Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» 7 in condotta
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyIeri alle 5:12 pm Da Susanna

» L'ombra insensibile
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyIeri alle 4:17 pm Da almarc

» Auguri Vivonic!
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyIeri alle 3:34 pm Da Asbottino

» L'ultimo bagno
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyDom Ago 14, 2022 9:27 pm Da Susanna

» Accadde un giorno a “La Pulce”
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyDom Ago 14, 2022 3:06 pm Da Arunachala

» DR - 8 - Il Salotto - Vincitori e Classifiche
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyDom Ago 14, 2022 12:30 pm Da Akimizu

» Ricordati di coprirti bene
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptyDom Ago 14, 2022 11:06 am Da almarc

» Anche gli angeli mangiano patatine fritte
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptySab Ago 13, 2022 6:59 pm Da paluca66

» Vento d'estate
Una croce per Darija - Pagina 2 EmptySab Ago 13, 2022 3:44 pm Da caipiroska

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 8 - IL SALOTTO!
Scopri i parametri e scrivi il racconto ambientato in salotto! La scadenza è il 30 giugno!

Non sei connesso Connettiti o registrati

Una croce per Darija

+22
Achillu
digitoergosum
Molli Redigano
Susanna
Resdei
Arunachala
paluca66
Danilo Nucci
Fante Scelto
ImaGiraffe
vivonic
Byron.RN
tommybe
M. Mark o'Knee
Antonio Borghesi
FedericoChiesa
Mac
gipoviani
Petunia
The Raven
SuperGric
Different Staff
26 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Nuovo argomento  Rispondi

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

26Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Dom Lug 31, 2022 7:36 am

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Ciao Aut-

Quello che hai scelto è un tema che mi coinvolge molto, buona parte delle persone che seguo sui social sono attiviste e condividono link molto interessanti, in particolare dal punto di vista sociologico ma anche dal punto di vista legale. Questa premessa per dire che, alla luce di ciò che divoro ogni giorno sull'argomento, non riesco a farmi coinvolgere dalla trama. Credo che il motivo sia l'eccesso di informazioni con cui vengo a contatto, la consapevolezza che quello che hai presentato è solo uno scenario e soprattutto non è uno scenario risolutivo: non è una soluzione generalizzabile o applicabile, è una storia presentata e rappresentata ma che non può essere presa a modello per uscire da situazioni simili.
Aggiungo che, per mio gusto personale, non amo i finali in cui l* protagonista si uccide; in questo racconto, in particolare, mi manca di comprendere la dinamica per cui Darija decide di estrarre la pistola anziché abbandonarsi sulla panchina e arrendersi.

D'altra parte questo è un racconto, non è un manuale. Da quando sono su DT e ancora prima quando ero su SPS ho letto molto spesso, ma molto molto, racconti di episodi unici nel loro genere. Questo è un episodio unico nel suo genere. Secondo me è perfetta la costruzione dell'ambiente in cui vive Darija: la famiglia apparentemente felice, il marito è un personaggio conosciuto e stimato sia nell'ambiente di lavoro che dal pubblico. Niente figli e niente testimoni, nessuna denuncia precedente: si prefigura un finale in salita in cui il pubblico entrerà in empatia maggiore con Gytis piuttosto che con Darija che, nelle cronache e nei discorsi da bar, sarà additata come quella che l'ha provocato. Ma tutto questo lo tiro fuori io dal mio contesto di informazioni, nel racconto manca ma del resto non saprei nemmeno suggerirti in che modo farlo apparire.
Mi è piaciuto molto il flashback. Non è facile inserirlo in un racconto breve ma secondo me l'hai gestito benissimo. Molto bene anche lo stile e il lessico.
I paletti ci sono; in particolare mi è piaciuto molto l'inserimento della Collina delle Croci, essenziale nel racconto.

Grazie e alla prossima.


