Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» Furto alla grotta
Dighe e panchine EmptyOggi alle 9:11 am Da Asbottino

» Babbo Natale e la luna
Dighe e panchine EmptyOggi alle 8:57 am Da Asbottino

» Madre Gherda
Dighe e panchine EmptyOggi alle 8:55 am Da digitoergosum

» Natale a Wonderland
Dighe e panchine EmptyOggi alle 8:19 am Da digitoergosum

» Sveglia, è ora di dormire
Dighe e panchine EmptyOggi alle 7:21 am Da digitoergosum

» Echi di Natale
Dighe e panchine EmptyOggi alle 7:07 am Da SuperGric

» Ciccia Pasticcia
Dighe e panchine EmptyIeri alle 5:47 pm Da tontonlino

» Natale Bifronte
Dighe e panchine EmptyIeri alle 11:59 am Da Danilo Nucci

» Chiamata fuori orario
Dighe e panchine EmptyIeri alle 11:33 am Da SuperGric


Non sei connesso Connettiti o registrati

Dighe e panchine

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Dighe e panchine Empty Dighe e panchine Mar Gen 11, 2022 10:45 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

https://www.differentales.org/t1364-per-l-anno-nuovo#15779::


Dighe e panchine


La strada lasciava intravedere la banchina del porto, in una giornata plumbea e fredda, il vento accarezzava la pelle rendendola rigida e rossastra mentre le figure umane apparivano e scomparivano con l'alternarsi delle onde che andavano a infrangersi sulla diga, costruita a protezione dell'insenatura.
L'inganno era chiaro solo per l'occhio e una via, passando sopra la costruzione, portava al vecchio castello aragonese.
Osservando da lontano il mare si aveva l'impressione che tutto fosse al di sotto delle sue spume biancastre, io poi ho sempre avuto uno strano timore quando camminavo su quella strada costruita in tal posizione...
Eppure ero lì quando il tempo chiamava, tempesta e vento il mio soprannome interiore.
Di fronte alla diga, dal lato opposto, un piccolo bosco con un parco giochi ospitava i sogni dei bambini.
Dipingevo questa tela nelle notti insonni e i ricordi scuotevano l'animo rendendolo inquieto come una bufera infernale, il volo si infrangeva poi nell'immaginare il reticolato che costeggiava il parco giochi.
Esso racchiudeva in un quadrato enorme l'aeroporto, le cui piste terminavano a pochi metri dal mare, in estate la pista più lunga era il luogo delle mie osservazioni più attente.
In attesa dell'autobus, che portava in centro città dallo stabilimento balneare, s'era soliti partire insieme agli aerei che decollavano.
Una piccola stradina costeggiava la pista principale risultando essere l'unico approdo al mare,
l'autobus la percorreva e il gioco dei piccoli consisteva nello scommettere sulle condizioni del tempo.
L'atmosfera gioiosa si mischiava con gli odori che dalle borse, colme di tortellini al sugo, salivano prepotentemente al naso.
“Il Granchio Rosso” attendeva calmo e pulito nella sua disposizione a celle separate che lo rendevano simile a un campo di concentramento.
Era molto grande e ci ospitava per le vacanze estive... no, non era un brutto essere dotato di carapace: il Granchio Rosso era uno stabilimento balneare.
Aveva due quadrati di sabbia attorno ai quali vi erano le cabine, nel centro il bar con la rotonda che guardava dritto sul lungo pontile inoltrato nel mare, l'alta bandiera segnalava sempre in modo agitato lo scorrere delle onde.
Le gerarchie la facevano da padrone in quel luogo, nel quadrato a ovest i comuni mortali e i loro pestilenziali bimbi, a est invece l'alta borghesia con i costumi in pizzo di lontra, le docce in piombo profuso color oro e le cabine da dieci posti.
Io bighellonavo fra i box per impiegati statali a un solo stipendio.
In compenso il lato povero della società aveva un lungo corridoio che spiava il mare con le sue panchine in legno. Oltre vi era la sabbia naturale, le pietre e... La marea di buste di plastica che le navi in partenza del porto gentilmente concedevano alla spiaggia.
L'apice della vacanza erano le gare di ferragosto, a cui io non potevo partecipare perché ancora troppo piccolo per entrare in un sacco.
Mi vendicavo scavando delle trincee dalle quali sparavo con la pistola ad acqua, castelli di sabbia e ricchi premi e la vita poi ti leva il gusto di essere ingenuo.
Mi ritrovai così sull'autobus che circumnavigava la costa attorno al porto.
Sì, dalle buche di sabbia ero passato allo zaino a tracolla, conservando la fermata al Granchio Rosso.
Ero un adulto con i pantaloni corti e un vocabolario di Latino pesante come un masso che proteggeva la mia amata diga, un liceale provetto, pardon in prova, no in provetta: ecco la giusta definizione ero in provetta allo scientifico tra esperimenti “moschicidi” e plastici “colosseici”.
Lo stabilimento balneare non esisteva già più e il mare aveva mangiato spiaggia e cabine, resistevano, alias monoliti di Odissea nello Spazio, due vecchie cabine e un angolino del bar a sfidare il tempo e le sue intemperanze o intemperie, se meglio raffigura la storia.
La fermata c'era.
Le mie gambe erano vecchie e io giovane, il mio spirito non accettava la crescita, vedendo la morte di quei posti a me familiari.
Io sono vento di levante e morte di ponente.
Mi tiravo dietro sempre tempeste e tramonti, sognavo dighe e onde vigorose e distruttive.
Avrei voluto scrivere dei miei successi scolastici ma essi erano troppo scolastici per uno che da piccolo aveva già viaggiato per le vie delle stelle.
Cercavo negli occhi della gente la diga che arginava la loro vita, sperando che allo stesso tempo vedessero la mia.
Consideravo il tempo una variante dello spazio e mi spostavo non tenendo conto di esso, almeno così credevo di poter sempre fare.
Io terminavo le vite, quelle mie naturalmente, per sentirmi nuovamente vivo, trascorsi così dighe e panchine tra tempeste e sconfitte.
Vinsi perdendo.
Se fossi sopravvissuto ai miei sogni non avrei mai potuto scrivere, morire in essi vuol dire vivere nella loro futura raffigurazione.
Venne il tempo d'un altro tempo e io, che prima mi consideravo adulto rispetto al tempo stesso, mi ritrovai a essere più vecchio di quel che ritenevo.
Finì l'autobus verso il mare e iniziò la mia carriera di podista verso il porto.
Facevo in dieci minuti il percorso liceo-stazione, non per nulla il mio prof. d'educazione fisica era stato allenatore di Pietro Mennea.
Portavo con me sempre un pontile verso il mare dell'ignoto e una panchina di legno che volgeva il cuore alle acque di smeraldo.
Ero finto poeta nel mio finto voler a tutti i costi essere sogno, amai e scrissi nei percorsi del porto, portai a spasso colori e tele e dalle panchine dipinsi vite e storie.
Anche quella vecchiaia terminò e io uccisi per la seconda volta il mio tempo.
Quante ancora sarebbero dovute essere le vecchiaie prima dell'ultima? Lasciai panchine e cavalcavia in deposito presso due occhi di cristallo e, con in mano il vuoto, presi l'ultimo autobus.
Viaggiava da solo, non aveva conducente e io avevo i capelli bianchi.
Da quel viaggio sono passati più di trenta degli anni terrestri e non ho più i capelli bianchi.
Ho rivisto per caso la mia panchina: due steli di legno e un rugginoso aspetto.
Viva e morta al tempo stesso come me che uso il vinavil per incollare al tempo le mie emozioni, vive e morte.
Sì, son fatto così.
Tempesta, vento, dighe e panchine sono compagne illusorie delle mie morti, io vivo nella morte e di morte vivo per nascere nel tempo desiderato.
Nel tempo della mia vita, quella senza termine, quella che ti fa sentire vecchio al termine delle esperienze e giovane quando l'ultima vecchiaia si spegnerà nella panchina dei ricordi.
Quella prediletta.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2Dighe e panchine Empty Re: Dighe e panchine Mer Gen 12, 2022 2:09 pm

