Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Discobolo

+12
vivonic
Achillu
Danilo Nucci
Susanna
Akimizu
Byron.RN
FedericoChiesa
SisypheMalheureux
Molli Redigano
Petunia
paluca66
Different Staff
16 partecipanti

Nuovo argomento  Rispondi

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Discobolo Empty Discobolo Dom Ott 03, 2021 2:30 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
“Efeso, ti prego, aspettami qui” disse il maestro togliendo la mano del giovane dalla sua spalla.
“Non mi muovo, maestro, mi troverai qui” rispose l’atleta tradendo una certa emozione.
“Abbiamo una possibilità…” sussurrò il maestro prima di varcare la soglia del bulé.
Non appena l’allenatore fu nella stanza, tutti gli occhi erano puntati su di lui. Gli sguardi erano indifferenti ma penetranti e questo gli provocò un certo imbarazzo. Sapeva di essere un bersaglio.
“Milone,” esordì con tono sprezzante il più anziano del consiglio, “sostieni dunque che il ragazzo possa prendere parte alla gara?”
“Assolutamente. Il giovane Efeso è un atleta a tutti gli effetti, come gli altri” rispose deciso.
“Ciò che stai dicendo è molto grave. E’ contro natura, contro gli dei!” esclamò uno dei giudici di gara presenti nella stanza.
“Se così fosse, gli dei mi avrebbero punito, non è la prima volta che faccio queste affermazioni” ribatté Milone.
“Ho saputo che il giovane s’è rivolto all’oracolo di Zeus nella speranza di avere una grazia che a quanto pare non è arrivata” lo riprese l’anziano alzando gli occhi. Gli altri presenti risero.
“In compenso,” disse l’allenatore senza scomporsi, “Efeso sembra aver acquistato più vigore, sia nel fisico che nell’animo. Tutti conoscete i suoi risultati nel lancio.”
“Questo è noto” ammise il vecchio visibilmente infastidito.
“Efeso chiede soltanto di poter partecipare alla gara. Si è allenato duramente, con impegno e dedizione. Da quando si è rivolto all’oracolo crede di avere il favore degli dei. E, mestamente, ora chiede il vostro beneplacito.”
Milone aveva la fronte imperlata di sudore. Era nervoso. Il disprezzo che quegli uomini provavano per lui era mischiato all’aria che respirava.
“Puoi andare, Milone” disse il capo del consiglio indicando l’uscita, “a breve ti faremo sapere la nostra decisione.”
 
“Maestro,” sussurrò Efeso, “percepisco l’odio e il disprezzo nei miei confronti. Spero che questo non pregiudichi la mia gara.”
“Non accadrà, vedrai,” lo rassicurò Milone, “tu resta concentrato sul lancio e pensa sempre a tutti i sacrifici che hai fatto per essere qui. Trasforma il disprezzo in energia, l’odio in forza e lancia il disco come solo tu sai fare.”
Gli spalti dello stadio erano gremiti. Gli spettatori urlavano e applaudivano gli atleti. La sacra fiamma ardeva nel braciere alimentata dall’entusiasmo e dal piacere degli dei.
Fu finalmente il turno di Efeso. Milone, tenendo la mano del giovane appoggiata sulla sua spalla, lo accompagnò in pedana. Prima di lasciarlo, lo accarezzò. Non disse una parola. Il pubblico era ammutolito.
Efeso strinse il disco nella mano. I muscoli in tensione accentuarono le forme del suo corpo ricoperto da una patina di sudore luccicante. Puntò i piedi e iniziò la torsione. Pensò intensamente al disco, agli spettatori, agli dei, ai suoi avversari e a Milone, il suo maestro e primo sostenitore. Sentì un brivido partigli dal tallone, che gli fece via via tendere i nervi come la corda di un arco. Scagliò il disco con tutta la forza che aveva, lanciando un urlo amplificato dal cielo sopra di lui e dal silenzio dei presenti. Il disco cadde con un tonfo sordo, rimbalzando tre volte prima di fermarsi nell’erba.
Il pubblico era in delirio. Efeso capì cosa aveva fatto soltanto quando fu travolto dall’abbraccio del suo allenatore.
“Efeso,” disse Milone con le lacrime agli occhi, “hai fatto qualcosa di grande!”
“Credo sia anche merito tuo, maestro!” rispose l’atleta.
“Li hai stracciati, per tutti gli dei!” lo incalzò Milone, palesemente in visibilio.
Efeso era felice, copiose lacrime iniziarono a solcare le sue guance rosee. Aveva vinto la gara, ma soprattutto aveva sconfitto il pregiudizio. Da quel momento fu chiaro a tutti che chiunque aveva una possibilità. Gli dei avevano tolto qualcosa alla sua vita e gliel’avevano restituita in un’altra forma.
“Maestro,” esclamò Efeso, “arde ancora la sacra fiamma?”
“Oh sì, campione, più vivida di prima!” rispose Milone.
“Bene, accompagnami là vicino. Se non posso vederla, vorrei almeno sentire il suo calore sul mio corpo.”