______________________________________________________
Una croce per Darija - Pagina 2 Badge-2
https://linktr.ee/Achillu

27Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Gio Ago 04, 2022 11:40 pm

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan

Bello e potente questo racconto!
Complimenti!!!
In alcuni passaggi forse indugi un po' troppo a ricamare azioni e stati d'animo con l'effetto di comporre frasi che appesantiscono un filino la lettura (ma sono comunque ben fatte e d'effetto, quindi va bene così!).
Mi è piaciuto molto e mi hai assolutamente convinta quando descrivi la psicologia tormentata e ferita della protagonista: ho trovato molto plausibile quello che hai scritto, mi è piaciuta la lettura che hai dato sul rimorso/rimpianto, sul perchè si senta serena e convinta di aver fatto la scelta giusta. Di conseguenza stona un po' vedere spuntare quella pistola alla fine, perchè la consapevolezza di Darija porta a tutt'altro epilogo: mi sembrava infatti una persona in grado di affrontare ancora la vita a testa alta, forte della sua (anche se estrema) decisione.
Non credo che uccidere sia la soluzione a qualsiasi problema, ma nel caso di questo racconto poteva essere il gesto di rivalsa su una vita che non era stata ben calibrata sulle priorità della protagonista, poteva essere quasi un gesto di rinascita, di presa di coscienza metaforica ed estrema.
Ma la pistola che compare alla fine smorza tutto.
Gente che si ammazza: è sempre successo e sempre accadrà. Sono le chiavi di lettura del perchè ciò avviene che rendono il fatto interessante e unico, terribile e indelebile.

28Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Ven Ago 05, 2022 10:03 am

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin

Un racconto che ho apprezzato molto.
Tratti un argomento a me molto caro, legato al dolore che ci cambia, a quando armiamo la nostra mano e diventiamo "altro" per salvarci. Ma Darija non si salva, perché non provare rimorso la fa sentire diversa da quello che è, la fa sentire cambiata. La fa sentire qualcosa che non le piace.
Io ho letto così anche la pistola finale. Non è senso di colpa, è semplicemente un arrendersi al fatto che ormai tutto quel dolore l'ha cambiata e non può tornare indietro.
Lo trovo un filo estremo, ovvio, ma penso che tu sia riuscit a trasferire questo stato d'animo in maniera egregia.
Un racconto che narra una storia potente, personalmente la terza persona in questo tipo di narrazione non rientra nelle mie corde, ma è innegabile che tu abbia gestito alla grande questo gran pezzo.
Brav.
Ele

29Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Sab Ago 06, 2022 7:51 pm

CharAznable

CharAznable
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Un racconto crudo, reale, purtroppo quotidiano e attuale. Ho davvero poco da aggiungere a quanto scritto negli altri commenti. Mi piace molto il passaggio in cui il bravo arbitro, orgoglioso dell'encomio ricevuto sul campo di calcio, si rende conto di non poter controllare allo stesso modo la sua vita e soprattutto quella degli altri. Ora non più.
Complimenti.
Grazie.


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

30Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Dom Ago 07, 2022 12:03 pm

Asbottino

Asbottino
Padawan
Padawan

Uno dei racconti più incisivi. Non penso che l’autore abbia esperienza diretta di violenza domestica o di uccisioni, ma le scene vengono gestite con grandi capacità. Questa è la cosa che mi ha colpito di più. C’è tanto da imparare. Parlo per me : io non saprei nemmeno da che parte iniziare a gestire certe situazioni. La violenza psicologica, quella reale. E il salotto si lega a entrambe, la stanza in cui si consuma la violenza e la violenza trova il suo epilogo. Scomodo, difficile da digerire, ma indubbiamente un ottimo lavoro. Sarà dura restringere la scelta a cinque racconti. Sono tante le prove che meritano.


