Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» Storie vagabonde
La volpe e il demone EmptyIeri alle 10:38 pm Da Resdei

» Un caffè e… la riflessione del giorno
La volpe e il demone EmptyIeri alle 9:57 pm Da Giancarlo Gravili

» La poltrona disabitata
La volpe e il demone EmptyIeri alle 8:06 pm Da Petunia

» La poltrona disabitata
La volpe e il demone EmptyIeri alle 7:44 pm Da Petunia

» Profumo di sandalo
La volpe e il demone EmptyIeri alle 5:12 pm Da Mac

» IL DONO
La volpe e il demone EmptyIeri alle 5:03 pm Da Mac

» 7 in condotta
La volpe e il demone EmptyIeri alle 4:31 pm Da Susanna

» Il sentiero delle memorie perdute
La volpe e il demone EmptyIeri alle 1:16 pm Da Giancarlo Gravili

» Natale Bifronte - Info e chiarimenti
La volpe e il demone EmptyIeri alle 10:16 am Da Susanna


Non sei connesso Connettiti o registrati

La volpe e il demone

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1La volpe e il demone Empty La volpe e il demone Gio Nov 11, 2021 10:49 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

https://www.differentales.org/t1013-la-tua-scintilla#13478:

 La volpe e il demone

Sera inoltrata.
La collina sale su per i vigneti mostrando il volto al tramontare del sole e stradine che tra essa si confondono in un dedalo di pietruzze.
Una chiesa del 1400,
totalmente diroccata, fa da contorno a un monastero abbandonato sulla cima,
a scendere con lo sguardo una masseria fortificata, anch'essa vuota, fa da guardiano al bosco
che costeggia i campi
salendo sin sull'erta.
Una vecchia
strada statale accompagna a valle verso il capoluogo della provincia, traffico inesistente, panorama che tende all'infinito, tracciato da distese di vigne, ulivi e da una interminabile fila di tralicci elettrici.
Buio totale, il buio che nel Salento è tipico,
chi è passato dai luoghi sa di cosa parlo.
Volpi attraversano l'asfalto macchiato dalla terra che lambisce la carreggiata,
le vedi sotto i fari dell'auto.

Si procede verso sud direzione capo di Leuca, sulla sinistra i colli, sulla destra le distese.
Ma è scuro, che più scuro non si può.
Sulla cima della collinetta una serie di pini mediterranei circondano il monastero dell'ottocento.
In fianco non distante la chiesa citata, il corpo intero dei fabbricati s'impadronisce dell'ambiente totalmente.
Il tempo delle visite lassù è trascorso, il ricordo no.
Una struttura romanica con interno dimesso e un altare stranamente integro, sui muri segni chiaramente tendenti al filone infernale o a quello erotico pagano o a necessità fisiologiche.


Fin qui forse siamo nel normale, molti frequentano quei luoghi e tutti si divertono a dipingere le loro frustrazioni.
Il bel rifugio d'inesistenti suore oblate mostra una pianta strana con un disegno tondeggiante appoggiato sui lati da absidi più bassi della struttura. Un piccolo Pantheon anche se leggermente diverso.
Narra chi vuol narrare questo: “Dalla costruzione partono cunicoli sotterranei che dopo diversi chilometri sbucano direttamente nel castello baronale posto all'ingresso d'un ridente paese o quasi che ha visto nascere il narrante medesimo che sarei io”
Detto luogo è anch'esso circondato da un bosco.

«Fate attenzione ragazzi che i cunicoli sono a cielo aperto, ben nascosti dalla folta vegetazione» Questo il consiglio ricorrente degli anziani. Ma io sono ragazzo e me ne frego.
Finito questo flash back torno alla mia postazione di guida e ci ritroviamo ai giorni nostri.

