistero. 
Per un attimo ho avuto l’impressione che Johanna sapesse del crimine e stesse recitando per far eccitare il prelato. Se così fosse l’avrei chiarito meglio.
Insomma è un racconto molto bello, però di certo non si può chiamare giallo.

6Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 3:21 pm

Ospite


Ospite
Penso che Akimizu e ImaGiraffe abbiano colto nel segno, e non credo che riuscirò ad aggiungere altro al mio commento. Per iniziare, trovo che questo racconto rispetti tutto sommato tutti i paletti, meno forse quello riguardo il genere: gli elementi del giallo ci sono, ma sembra più una scenetta da Zelig per come è impostato. Il personaggio del prete ipocrita e pettiniere e della prostituta stramba e indagatrice sono divertenti, ma non aiutano a costruire la tensione e il mistero che uno si aspetta da un racconto del genere. In più, a proposito della meretrice, mi pare strano che prima insulti pesantemente e con disgusto il prelato una volta che ha confessato l'assassinio, e poi d'improvviso continui ma non più mossa dal disprezzo ma dal fatto di dover portare a termine la sua prestazione. Da un punto di vista psicologico, lo trovo un cambio di atteggiamento troppo repentino e illogico. Inoltre, come dicevano quelli prima di me, è inverosimile che una prostituta che fatica a leggere i versetti della Bibbia abbia divorato i libri di Doyle. Insomma, il racconto in sé è bello, scorrevole e di facile lettura, ma non mi che abbia centrato il genere voluto.

7Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 4:43 pm

gemma vitali

gemma vitali
Padawan
Padawan
Trovo un po' esagerato l'uso dei versetti sacri usati come stimolante erotico, la donna tuttofare ingenua , intelligente, provocatrice è al limite del credibile.
Credo che per mettere insieme tutti i dati richiesti sia venuta fuori questa storia strana e insolita, una sorta di minestrone che secondo me ha divertito l'autore e anche il lettore.
Tema giallo, come parodia può andare.
Tutto sommato il racconto rientra nei temi richiesti e quindi va bene così.
A rileggerti.

8Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 01, 2021 5:58 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Padawan
Padawan
Un racconto di quelli che mi piacciono. Ironico con spunti grotteschi. Vorrei che questo commento bastasse ma siccome incorrerei nelle ire degli Admin aggiungo di aver trovato la lettura molto simpatica e semplice. C'è un refuso "Non ascolta quella robaccia" / "Non ascolto quella robaccia" e subito dopo una frase un po' "scassata":  "con chiari i segni di colpi sul cranio" / "con chiari segni di colpi sul cranio". Qualche punto lo becchi di sicuro.

9Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mar Mar 02, 2021 12:17 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan
Credo che l'aver puntato le carte su una parodia in stile teatrale possa pagare come no, in un contesto come questo di DR.
A me il racconto ha divertito e fatto tenere il sorriso da metà in poi. Tra l'altro è scritto molto bene.
E' un giallo parodistico, che nulla lascia al dubbio su chi sia il colpevole, ma che anche per questo alla fine funziona.
Pur nell'ambito dell'improbabile, il fatto che Johanna non sappia leggere bene ma al tempo stesso abbia letto tutto Doyle appare troppo un'ingenuità. Magari voluta, ma non ne colgo il risvolto parodistico.

Insomma, il lavoro è ottimo in senso assoluto, perde però qualcosa nel contesto del primo step, dove un po' stona rispetto alle mie personali aspettative.

10Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mar Mar 02, 2021 3:17 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan
Cara Autrice, caro Autore,

Sicuramente un buon racconto ben scritto. L'utilizzo "eccessivo" del dialogo rende tutto molto fluido, e questo mi piace molto. Apprezzo anche lo stile ironico con il quale è sviluppata tutta la vicenda. Un po' più forzato definire come giallo il testo. Un noir in salsa grottesca. Piacevole, ma non mi convince al 100%.
Grazie.



Ultima modifica di CharAznable il Lun Mar 15, 2021 3:51 pm - modificato 1 volta.

11Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mer Mar 03, 2021 10:43 am

Midgardsormr

Midgardsormr
Younglings
Younglings
Ciao autor*

Mi trovo in una situazione paradossale, tanto quanto il tuo racconto.
Da una parte, mi sento di dire che mi è piaciuto, mi ha coinvolto. Dall'altra, sono un poco perplesso di come abbia trattato il giallo.
Dovrebbero esserci dei canoni, e non parlo di quello dettati dal contest, ma proprio di quelli artistici per stilare un racconto sul generegenere scelto.
Nelle lettureletture, ho trovato chi si è ispirato a gialli antichi quindi più lenti e altri più moderni e quindi più veloci.
Il tuo, invece, mi sembra quasi una caricatura, un giallo comico, che fa tanto ridere è vero, ma di giallo ha poco.
Qualche piccolo refusorefuso che ti è stato già segnalato e su cui non mi dilungo.
Una buona prova, di sicuro diversa dalle altre. Pregio o difetto, lo capiremo con le preferenze.

Grazie della lettura.


______________________________________________________
Valar Morghulis. Valar Dohaeris.

Tutti devono morire. Tutti devono servire.

12Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mer Mar 03, 2021 9:00 pm

Byron.RN

Byron.RN
Padawan
Padawan
Il pezzo è divertente, ma come hanno già detto gli altri è una farsa, una parodia intelligente del genere giallo, però non un giallo.
Certo hai costruito un bell'impianto, anche se quando scappa fuori il morto si intuisce che la donzella s'incazzerà, in modo che il religioso possa avere il suo happy ending.
Certo che Alfred è proprio un'anima nera, aveva previsto tutto e sapeva che in caso di bisogno avrebbe potuto contare sul suo asso nella manica.
Sto pensando a chi potrebbe interpretare a teatro una scena così.

13Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mer Mar 03, 2021 10:59 pm

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan
Ciao.
Ho letto con divertimento questo tuo racconto.
Buono il ritmo, reso alto dai dialoghi incalzanti.
La trama, scusa, ma non mi ha entusiasmato. Hai rispettato tutti i paletti che lo step imponeva, in questo sei stato molto brav@.
L’atmosfera creata è convincente, il tanfo del pesce e l’umidità della portineria arrivano tutti.
Alcune frasi le ho trovate “stonate” tipo
Reverendo, io non ho ancora ben capito il perché di tutta questa pantomima.  in bocca a una ragazzotta di 25 anni.
Come mi sembra poco verosimile che alla fine si trasformi in un’investigatrice invece di darsi alla fuga. Ok il monsignore paga, ma a tutto c’è un limite, penso.
Credo che la fretta di consegnare ti abbia fatto commettere errori di battitura, poca cosa.
Insomma, anche se riconosco che la mano è esperta, come dicevo, il racconto non soddisfa pienamente i miei gusti.
Ciao e a presto

14Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Gio Mar 04, 2021 1:07 pm

miichiiiiiiiiiii

miichiiiiiiiiiii
Younglings
Younglings
Incredibilmente sorprendente!  Peccati capitali 1845807541 Più leggevo, più ero entusiasta e propensa a continuare, inoltre lo immaginavo anche, quindi davvero un racconto molto "eccitante", ma soprattutto originale. L'unica pecca, ma detta da una ragazzina alle prime armi, è che il genere giallo è poco accentuato, ma del resto davvero wow! Complimenti!

15Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Gio Mar 04, 2021 5:02 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Devo dire che verso la fine del racconto mi ero appuntata di far notare che – dato l’argomento serio – sarebbe stato opportuno enfatizzare il dolore dell’uomo nel ricordare le violenze subite, rafforzandone il potere che le stesse hanno, anche ad anni di distanza, di condizionare purtroppo le esisetenze. L’insistenza della ragazza nel farlo confessare poteva far pensare anche ad un complice nascosto e conseguente ricatto. Ci stava. Tragedia ben impacchettata.
Poi il finale tragicomico, degno di una commedia all’italiana degli anni 70/80, dove alla tragedia di una morte si contrappongono i desideri proibiti del più classico degli stereotipi: il prete libidinoso che, oltretutto, cerca la propria punizione in pratiche “dolorose”, ma… non esageriamo, alla fine, tutti i nostri peccati non ci saranno rimessi? Quindi…
Quindi al posto del cilicio, perché no  una bella ragazza che gli legge passi molto severi dei Vangeli. Insomma, punizione sì, ma con un attimo di godimento.
Mi permetto una piccola osservazione: forse l’aggiunta di qualche verbo che enfatizzasse le frasi del reverendo (ad es. ansimò, ribattè… ecc) avrebbero rafforzato la scena, dando più spessore alla situazione.
Lettura gradevole, anche divertente, un giallo comico leggero che alla fine però un attimo di riflessione lo richiede.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

16Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Gio Mar 04, 2021 9:04 pm

Danilo Nucci

Danilo Nucci
Padawan
Padawan
“La bachelite (o bakelite) è il nome dato a una resina fenolica termoindurente.” Mi ero dimenticato cosa fosse la bachelite e tu, autore, me lo hai fatto ricordare. Quel “termoindurente” poi, credo che in questo contesto ci faccia la sua porca figura!
Voler cercare il rigore, la coerenza, la verosimiglianza in questo brano è uno sforzo inutile. Sono certo che l’autore/autrice non si sia nemmeno posto/a il problema e si è divertito ad assemblare gli elementi a disposizione per la prova, montando una scenetta da teatro dell’assurdo, mischiando tutto con una buona dose di umorismo che mi è sempre cara.
Uno degli aspetti interessanti di queste amichevoli disfide è che ti costringe a indagare su argomenti che mai ti saresti sognato di approfondire, proprio come “bachelite”. Allo stesso modo sono stato colpito da quella “quaglia enorme” in mano al cacciatore. Ho cercato se esistono grosse quaglie e ho trovato che esistono effettivamente quaglie jumbo che arrivano a 300 gr. di peso.  Di più non ho indagato perché a un certo punto mi è venuto il dubbio che il volatile in questione potesse avere nella mente dell’autore/autrice altri significati più in tema con il racconto.
In conclusione, il giudizio naturalmente è duplice: da un lato 10 e lode, se invece si deve valutare con i requisiti della prova, il discorso cambia. Vediamo che verrà fuori nella votazione…   

17Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Ven Mar 05, 2021 10:10 pm

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan
Racconto divertente al limite del grottesco e proprio questo rischia di essere il suo punto di forza e il suo limite in quanto fatico a farlo rientrare nel classico schema del racconto "giallo".
Se la presa in giro della figura del prete può essere simpatica sinceramente mi ha un po' infastidito il fatto che tu abbia inserito un tema serio e grave come quello dell'abuso dei bambini così di sfuggita, quasi non avesse particolare rilevanza o importanza ma questo chiaramente è un mio sentimento personale.
i refusi sono minimi e di poca entità e sono già stati evidenziati, la scrittura è molto buona, scorrevole e chiara, amo sempre molto i racconti basati fondamentalmente sul dialogo.

18Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Dom Mar 07, 2021 10:01 pm

Molli Redigano

Molli Redigano
Padawan
Padawan
Io credo che questo racconto, se ci fosse stato proposto in una versione più reale, più cruda, più seria insomma, avrebbe fatto centro senza rivali. Non c'è niente da buttare via. L'ambiente è perfetto, ricercato apposta per soddisfare gli oscuri piaceri di un prelato pervertito e probabilmente pazzo. Pazzia e perversione che si porta dietro dall'infanzia/adolescenza. La puttana è anche credibile come personaggio in un contesto meno umoristico e più drammatico. E qui, come notato, l'errore sulla capacità di leggere di Johanna, di cui ci si poteva accorgere. Ci poteva stare una puttana appassionata di Sherlock Holmes. Quel pedofilo del portinaio ha fatto la fine che meritava, su questo sono d'accordo.

Mi scuserà l'aut, forse non sono lucidissimo a quest'ora, ma spero di essermi spiegato. Il mio giudizio è molto positivo, ma le mie aspettative sono state disattese poiché non era ciò che aspettavo di leggere. E l'amaro è dovuto al fatto, impressione mia s'intende, che il voler far colpo sul lettore a tutti i costi non paghi, purtroppo, tra i pali stretti di questo step iniziale.


______________________________________________________
Branzagot senz'onma.

Gaute da suta [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]!