______________________________________________________
Una croce per Darija - Pagina 2 Senza_10

31Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Ven Ago 12, 2022 4:23 pm

M. Mark o'Knee

M. Mark o'Knee
Padawan
Padawan

Vi confesso, in tutta sincerità, che l’esito di questo ottavo step mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca.
Sono felicissimo per i voti che la mia Darija ha preso e per i commenti molto lusinghieri ricevuti da un buon numero di utenti, nonché per il secondo posto che mi è stato attribuito dal CdL: grazie davvero di cuore a tutti.
Sono altrettanto felice per la strepitosa vittoria di Ele, il cui racconto supera tutti gli altri di una buona spanna, e per il terzo posto di Super, che anche questa volta mette meritatamente piede sul podio.
Ciò che invece mi ha intristito e contrariato (tanto che, di getto, sono intervenuto proprio in calce al mio testo, meritandomi un intervento di moderazione) sono stati tutti quei commenti che non hanno giudicato il racconto in sé, ma il tema trattato. Un tema, la violenza che le donne subiscono, spesso all’interno della famiglia stessa, che di volta in volta è stato definito come “poco originale”, “inflazionato”, “stereotipato”, che dà “assuefazione”, e chi più ne ha più ne metta. E credo che questo modo di giudicare abbia pesato molto in ambito di classifica.
Certo, ognuno è libero di pensarla come vuole sull’argomento, ma non di farci un metro di giudizio, almeno secondo il mio modesto parere.
Oltre a questo, qualcuno ha stigmatizzato anche l’utilizzo, nel mio racconto, di nomi stranieri (“quasi un modo di introdurre dei gradi di separazione con il lettore”). Ma, mi domando, per un racconto che si svolge in Lituania (dato che è là che si trova la Collina delle croci) dovevo chiamare i personaggi, che so, Daniela e Giovanni? Mah…
Comunque, va bene così.
Mi scuso per questo piccolo sfogo e rinnovo complimenti e congratulazioni alla nostra bravissima Ele.
Grazie a tutti e a rileggerci presto.
M.

A vivonic e Achillu garba questo messaggio

32Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Ven Ago 12, 2022 4:36 pm

paluca66

paluca66
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

M. Mark o'Knee ha scritto:Vi confesso, in tutta sincerità, che l’esito di questo ottavo step mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca.
Sono felicissimo per i voti che la mia Darija ha preso e per i commenti molto lusinghieri ricevuti da un buon numero di utenti, nonché per il secondo posto che mi è stato attribuito dal CdL: grazie davvero di cuore a tutti.
Sono altrettanto felice per la strepitosa vittoria di Ele, il cui racconto supera tutti gli altri di una buona spanna, e per il terzo posto di Super, che anche questa volta mette meritatamente piede sul podio.
Ciò che invece mi ha intristito e contrariato (tanto che, di getto, sono intervenuto proprio in calce al mio testo, meritandomi un intervento di moderazione) sono stati tutti quei commenti che non hanno giudicato il racconto in sé, ma il tema trattato. Un tema, la violenza che le donne subiscono, spesso all’interno della famiglia stessa, che di volta in volta è stato definito come “poco originale”, “inflazionato”, “stereotipato”, che dà “assuefazione”, e chi più ne ha più ne metta. E credo che questo modo di giudicare abbia pesato molto in ambito di classifica.
Certo, ognuno è libero di pensarla come vuole sull’argomento, ma non di farci un metro di giudizio, almeno secondo il mio modesto parere.
Oltre a questo, qualcuno ha stigmatizzato anche l’utilizzo, nel mio racconto, di nomi stranieri (“quasi un modo di introdurre dei gradi di separazione con il lettore”). Ma, mi domando, per un racconto che si svolge in Lituania (dato che è là che si trova la Collina delle croci) dovevo chiamare i personaggi, che so, Daniela e Giovanni? Mah…
Comunque, va bene così.
Mi scuso per questo piccolo sfogo e rinnovo complimenti e congratulazioni alla nostra bravissima Ele.
Grazie a tutti e a rileggerci presto.
M.
Concordo con te, ci sono argomenti che non bisogna mai stancarsi di denunciare,  dri wyali non si può mai smettere di parlare e di scrivere. Storie tutte uguali, purtroppo, eppure che non hanno mai fine. Ancora una volta ripeto: grazie per questo racconto e per l'argomento che tratta.