2Discobolo Empty Re: Discobolo Dom Ott 03, 2021 4:13 pm

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan
Molto interessante ed originale questa ambientazione nell'antica Grecia del tuo racconto, in cui compare questa idea comune alle antiche religioni che la disabilità fosse una conseguenza di qualche peccato (pensiamo al cieco nato della Bibbia). 
La parte migliore del racconto, a mio vedere, è proprio quella iniziale, il confronto del maestro che crede nelle possibilità del suo allievo indipendentemente dalla sua cecità e la chiusura al limite dell'ottusità del Consiglio... che però alla fine vota a favore.
la seconda parte è più scontata se mi passi il termine anche se è bello leggere gioia e positività nel tuo racconto.
Nulla da dire sulla scrittura, la scorrevolezza e la chiarezza del tuo scritto.
Nel complesso prova superata decisamente bene, complimenti.

3Discobolo Empty Re: Discobolo Dom Ott 03, 2021 6:58 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Questa è un altro modo originale di interpretare la traccia proposta. Ci hai trasportati nel tempo per farci scoprire che il discobolo era cieco. Il racconto ripropone tra mito e storia la tematica della disabilità e il fatto che chi vive tale condizione possa raggiungere ugualmente risultati di grande livello agonistico.
Ora io penso che ciò non sia realmente possibile. Chi si trova nella condizione di sopportare limiti fisici o mentali non può pensare di ottenere gli stessi risultati di un atleta che non ha tali problemi. Però questa tua interpretazione ha il fascino del “possibile” e, alla fine, risulta educativa e motivante.
Dal punto di vista della scrittura avrei qualche osservazione. Ti faccio alcuni esempi.
“Efeso, ti prego, aspettami qui” disse il maestro togliendo la mano del giovane dalla sua spalla “
Come incipit è un po’ contorto. Asciugherei fermandomi alla parola maestro.

Non mi muovo, maestro, mi troverai qui” rispose l’atleta tradendo una certa emozione.
Se mi “racconti” che l’atleta ė emozionato non aggiungi nulla e soprattuto non mi raggiungi. 
Fammela vivere l’emozione non me la dire.

 E’ contro natura. È contro natura.

Maestro,” sussurrò Efeso, “percepisco l’odio e il disprezzo nei miei confronti. Spero che questo non pregiudichi la mia gara.”
Stessa considerazione. Non mi dire che percepisce il disprezzo. Fai agire il pubblico. Magari fallo fischiare, fagli arrivare qualche sputo. È cieco, non sordo. Quindi per percepire il disprezzo il pubblico deve fare qualcosa.
Bella la chiusa. Ho sentito il calore di quella fiamma.


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

4Discobolo Empty Re: Discobolo Dom Ott 03, 2021 7:07 pm

Molli Redigano

Molli Redigano
Padawan
Padawan
@Petunia ha scritto:
“Maestro,” sussurrò Efeso, “percepisco l’odio e il disprezzo nei miei confronti. Spero che questo non pregiudichi la mia gara.”
Stessa considerazione. Non mi dire che percepisce il disprezzo. Fai agire il pubblico. Magari fallo fischiare, fagli arrivare qualche sputo. È cieco, non sordo. Quindi per percepire il disprezzo il pubblico deve fare qualcosa.
Bella la chiusa. Ho sentito il calore di quella fiamma.
Ti giuro che agli sputi ci avevo pensato. Ma non volevo "ridicolizzare" il mio personaggio. In ogni caso, giusta la tua osservazione, come le altre del resto.

Grazie  Discobolo 1f60e


______________________________________________________
Branzagot senz'onma.

Gaute da suta Cool!

Discobolo Senza_12

5Discobolo Empty Re: Discobolo Dom Ott 03, 2021 9:33 pm

SisypheMalheureux

SisypheMalheureux
Padawan
Padawan
“kalòs kai agathòs", bellezza estetica e bellezza morale vanno di pari passo. Hai rappresentato molto bene un mondo dove l'handicap e le deformità fisiche venivano concepti come segni di non rettitudine, di depravazione morale. Una specie di "marchio", di castigo degli dei. Certo, non è facile immergersi in un tempo così lontano dal nostro ma tu sei stato bravo a inscenare una specie di "paralimpiade" ante litteram. Ti segnalo solo questa frase che, a mio parere, contiene una piccola incongruenza:"Gli sguardi erano indifferenti ma penetranti e questo gli provocò un certo imbarazzo." Sguardi indifferenti ma penetranti? Faccio fatica a immaginarli, detto francamente. Per il resto, testo ben scritto e ammiro il coraggio di una scelta così controcorrente.   


______________________________________________________
"Stirpe miserabile ed effimera, figlio del caso e della pena, perché mi costringi a dirti ciò che per te è vantaggiosissimo non sentire? 
Il meglio è per te assolutamente irraggiungibile: non essere nato, non essere, essere niente. Ma la cosa in secondo luogo migliore per te è morire presto."

6Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 12:26 am

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Younglings
Younglings
Ho letto un giallo, ambientato a Olimpia, nelle Olimpiadi classiche.
Il tuo racconto, i nomi dei tuoi personaggi me l'hanno ricordato.
Lo spunto è molto originale, ma per essere sviluppato avrebbe avuto bisogno di più spazio, creare un po' di suspence, sviluppare il confronto con altri atleti.
Comunque si legge molto volentieri.

7Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 9:59 am

Byron.RN

Byron.RN
Padawan
Padawan
Bella l'ambientazione storica e se c'era qualcuno che poteva pensare a una cosa del genere quello sei tu.
È un racconto d'atmosfera, affascinante, che non mi convince solo per il suo epilogo.
Come dice Petunia, uno sportivo che ha un handicap fisico potrà sì ottenere grandi risultati, ma non potrà mai superare atleti "integri".
Comunque il tuo messaggio d'integrazione è chiaro e per il tuo Efeso sarebbe stata già una vittoria il solo partecipare.
Anche io ti sottolineo questo passaggio che mi pare contraddittorio:Gli sguardi erano indifferenti ma penetranti

8Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 1:43 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Complicatissimo gestire il pdv di una persona cieca. Io non saprei fare. Tu poi aumenti la difficoltà tenendolo nascosto fino alla fine per ottenere un effetto sorpresa. La cosa funziona, ma ripensando ad alcune frasi precedenti ci si accorge che il tutto è un po' forzato. Ma a parte questo ho trovato il racconto davvero ben riuscito, ben scritte convincente come ambientazione. Una nota di merito anche per il personaggio di Efeso, che mi è stato da subito vicino. Complimenti!

9Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 3:06 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Molto originale la scelta di ambientare il racconto in un’epoca in cui la disabilità era un marchio del malvolere degli dèi, una colpa da nascondere agli occhi del mondo.
Complimenti per la scelta, che mette in campo anche un’ottima cultura, che con la fantasia fa un buon binomio; sempre gradevole lo stile e la cura del lessico e dei dialoghi.

Il racconto regge bene in tutto il suo sviluppo: potendo spaziare maggiormente, sarebbe stato interessante vivere i momenti del discobolo prima della gara, quando sa di dover dimostrare tanto al mondo che lo sta non osservando, ma giudicando e non come atleta ma come persona diversa, e per questo debole e inadeguata.

Il limite dei caratteri purtroppo è sempre un limite difficile da gestire, quando si avrebbe tanto da dire.
Mi è piaciuto molto “Trasforma il disprezzo in energia, l’odio in forza” mentre “li hai straccati” è troppo moderno, ma va bene cosi.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

10Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 6:44 pm

Danilo Nucci

Danilo Nucci
Padawan
Padawan
“Bulé”: mannaggia, ho dovuto cercarlo su Wikipedia. Credevo che fosse una parola francese che mi stonava assai con il contesto. Si vede che non ho fatto studi classici.
Scherzi a parte, trovo che nella storia antica ti trovi a completo agio, come ho potuto verificare anche in altri lavori; frutto evidente di una buona preparazione. Il brano mi ha insegnato qualcosa e questo è sempre una buona cosa per chi legge, ma anche per chi scrive. Ho apprezzato molto la descrizione del lancio, molto precisa e del tutto realistica.
L’unica nota veramente stonata, come è stato rilevato, quel “Li hai stracciati” che  risucchia in un attimo il lettore dall’antichità ai nostri giorni, ma per il resto un’ottima prova.

11Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 9:37 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Molli.