La sera ulula e un upupa upupeggia con un upupo, no sbaglio era un civetto che inseguiva una civetta. Va beh... Fa caldo, molto caldo, abbasso il finestrino per godermi l'aria stantia e profumata della terra.
Qualcosa attrae lo sguardo, ufo? No, nel prossimo racconto, forse.
Luci provengono dalla collina, anzi dalla chiesa e dal monastero, a quell'ora di notte chi sarà mai?
Fermo le ruote su una piazzola e scendo.
Di fronte al mio aguzzo sguardo occhialuto noto che anche dalla masseria ai piedi della salita s'estendono verso il buio delle luci strane.
No mi correggo non sono luci.
Tolgo la mia fanaleria e strizzo le sopracciglia, accidenti sono centinaia di fiaccole che illuminano la costruzione.
E che diamine ci fanno? Visto che non c'è mai stata anima viva lì...
Ora comprendo: anima viva no, ma morta sì, li morta... sua.
Già sono sudato ben bene ed ecco che s'avverte un suono, per dire il vero il suono lo avverto io.
Dapprima lontano ronzare poi distinto battere, infine un rimato e cadenzato suono di tamburi.
La notte aumenta la sonorità spandendo le onde.
Fuochi nella masseria dall'aspetto spettrale, luci misteriose sulla collina, tam tam dei morti.
Poi per condire il minestrone horror voci bisbiglianti e sussurri.
Sono immerso in un buio totale nella campagna tra colline e boschi.
Io per dirla in breve e farla lunga mi posiziono dietro l'auto e mi libero di necessità urgenti, visto l'ambiente in tensione idraulica ed emotiva.
Poi un fruscio dalla siepe in fondo, porca miseria.
Stringo bene la cinghia per non perdere la virtù, monto a razzo katjusa sul sedile, giro trentacinque volte il motorino d'avviamento e scatto via con gli occhiali storti, i pantaloni al contrario, il pomello delle marce infilato nell'orecchio destro e le palle degli occhi che nemmanco E.T. può permettersele.
Notte del piffero.
Intanto sul ciglio della strada una volpe si rifila le unghie sghignazzando come una matta.


Se ti becco brutta volpe ti faccio passare la voglia di farmi scherzi.
E non guardarmi con quegli occhi rossi.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Ven Nov 12, 2021 8:31 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Ciao  @Giancarlo Gravili. Mi è piaciuta tanto la descrizione iniziale del luogo. Uno sguardo da “drone” ma ugualmente capace di suscitare una certa inquietudine. Mi ha stregata la storia dei cunicoli e già pregustavo ulteriori brividi… invece hai mandato tutto a tarallucci e vino! 
Sai che apprezzo il tuo stile così personale e audace ma in questo caso avrei proprio preferito che tu continuassi la storia “horror”. Caspita…


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

3La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Ven Nov 12, 2021 9:46 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Ho sdrammatizzato. Pet perché quella sera fu veramente da incubo... Credo che su quella collina praticassero rituali di magia nera. Pensa che nemmeno i proprietari dei terreni si avventuravano in quel posto dopo il tramonto. Sono luoghi in cui da piccolo facevo scorribande in bici...


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

A Petunia garba questo messaggio

4La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Ven Nov 12, 2021 10:08 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

@Giancarlo Gravili esperienza da brividi. Tornaci con la fantasia e facci tremare di paura…💖


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

5La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Ven Nov 12, 2021 5:24 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Uh beh, poi uno dice: non devi aver paura del buio, quello che c'è di giorno c'è anche di notte.
Però il buio racchiude tante nostre paure, che poi basta poco per farle crescere a dismisura: una fiaccolata (anche se rappresentativa di dubbi riti), il fruscio di un cespuglio mosso dal vento o da un animale che pure ha paura, le immagini travisate da una vista non perfetta...
Insomma, andateci voi in giro al buio...
Pensieri vaganti per un racconto che i brividini li lascia.
Grazie carissimo.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

6La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Gio Nov 18, 2021 1:36 pm

Mac


Viandante
Viandante

@Giancarlo Gravili ha scritto:
https:

 La volpe e il demone

Sera inoltrata.
La collina sale su per i vigneti mostrando il volto al tramontare del sole e stradine che tra essa si confondono in un dedalo di pietruzze.
Una chiesa del 1400,
totalmente diroccata, fa da contorno a un monastero abbandonato sulla cima,
a scendere con lo sguardo una masseria fortificata, anch'essa vuota, fa da guardiano al bosco
che costeggia i campi
salendo sin sull'erta.
Una vecchia
strada statale accompagna a valle verso il capoluogo della provincia, traffico inesistente, panorama che tende all'infinito, tracciato da distese di vigne, ulivi e da una interminabile fila di tralicci elettrici.
Buio totale, il buio che nel Salento è tipico,
chi è passato dai luoghi sa di cosa parlo.
Volpi attraversano l'asfalto macchiato dalla terra che lambisce la carreggiata,
le vedi sotto i fari dell'auto.

Si procede verso sud direzione capo di Leuca, sulla sinistra i colli, sulla destra le distese.
Ma è scuro, che più scuro non si può.
Sulla cima della collinetta una serie di pini mediterranei circondano il monastero dell'ottocento.
In fianco non distante la chiesa citata, il corpo intero dei fabbricati s'impadronisce dell'ambiente totalmente.
Il tempo delle visite lassù è trascorso, il ricordo no.
Una struttura romanica con interno dimesso e un altare stranamente integro, sui muri segni chiaramente tendenti al filone infernale o a quello erotico pagano o a necessità fisiologiche.