Mac

Mac
Younglings
Younglings

Ho letto il tuo racconto permeato sicuramente dA tanta poesia. E forse più che un racconto è proprio una poesia.
La sensazione che ho è che questo racconto sia nato nella seconda parte. Mi spiego meglio: sembra che siano due mani diverse a scriverlo (forse è voluto per sottolineare il tempo che passa?).
La seconda parte mi piace, scorre fluida forse un po' troppe metafore e allegorie, ma questo è solo un gusto mio personale.
La prima parte invece, zoppica un po', non risulta chiara alla prima lettura e l'ho dovuta rileggere. Nonostante questo sono rimasta titubante.


Ti segnalo alcune cose:

"La strada lasciava intravedere la banchina del porto, in una giornata plumbea e fredda, il vento accarezzava la pelle ". Qui va sistemata la punteggiatura. Potresti mettere:
"La strada lasciava intravedere la banchina del porto. In una giornata plumbea e fredda il vento accarezzava la pelle" 
oppure: " La strada lasciava intravedere la banchina del porto in una giornata plumbea e fredda. Il vento accarezzava la pelle" 


"L'inganno era chiaro solo per l'occhio e una via, passando sopra la costruzione, portava al vecchio castello aragonese" Anche questa frase é ostica.

"pochi metri dal mare, in estate la pista più lunga" idem. 

 prof. = professore oppure Prof (senza il punto)



Ribadisco che sono annotazioni dettate da un punto di vista personale.
grazie 

3Dighe e panchine Empty Re: Dighe e panchine Mer Gen 12, 2022 2:34 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Grazie per la lettura e per le segnalazioni.
In effetti è questa una scrittura inusuale per il mio stile soprattutto nella prima parte ma spesso stravolgo molto il senso normale di ciò che scrivo che resta in questo racconto per molti tratti classicheggiante nel linguaggio e nell'espressione interiore poetica. E io amo molto la prosa poetica...
Credo che la scrittura giusta della parola professore nella sua abbreviazione sia prof. per il singolare e proff. per il plurale.
Il prof. vale anche per il femminile salvo per togliere dubbi l'uso di prof.essa.
Grazie ancora per le segnalazioni che sempre sono utilissime per aumentare le proprie conoscenze... più sono gli appunti è più cresce il libro personale della conoscenza.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

4Dighe e panchine Empty Re: Dighe e panchine Mer Gen 12, 2022 3:02 pm

Mac

Mac
Younglings
Younglings

Mi sono spiegata male e me ne scuso. Intendevo che in una prosa, soprattutto poetica, l’uso di prof. scritto così suoni male. Ti faccio un esempio: lo troverei corretto nell’intestazione di una lettera “all’attenzione del prof. XYZ”
Qui ci vedrei meglio “professore” oppure il più colloquiale Prof (scritto come soprannome o appellativo).
Sono comunque preferenze di stile.
Grazie ancora per la lettura

5Dighe e panchine Empty Re: Dighe e panchine Mer Gen 12, 2022 3:13 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Ma grazie a te per il tuo prezioso parere, nel confronto ci si arricchisce sempre.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.