Ho trovato un difetto nel tuo racconto: bulè, secondo IL Treccani (se non sai a cosa mi riferisco, rileggi l'archivio della chat di DT) si scrive con l'accento grave oppure senza accento.
Il secondo difetto, ma molto meno grave del primo, è che ho capito fin dalla prima scena che Efeso è cieco perché un cieco si accompagna con la mano sulla spalla. Comunque poco male; diciamo che la scena finale me la sono goduta lo stesso.
Forse manca giusto un pelo di imprevedibilità, ma c'è la decisione del consiglio che avviene per intervento di chissà quale divinità a favore di Efeso. Per il resto mi sono ritrovato immerso nei giochi dell'antica Olimpia con il pubblico a tifare per l'eroe locale, incurante del suo "difetto" che, per la cultura del tempo, doveva essere una cosa molto escludente. Hai curato molto i particolari, aggiungendoli in modo da arricchire la narrazione anziché appesantirla, distribuendoli accuratamente anziché concentrarli in un infodump. Insomma, mi hai fatto pure venir voglia di visitare il sito archeologico.

Grazie e alla prossima.


______________________________________________________
Discobolo Badge-2
https://linktr.ee/Achillu

12Discobolo Empty Re: Discobolo Lun Ott 04, 2021 9:49 pm

vivonic

vivonic
Admin
Admin
Sono d'accordo con Achi per quanto concerne il colpo di scena finale: crei un climax che evidentemente deve andare a finire da qualche parte, e l'indizio della mano sulla spalla è l'unico che hai disseminato o, se non è l'unico, è il più evidente; di conseguenza, non è che uno resti lì sorpreso ad aspettare il colpo di scena finale, perché sa che ci deve essere... 
Questo, però, non è un difetto del racconto, il quale scorre benissimo e coglie pienamente il must di questo contest; quindi, secondo me, sei riuscito perfettamente a scrivere un racconto adatto allo scopo.
Complimenti davvero. A me è piaciuto davvero molto Smile


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

13Discobolo Empty Re: Discobolo Mar Ott 05, 2021 7:21 am

Molli Redigano

Molli Redigano
Padawan
Padawan
Con questo messaggio in coda al mio "Discobolo", voglio ringraziare tutti per i commenti. Come sempre, com'è giusto, incasso elogi e critiche di cui farò tesoro. 

Vi confesso, onestamente, che il tema proposto a questo giro non mi ha entusiasmato. Per carità, mai ho pensato di non partecipare, per cui ho usato questa sorta di "avversione" verso il tema come energia per tornare indietro nel tempo.

Quindi, in bocca al lupo a tutti per questa Folgore e a presto, prestissimo, per il quinto step. Ci sarà da divertirsi.

Grazie


______________________________________________________
Branzagot senz'onma.

Gaute da suta Cool!

Discobolo Senza_12

14Discobolo Empty Re: Discobolo Mar Ott 05, 2021 9:29 am

ImaGiraffe

ImaGiraffe
Padawan
Padawan
Molli io ho adorato il tuo testo. 
Aver affrontato la sfida portandoci indietro nel tempo è stata la tua mossa vincente e sei riuscito con coerenza a svolgere al meglio il compito. 
Io purtroppo come succede quando un testo mi piace tantissimo non ho molto da dire se non grazie e complimenti.

15Discobolo Empty Re: Discobolo Mar Ott 05, 2021 12:00 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan
L'argomento è molto interessante. Capiamo subito che il giovane Efeso ha un problema fisico e nel finale ci sveli quale, anche se molti indizi disseminati lungo la narrazione ammortizzano l'effetto sorpresa.
Nel dialogo iniziale ci sono troppe descrizioni che appesantiscono la lettura. Io prefrisco scorrere più velocemente e passare al lettore le sensazioni invece di descriverle. Però è gusto personale.
Un buon lavoro. Complimenti
Grazie


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

16Discobolo Empty Re: Discobolo Mar Ott 05, 2021 12:07 pm

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan
Ciao Molli
Bel racconto, anche il tuo.
Sei bravissimo a ricreare le atmosfere passate, piene di storia di suoni e immagini.
Mi è piaciuto come hai condotto il racconto, i dialoghi, fino alla frase finale, commovente e rivelatrice.
Bravo davvero complimenti

17Discobolo Empty Re: Discobolo Mar Ott 05, 2021 2:30 pm

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan
Ciao Molli,
a me questo brano è piaciuto molto! (sono in sintonia con Imagiraffe in questa Folgore...).
Sì, forse la mano sulla spalla può essere l'indizio di qualcosa, ma questo non toglie niente all'originalità e alla corposità del testo: scegliere quest'argomento è stata una bella idea, l'antica Grecia mi affascina sempre molto!
Ho davvero poco da dirti in merito, forse avrei qualcosa da dire sui dialoghi (ma è sempre l'antica questione di quando si leggono gli storici: parlato attuale o dell'epoca? ...), forse li asciugherei, ecco, per togliere quella patina di sonomodernomascrivoantico, ma è solo per buttare lì un suggerimento.
Complimenti!

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Nuovo argomento  Rispondi

Permessi in questa sezione del forum:
Puoi rispondere agli argomenti in questo forum.