Fin qui forse siamo nel normale, molti frequentano quei luoghi e tutti si divertono a dipingere le loro frustrazioni.
Il bel rifugio d'inesistenti suore oblate mostra una pianta strana con un disegno tondeggiante appoggiato sui lati da absidi più bassi della struttura. Un piccolo Pantheon anche se leggermente diverso.
Narra chi vuol narrare questo: “Dalla costruzione partono cunicoli sotterranei che dopo diversi chilometri sbucano direttamente nel castello baronale posto all'ingresso d'un ridente paese o quasi che ha visto nascere il narrante medesimo che sarei io”
Detto luogo è anch'esso circondato da un bosco.

«Fate attenzione ragazzi che i cunicoli sono a cielo aperto, ben nascosti dalla folta vegetazione» Questo il consiglio ricorrente degli anziani. Ma io sono ragazzo e me ne frego.
Finito questo flash back torno alla mia postazione di guida e ci ritroviamo ai giorni nostri.

La sera ulula e un upupa upupeggia con un upupo, no sbaglio era un civetto che inseguiva una civetta. Va beh... Fa caldo, molto caldo, abbasso il finestrino per godermi l'aria stantia e profumata della terra.
Qualcosa attrae lo sguardo, ufo? No, nel prossimo racconto, forse.
Luci provengono dalla collina, anzi dalla chiesa e dal monastero, a quell'ora di notte chi sarà mai?
Fermo le ruote su una piazzola e scendo.
Di fronte al mio aguzzo sguardo occhialuto noto che anche dalla masseria ai piedi della salita s'estendono verso il buio delle luci strane.
No mi correggo non sono luci.
Tolgo la mia fanaleria e strizzo le sopracciglia, accidenti sono centinaia di fiaccole che illuminano la costruzione.
E che diamine ci fanno? Visto che non c'è mai stata anima viva lì...
Ora comprendo: anima viva no, ma morta sì, li morta... sua.
Già sono sudato ben bene ed ecco che s'avverte un suono, per dire il vero il suono lo avverto io.
Dapprima lontano ronzare poi distinto battere, infine un rimato e cadenzato suono di tamburi.
La notte aumenta la sonorità spandendo le onde.
Fuochi nella masseria dall'aspetto spettrale, luci misteriose sulla collina, tam tam dei morti.
Poi per condire il minestrone horror voci bisbiglianti e sussurri.
Sono immerso in un buio totale nella campagna tra colline e boschi.
Io per dirla in breve e farla lunga mi posiziono dietro l'auto e mi libero di necessità urgenti, visto l'ambiente in tensione idraulica ed emotiva.
Poi un fruscio dalla siepe in fondo, porca miseria.
Stringo bene la cinghia per non perdere la virtù, monto a razzo katjusa sul sedile, giro trentacinque volte il motorino d'avviamento e scatto via con gli occhiali storti, i pantaloni al contrario, il pomello delle marce infilato nell'orecchio destro e le palle degli occhi che nemmanco E.T. può permettersele.
Notte del piffero.
Intanto sul ciglio della strada una volpe si rifila le unghie sghignazzando come una matta.


Se ti becco brutta volpe ti faccio passare la voglia di farmi scherzi.
E non guardarmi con quegli occhi rossi.
Ciao Giancarlo, questo è il tuo primo racconto che leggo, quindi non conosco il tuo stile.
Sinceramente sono perplessa dai continui cambi di genere e di tensione.
Parti con una descrizione quasi aulica, poi cambi registro e diventa un racconto volutamente incerto (usi forse, uguale ma leggeremente diverso, quasi) non si capisce se questa incertezza è voluta o meno. Poi inizia la storia horror e sembra una sceneggiatura (finito il flash back, torno ai giorni nostri). Poi cambia di nuovo e diventa quasi nonsense, (perchè ha i pantaloni al contrario?)
- absidi é plurale femminile 
- mancano alcune virgole
- fa da guardiano al bosco (andrei di seguito altrimenti non si capisce bene )
  che costeggia i campi 
salendo sin sull'erta.
ridente paese o quasi : metterei tra due cirgole "o quasi"


Potrebbe essere una storia con un bel potenziale, secondo il mio modesto parere, dovresti rivederla e decidere lo stile da darle.

7La volpe e il demone Empty Re: La volpe e il demone Gio Nov 18, 2021 2:29 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Ti ringrazio dell'analisi accurata, terrò ben conto dei suggerimenti. Grazie ancora.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

A Mac garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.