A Achillu e M. Mark o'Knee garba questo messaggio

33Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Ven Ago 12, 2022 4:59 pm

Susanna

Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Caro  @M. Mark o'Knee l'argomento trattato è uno di quelli che pare non si riesca a lasciarsi alle spalle.  In ogni epoca ci sono stati femminicidi, ma gli ultimi anni li hanno visti crescere in maniera esponenziale. E non è sempre povertà culturale o un'educazione famigliare che privilegia la figura maschile - forte anche quano è molto debole - ma, io la vedo così, l'incapacità di certi maschi di accettare un fallimento, la forza e la determinazione di una donna a risolvere il problema di una coppia che non funziona più con la separazione. E non da ultimo, una donna che si ribella. Come avevo detto nel mio commento, possiamo discuterne per ore, ma è la mentalità in generale che andrebbe rielaborata. E non da ultimo, la certezza della pena. Ci sono stati casi che vent'anni di galera si sono quasi dimezzati, il colpevole esce e poco dopo uccide ancora. Che dire, forse anche i meccanismi della giustizia andrebbero aggiustati, invece il buonismo ha il soprravvento. Per i giornali, sono quasi sempre articoli di un giorno o due, e gli articoli di approfondimento di sicuro non vengono letti da chi non vuol cambiare mentalità, men che meno i "futuri" colpevoli.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

A M. Mark o'Knee garba questo messaggio

34Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Sab Ago 13, 2022 8:13 am

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Cara @Susanna "non è sempre povertà culturale o un'educazione famigliare che privilegia la figura maschile" ma poi scrivi "incapacità di certi maschi di accettare un fallimento, la forza e la determinazione di una donna". Se la determinazione di una donna non è accettata, il motivo è un'educazione che privilegia la figura maschile: "una donna non può essere determinata verso un uomo". Questa è povertà culturale.

Altre considerazioni: la violenza contro le donne non è aumentata in modo esponenziale ma è aumentata la copertura mediatica (giustamente). Anche se si tratta di una colonna, almeno adesso se ne parla. Fino a pochi anni fa esisteva nel codice penale italiano il "delitto d'onore", praticamente uno scudo per gli uomini che uccidevano le donne a cui erano legati. La copertura mediatica è molto importante e, qui mi collego allo sfogo di @M. Mark o'Knee , non serve per creare assuefazione ma serve proprio per puntare il dito contro un problema che ancora oggi tanta gente non vede come un problema. Il problema non è inflazionato ma è sistemico.

E con questa "chicca" della parola "sistemico" chiudo il mio sfogo.

A Hellionor, vivonic, paluca66 e M. Mark o'Knee garba questo messaggio

https://linktr.ee/Achillu

35Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Sab Ago 13, 2022 8:33 am

vivonic

vivonic
Admin
Admin

M. Mark o'Knee ha scritto:Vi confesso, in tutta sincerità, che l’esito di questo ottavo step mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca.
Sono felicissimo per i voti che la mia Darija ha preso e per i commenti molto lusinghieri ricevuti da un buon numero di utenti, nonché per il secondo posto che mi è stato attribuito dal CdL: grazie davvero di cuore a tutti.
Sono altrettanto felice per la strepitosa vittoria di Ele, il cui racconto supera tutti gli altri di una buona spanna, e per il terzo posto di Super, che anche questa volta mette meritatamente piede sul podio.
Ciò che invece mi ha intristito e contrariato (tanto che, di getto, sono intervenuto proprio in calce al mio testo, meritandomi un intervento di moderazione) sono stati tutti quei commenti che non hanno giudicato il racconto in sé, ma il tema trattato. Un tema, la violenza che le donne subiscono, spesso all’interno della famiglia stessa, che di volta in volta è stato definito come “poco originale”, “inflazionato”, “stereotipato”, che dà “assuefazione”, e chi più ne ha più ne metta. E credo che questo modo di giudicare abbia pesato molto in ambito di classifica.
Certo, ognuno è libero di pensarla come vuole sull’argomento, ma non di farci un metro di giudizio, almeno secondo il mio modesto parere.
Oltre a questo, qualcuno ha stigmatizzato anche l’utilizzo, nel mio racconto, di nomi stranieri (“quasi un modo di introdurre dei gradi di separazione con il lettore”). Ma, mi domando, per un racconto che si svolge in Lituania (dato che è là che si trova la Collina delle croci) dovevo chiamare i personaggi, che so, Daniela e Giovanni? Mah…
Comunque, va bene così.
Mi scuso per questo piccolo sfogo e rinnovo complimenti e congratulazioni alla nostra bravissima Ele.
Grazie a tutti e a rileggerci presto.
M.
Colgo l'occasione per ringraziarti pubblicamente:
1) per questo racconto;
2) per come hai gestito la moderazione, nell'immediatezza e successivamente;
3) per questo commento.