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

19Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 08, 2021 8:51 am

vivonic

vivonic
Admin
Admin
Sarebbe bello, a step concluso, raccontare alcuni retroscena che hanno interessato lo staff in questo primo step.

Come molti Autori hanno intuito, uno dei pezzi nei quali ci siamo spaccati è stato proprio questo.
Poi non aggiungo altro, ma io non ho votato a favore dell’ammissione di questo racconto. Il resto, magari, ce lo diciamo – col consenso dell’Autore – a fine step.
Detto ciò, il racconto è fantastico. Proprio su un altro pianeta, come un “Girotondo” di De Andrè che, al ritmo di un allegro in re maggiore, ci racconta una storia terribile; e, a ogni modulazione semitonale, aggiunge un’altra fetta di orrore al girotondo che intanto, con l’ausilio del coretto dei bimbi, ci conduce verso un finale grottesco.
Il tuo pezzo è esattamente questo: il Girotondo di De Andrè.
Io ho trovato ogni cosa al posto giusto, la scrittura è perfetta e sapiente (il 25 però scrivilo a lettere un’altra volta), la trama si segue benissimo e tutto il messaggio arriva chiaro, e ti ritrovi a riflettere su mille cose senza che l’Autore, praticamente, ne abbia rimarcata nessuna. Cosa che solo ai grandi artisti riesce.
Insomma, ho solo complimenti da fare all’Autore.
Però resta un particolare non del tutto irrilevante: non è un giallo. Possiamo stare qui a parlarne quanto ci pare, ma non è un giallo, quindi non credo dovesse essere presente a questo step.


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

20Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Lun Mar 08, 2021 10:23 am

mirella


Padawan
Padawan
Un’ umidità puzzolente trasuda dai muri della stanza. Nel bel mezzo della sua prestazione che non riesce a raggiungere lo scopo, Johanna, infreddolita, si ferma, apre l’armadio in cerca di qualcosa per coprirsi e le casca addosso un cadavere.
I limiti spazio temporali imposti dallo step sono rispettati: la portineria si trova nei docks e nessuno verrà a disturbare il prelato e la prostituta, perché tutti sono al funerale di Churchill. I personaggi ci sono.
La scrittura è corretta, il ritmo vivace. Il genere?
Il morto c’è, l’assassino pure, l’indagine è svolta dalla puttana, accanita lettrice di Conan Doyle. Li legge con gusto, i gialli, la bibbia no; non sa trovare il tono giusto da Savonarola, come servirebbe a soddisfare il vizietto del prete, che non si eccita se non sente il peso del peccato e il forcone di Satana sul sedere. Quando però scopre il cadavere, Johanna veste i panni di Sherlock Holmes e indizio su indizio, induce il prete alla confessione. Allora sì, s’incazza e investe il prete con l’invettiva giusta e lui: Aahh! Obiettivo raggiunto.
Gli ingredienti per la ricetta ci sono tutti, anche l’arma del delitto non manca, nascosta sotto il letto. Cosa c’è che non va? La riproposizione in chiave umoristica del genere, in questo caso mi sembra un valore aggiunto. Mi sono divertita da matti!

21Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mar Mar 09, 2021 5:23 pm

Black Rose


Viandante
Viandante
Caro autore o cara autrice,
trovo che il tuo racconto sia davvero particolare, così particolare che non riesco nemmeno a capire se mi è piaciuto oppure no. Ma questa ovviamente è solo una mia percezione personale.
La trama è solida e la storia fila liscia senza intoppi. Mi è piaciuta la scelta dei dialoghi: per me è riuscita a rendere più intrigante tutto racconto e poi penso che tu sia stato/a molto bravo/a a sfruttarli per caratterizzare i personaggi. 
Il testo è sicuramente molto blasfemo,  ma ha raccontato anche una delle molte verità di questo mondo, anche se in un modo che sfiora i limiti del surreale. Si capisce però che l’effetto è voluto e che ogni passo del testo è ben studiato.
Io ti faccio i complimenti, anche se personalmente questo racconto non mi ha fatto impazzire.
Spero di rileggerti presto per inquadrare meglio il tuo stile!

22Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Mer Mar 10, 2021 6:06 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Faccio una premessa, che ho già fatto per altri racconti in altri concorsi su SPS e che quindi non riguarda strettamente il tuo racconto: una scrittura in cui si mescolano con queste modalità sesso e Sacre Scritture mi mette molto a disagio.
Nel momento in cui vado a commentare il racconto, devo quindi scindere quello che provo, a livello personale, da una valutazione strettamente letteraria.
Detto questo, lo stile e il ritmo nel complesso sono molto buoni.
Non mi piacciono in generale le descrizioni dei personaggi fatte all’inizio di un racconto stile “elenco”, preferisco le caratterizzazioni che emergono in modo più naturale durante la narrazione.
La forma nel complesso è buona, anche se manca un po’ di punteggiatura e c’è un uso non corretto delle maiuscole dopo il trattino di chiusura del discorso diretto (questo è comunque solo un elemento di formattazione, che non influisce sulla lettura).
Questo sembra un pezzo teatrale, una commedia brillante e satirica: ne ha il ritmo, lo scambio rapido di battute brevi. In questo senso, ha anche un significato la descrizione iniziale dei personaggi, quale proprio te l’aspetti all’inizio del copione di un testo teatrale.
È un testo vivace e comico, ben scritto e realizzato, anche proprio come struttura della narrazione, della concatenazione degli eventi e delle rivelazioni.
I paletti dello step sono rispettati. Il giallo… Non so… ci devo pensare. Certo, tu lo hai declinato in senso comico, ma in effetti qualche ingrediente c’è: indizi, qualcuno che fa deduzioni (anche se solo per pochi minuti), la rivelazione del colpevole…

23Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Ven Mar 12, 2021 10:35 am

Arunachala

Arunachala
Admin
Admin
sicuramente è originale, visto l'argomento trattato e il modo in cui viene esposto.
lo si potrebbe quasi definire un giallo comico, magari sbiadito.
scritto benissimo, con davvero pochi refusi, mostra dei personaggi che paiono marionette sul palco di un burattinaio.
la figura del prete è ben caratterizzata, quella di lei è piuttosto ambigua.
il finale è degno della storia, sarcastico nella sua assurdità.
concludendo, luci e ombre che mi impediscono di darti un voto alto


______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran

24Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Dom Mar 14, 2021 1:20 am

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan
Della serie: il racconto che non ti saresti mai immaginata di leggere (in questo contesto)!
Fresco, frizzante, originale e brillante, scritto perfettamente e senza errori.
Il testo è composto per la maggior parte da dialoghi che risultano ben calibrati nella dimensione surreale del racconto: da parte mia, che trovo molte difficoltà a essere credibile quando scrivo dialoghi, ti faccio tanti complimenti!
Leggendo il racconto sono rimasta molto soddisfatta: mi hai anche fatto sorridere, cosa che accade raramente quando leggo e sei riuscito a spiazzarmi alla grande.
Rimango sempre affascinata quando leggo cose così diverse dal mio modo di scrivere, soprattutto quando mi piacciono, e qui c'è una carrellata di personaggi, azioni e scambi di battute così ricca ed effervescente che mi hai conquistata!

Credevo di sapere cosa fosse il genere giallo: con questo testo mi hai messo un pò in difficoltà, ma prima della votazione avrò completato la mia personale ricerca sul tema.

25Peccati capitali Empty Re: Peccati capitali Dom Mar 14, 2021 3:10 pm

Asbottino

Asbottino
Padawan
Padawan
Divertente, sfacciato, molto teatrale. Non so quanto profondo, mi sembra che il messaggio sia chiaro perché è quello che passa e non credo che sotto sotto ci sia di più di quello che si vede. Non è tanto il mio genere di racconto, ma di questo genere bisogna essere bravi a scriverli altrimenti si rischia, volendo divertire e provocare a tutti i costi, di ottenere l'effetto opposto. La brevità gli giova, direi. Sul fatto che non sia giallo, direi che non ci sono dubbi. Non basta un cadavere a fare un giallo, mi sa. Molto ben scritto e riuscito, ma alla fine tra un racconto divertente e uno serio, finirò sempre per scegliere quello serio. Problema mio, credo. Ma sono gusti. Qui il talento di intrattenitore va riconosciuto e applaudito.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 2]

Vai alla pagina : 1, 2  Successivo

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.