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

A Hellionor, digitoergosum e M. Mark o'Knee garba questo messaggio

36Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Sab Ago 13, 2022 12:01 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan

Ciao, io posso provare a rispondere per quanto riguarda il metro di giudizio influenzato dal tema.
Secondo me è quantomeno normale che il tema, a prescindere da quanto sia socialmente importante, possa pesare sul metro di giudizio di uno scritto.
Non abbiamo tutti le stesse sensibilità in merito alle cose brutte del mondo e credo possa starci che certi problemi colpiscano più di altri.

Nel mio caso specifico, il femminicidio non mi coinvolge più di tot, o non più di altri tipi di omicidi, come quello stradale o che so io.
Sono una brutta persona? Può darsi, però tant'è. Diventa quindi conseguenza logica che un racconto con questo tema mi risulti poco coinvolgente e quindi prenda meno "punti" di uno con un tema per me più coinvolgente.

Poi c'è il discorso della denuncia.
Anche qui, è un gusto personale, a me la scrittura piace di più quando è arte, quando è intrattenimento, quando è, che ne so, evasione.
Mi piace molto meno quando è denuncia. 
Capiamoci: evidenziare problemi va sempre bene, lo facciamo tutti più o meno esplicitamente, ma lo preferisco quando avviene in un contesto più ampio, in cui il focus è sull'avventura, la narrazione, ecc. e la denuncia diventa solo un episodio, un inserto che fa riflettere ma che non è il tema dominante.
Se il racconto è interamente basato sulla denuncia, quale che sia il tema, ha già l'effetto di allontanarmi un po'.

Mi ricollego a quanto diceva Paluca, sul fatto che di queste cose non bisogna mai smettere di parlare.
In realtà io non credo che la scrittura narrativa sia un buon mezzo di denuncia per il femminicidio, per il semplice fatto che non arriva laddove è più facile che questo serva.
Anzi, a dirla tutta, non è un buon mezzo di denuncia in generale, per lo stesso motivo.
Specie su temi così delicati nei quali sono coinvolti i sentimenti più profondi.
Per dire: educare a non buttare la carta per terra puoi arrivare a ottenerlo, educare a gestire i sentimenti quando hai un background tale che te li ha scombinati, non penso che si possa arrivare a fare.

Tutto quanto sopra per forza di cose diventa parte del metro di giudizio in un racconto, e molto spesso è anche difficile riuscire a motivarlo.
Questo ovviamente è il mio personale punto di vista

37Una croce per Darija - Pagina 2 Empty Re: Una croce per Darija Sab Ago 13, 2022 12:52 pm

M. Mark o'Knee

M. Mark o'Knee
Padawan
Padawan

Un punto di vista rispettabilissimo, caro Fante. E ti ringrazio per il tuo intervento. Se mi permetti, vorrei solo aggiungere che se il tema entra nel metro di giudizio, allora dovresti farmi capire come “lavorarlo”, se mi passi il termine. Cerco di spiegarmi. Se mi dici che un mio personaggio non funziona ma non mi spieghi, secondo te, come mai non va, posso prendere atto della critica ma non so come migliorare quel personaggio. Stessa cosa per quanto riguarda un argomento. Se mi dici che è “un tema inflazionato”, ok, ne prendo atto, ma finisce lì. Non mi dai niente di costruttivo. Qualcuno ha commentato dicendo che, con la capacità di scrittura che ho, avrei potuto scegliere qualunque altro argomento e svolgerlo al meglio. Grazie per la considerazione, ma ho scelto quel tema e ho cercato di svolgerlo al meglio. Quindi, una volta espressa la tua opinione, passa oltre e dimmi ciò che pensi anche del racconto. Lo avrei apprezzato molto di più.
Non mi dilungo oltre: scrivere con la tastiera dell’iPhone non è proprio il massimo.
Grazie ancora e a rileggerci
M.

A Fante Scelto garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Nuovo argomento  Rispondi

Argomenti simili

-

» Una croce per Jonis

Permessi in questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum.